Articoli marcati con tag ‘tre ruote’

A Mercato San Severino (Sa) la Fmi-Campania presenta le ultime novità sul Turismo e Moto D’epoca

lunedì, 31 gennaio 2011

Sabato 5 febbraio alle ore 17,00 presso la sede del Lions Club di Via Paolo Borsellino in Mercato San Severino, provincia di Salerno, saranno illustrate le ultime novità del Settore Utenza, Turismo e Moto d’Epoca Fmi in Campania. Il comitato regionale ha deciso di dare vita alla Commissione Turistica Regionale che avrà il compito di recepire tutte le istanze del mondo mototuristico regionale per approntare al meglio il calendario ed il regolamento del Trofeo Turistico Regionale per la nuova stagione 2011. A guidare la commissione sarà Antonino Schisano, che potrà contare sull’appoggio di Valerio Greco, delegato provinciale di Salerno e coordinatore regionale dell’Area Utenza. A comporre la commissione saranno: Michele Sparano che curerà l’aspetto tecnico-regolamentare, Enzo Bruno preposto alla parte sportiva, e Felice Mele addetto alle relazioni tra il mondo bikers ed FMI. Ci sono novità anche nel settore Moto D’epoca; si rinnova per il 2011 il Campionato Regionale Gimkana dedicato alle moto d’epoca ed aperto anche a tutti i tipi di motoveicoli, dal ciclomotore ai quad, ai motoveicoli a tre ruote.
L’organizzazione del Campionato Regionale Gimkana sarà affidata al Coordinamento Gimkana, facente parte della Commissione Turistica Regionale. I membri sono Enzo Tomassetti, delegato provinciale di Avellino e Benevento, Erminio Tortora, presidente del Moto Club Nuceria Bikers e Giovanni Di Iorio, esaminatore del Registro Storico. Quest’ultimo avrà anche il compito di curare la promozione del campionato presso i moto club interessati, ed il controllo sulla corretta applicazione del regolamento. Maggiori informazioni potranno aversi ciccando sul sito www.federmoto.it, e recandosi sulla sezione dedicata al comitato regionale campano.
ALFREDO DI COSTANZO

  • Share/Bookmark

la britannica Delta E 4 Coupè elettrica è ultima europea in lizza per AUTO X-PRIZE

mercoledì, 10 marzo 2010

Delta-E4-CoupeAuto X prize è una gara indetta tra costruttori e trasformatori di autoveicoli indetta allo scopo di produrre un veicolo a basso costo, ecologico e soprattutto estremamente efficiente. moltissime le filosofie applicate , da chi ha trasformato vecchi veicoli esistenti modernizzandone la meccanica (si sono visti motori common rail su veicoli di 30 anni fa) , a chi e ricorso ad adattare motori termici all’impiego di energie alternative , a chi ha ibridizzato o elettrificato la propria vettura e a chi a messo insieme missili a tre ruote di derivazione aeronautica dotati di micromotori.

La Delta E 4 Coupè è l’ultima creazione di una casa europea rimasta in lizza per la vittoria e la gara sta ormai volgendo al termine. iscritta alla categoria “Mainstream Class” che richiede che il veicolo debba essere a 4 ruote e disegnato per 4 posti , rispettare le norme di sicurezza passiva (crash test) ed essere concepita per essere prodotta in un gran numero di esemplari in maniera da ricavarne un buon profitto.

Incredibilmnte la Delta E 4 e un veicolo che richiede per muoversi un quantitativo di energia veramente basso anche grazie alla ridotta sezione frontale , alla buona aerodonamica ed al peso limitato ,  al contrario di quanto aviene in un veicolo convertito in elettrico dove appunto il peso in eccesso e dovuto in buona parte alla funzione per cui e stato concepito. l’uso di energia quindi e stato ridotto all’osso con enormi vantaggi sull’efficienza dello stesso.

La E4 dovrebbe avere una autonomia di 250 km e il veicolo dovrebbe uscie dallo stadio di prototipo entro Aprile di quest’anno. l’azienda parallelamente collabora anche con al WESTFIELD per la realizzazione della propria i-racer esposta a ginevra.

  • Share/Bookmark

L’elettrico a 3 ruote S.A.M. rinasce in Polonia sotto il nome di ReVolt… costa 14.000 euro meno gli incentivi.

giovedì, 5 novembre 2009
la Re-Volt elettrica a 3 ruote

la Re-Volt elettrica a 3 ruote

Il progetto SAM nato in svizzera sotto il marchio dalla azienda CREE e stato a lungo oggetto di discussioni negli states dove c’è grande fermento e curiosità verso questa tipologia di veicoli utilitari a tre ruote ad alta efficienza, fino a quando il progetto e ricomparso in polonia con il marchio ReVolt con diverse modifiche tecniche e stilistiche.

