Articoli marcati con tag ‘umana’

George Waltman , l’uomo che disputò la 24 ore di Daytona da solo

lunedì, 23 gennaio 2012

Chissà quanti di noi , ingenuamente, magari riflettendo durante un lungo viaggio , si sono chiesti se qualcuno sia mai riuscito a disputare una gara di durata di 24 ore senza dare il cambio ad altri piloti.
Ebbene per quel che riguarda la leggendaria 24 ore di Le Mans , benchè agli inizi non fosse stabilito per regolamento nè il numero di macchine impiegabili , nè il numero minimo o massimo di piloti per disputarla , soltanto due piloti tentarono questa pazza impresa : Pierre Levegh e Eddie Hall ma senza riuscirci. in seguito il regolamento venne cambiato ed impose almeno due piloti e , a partire dagli anni 80, almeno 3.
Tuttavia riguardo invece alla meno nota, ma non meno importante 24 ore di Daytona , la cosa riuscì anche se non certo in ottica prestazionale, ma soltanto ai fini di dimostrare la capacità di resistenza umana alla guida.
Nell’edizione del 1968 infatti un certo George Waltman , un gentelmen driver di New York , decise di disputare la gara a bordo della propria Morgan Plus 4. il regolamento gli impose di sostare per il riposo un’ora ogni 4 ore di guida e l’incredibile è che lo stesso pilota , non disponendo di un team per i rifornimenti , si occupò da solo del cambio gomme, del rifornimento di benzina e del rabbocco di tutti i liquidi.
Alla fine il nostro eroe non solo disputò tutte le 24 ore di gara, ma concluse con un più che onorevole 30° posto assoluto guidando per ben 335 giri. ma la cosa più incredibile è che al termine della gara il nostro George fece un bel cambio d’olio e guidò la propria Morgan fino a casa propria a New York Voi che dite? esiste ancora spazio per piloti così quando persino sui circuitini provinciali si vedono termocoperte , telemetrie e chi più ne ha più ne metta?

  • Share/Bookmark

Questo fine settimana ci sarà il “1° Motoraduno Nazionale Città di Scampitella”

giovedì, 29 luglio 2010

Scampitella foto
Per questo fine settimana il Moto Club Barony Wolves invita tutti i centauri a raggiungere la località Scampitella in provincia di Avellino per festeggiare al proprio raduno l’arrivo del mese estivo per eccellenza, agosto. Scampitella fa parte della comunità montana ufita, e si trova al confine tra la Puglia e la Campania. Sull’origine del suo toponimo non si hanno notizie: si sa solo che nel suo attuale territorio esisteva il feudo di Contra, che nel 1187 fornì due militi per una spedizione in Terra Santa. Alcuni ritrovamenti archeologici effettuati nella città di Scampitella testimoniano una frequentazione umana molto antica, probabilmente legata alla sua posizione di “passo” tra la Campania e la Puglia. Numerosi sono i reperti di epoca romana recuperati nelle vicinanze del paese.Nel medioevo le vicende storiche del luogo sono strettamente legate alla Baronia di Vico (oggi Trevico), a cui il paese apparteneva. L’associazione motociclistica irpina è nata nel 2003, vanta oggi una trentina di soci, e la loro attività principale è il mototurismo: “Adoriamo – spiega il presidente onorario Bartolomeo Del Gaudio – viaggiare alla guida di una due ruote. La nostra regione si presta per chi ama gustare le meraviglie del paesaggio al ritmo delle pulsazioni del motore della propria moto. Come mete, però, non scegliamo solo quelle legate al territorio campano, ma cerchiamo di essere presenti anche agli incontri organizzati nel resto d’Italia”. Il programma del raduno organizzato dai “Lupi della Baronia” è ricco di eventi: “La motoconcentrazione – dice Del Gaudio – avverrà nel piazzale Padre Pio, nei pressi del campo sportivo. Nella giornata di sabato sono previste delle esibizioni di aeromodellismo e di falconismo. La prima è frutto della collaborazione con il Fly Club del Vulture, mentre la seconda permetterà di far scoprire agli amici motociclisti il legame secolare che unisce l’uomo al falco. La serata sarà ricca di musica, da quella rock a quella country, grazie all’esibizione del gruppo H2 0. La domenica sarà dedicata esclusivamente alla scoperta delle bellezze paesaggistiche locali, ed il percorso prevede una tappa nella vicina località di Anzano. Dopo le premiazioni di rito legate alle classifiche della Fmi, ci sarà l’esibizione del cantante Mario Bi, che chiuderà l’evento. Per quanto riguarda i costi, va detto che l’iscrizione è di 5 euro, ed è possibile soggiornare in un albergo a tre stelle alla cifra di 15 euro a persona”.
ALFREDO DI COSTANZO

  • Share/Bookmark