Questa tipologia di veicolo , pesante 480 kg con le batterie, e costituit0 da un abitacolo biposto con due posti uno dietro l’altro come su un aereo da combattimento , la cellula e interamente in alluminio , due ruote direzionali collocate nella zona anteriore ed una ruota posteriore collegata al motore. non si inclina quindi concettualmente somiglia ad un aereo con un carrello sempre estratto , senza ali e con un motore elettrio collocata sulla terza ruota. rispetto all’originario SAM che usava batterie lead acid , e dotato di batterie Kokam da 7 kw/h e caratterizzato da un assetto fisso (non si inclina) , permette di raggiungere i 90 km/h ed ha una autonomia stimata a norme europee di 100 km – se ve la sentite di farvi un viaggetto in polonia con un volo low cost potete già provarlo prenotando la prova sul sito http://www.re-volt.com.pl/ però prima munitevi di un buon dizionario di polacco perche le traduzioni in inglese e tedesco del sito non sono ancora attive.

la cosa davvero curiosa e che il progetto e stato realizzato in polonia proprio ora ched la amministrazione obama ha deciso di mettere a disposizione gli aiuti di stato anche per costruttori di veicoli a tre ruote.

riguardo al discorso incentivi in italia, tutto dipende da come verrà classificato il veicolo… se sarà identificato come tri-quadriciclo leggero o pesante (sopra i 400kg) o come autovettura. a naso debbo supporre che si tratti di un quadriciclo pesante equivalente ad un 125  guidabile da un sedicenne con almeno patente A o da un adulto con patente B e presumibilmente non potra accedere alle autostrade.

[nggallery id=62]

  • Share/Bookmark

Sabato 19 Settembre veicoli elettrici a Bergamo a Palazzo Frizzoni

sabato, 19 settembre 2009

veicoli Ecologici a Bergamo

veicoli Ecologici a Bergamo

Dal 16 al 22 settembre si svolge la VIII Settimana Europea della Mobilità, il cui tema centrale per questa edizione è “Miglioriamo l’aria in città”. Come ogni anno il Comune di Bergamo aderisce alla manifestazione; molte le iniziative in programma tra cui quella che avrà luogo Sabato 19 quando terranno banco i veicoli elettrici e a pedalata assistita e sarà possibile prenotare una prova su strada: dentro Palazzo Frizzoni e nella piazza antistante saranno presenti la E-Max Italia con gli scooter elettrici della gamma 110S caratterizzati per il motore da ben 4000 w con overboost montato su monobraccio e inserito interamente nella ruota poteriore  , presente anche la Puntogiallo con la microvettura  Start Lab Open Street  di cui vi abbiamo già parlato, Il Piaggio Porter Elettrico a 6 posti , novità assoluta i tandem ed i risciò a tre ruote a pedalata assistita della ditta marchigiana Centanni , le biciclette a pedalata assistita Dinghi e Storm e occasionalmente presenzieremo anche noi di Motorcafè attraverso l’inviato Giuliano Campagnola che si recherà sul posto a bordo della propria bicicletta elettrica. da Palazzo Frizzoni i veicoli raggiungeranno poi Bergamo Alta.
[nggallery id=47]

  • Share/Bookmark

Peugeot metterà in produzione l’HiMotion3 ibrido entro la fine del 2010

lunedì, 13 luglio 2009
hi motion 3

hi motion 3

L’ HiMotion3 rappresenta una grande innovazione nell’ambito dei mezzi destinati al trasporto urbano… come l’MP3 ibrido ha due sistemi di motorizzazione indipendenti in cui la parte termica è 1254tempi, ha tre ruote di cui due sull’assse anteriore e si inclina ma le similarità finiscono qui , in quanto lo schema delle sospensioni è completamente differente dal momento che mentre l’mp3 è costutuito da due forcelle a biscottino come quella della vespa simmetriche e collegate tra loro da un parallelogramma , l’HiMotion invece è realizzato con due sospensioni a quadrilatero collegate al centro da un unico elemento ammortizzante orizzontale che gli da quindi la libertà di inclinarsi conservando però almeno sulla carta una maggiore rigidità d’insieme. inoltre mentre nell’MP3 i motori elettrico e a benzina sono collegati sullo stesso asse , nell’HiMotion ci sono ben 2 motori elettrici collocati nelle ruote anteriori. infine vi è la differenza più evidente ovvero che l’HiMotion è coperto e quindi in grado di proteggere dalla piogga ma a differenza di quanto avvenne con il C1 BMw la copertura non è strutturale e pertanto non si guida senza casco con cinture allacciate.

i consumi annunciati sono spaventosamente bassi: parliamo di 50 km con un litro , mentre invece ancora nulla si sa sul prezzo. notiamo che i mezzi ibridi fino ad oggi annunciati o prodotti sono tutti ibridi paralleli dove la trazione è affidata ad entrambi mentre invece sarebbe interessante vedere su strada un mezzo ibrido IN SERIE in cui la trazione sulle ruote è affidata al motore elettrico mentre invece un motore termico con reale funzione di RANGE EXTENDER guidato da una centralina che viaggia a regime costante  (e quindi di maggiore efficienza) si occupa solo di mantenere cariche le batterie e garantirci la necessaria autonomia in funzione del tragitto che dobbiamo compiere. la malaguti ha presentato un prototipo realizzato in questo modo e siamo curiosi di vedere se avrà un seguito anche perchè promette di consumare assai meno energia e di riscaladare meno l’ambiente. fonte:www.autobloggreencom
[nggallery id=17]

  • Share/Bookmark

a proposito di moto a 3 ruote – di JCW

sabato, 3 giugno 2006

Vi starete chiedendo che cosa rappresenti questo obrobrio disegnato qui sopra…

ve lo spiego subito.

Come sapete la Piaggio è andata all’assalto del mercato delle moto a tre ruote con mezzo in cui crede moltissimo…

si son fatti due conti…han cercato di capire che cosa spinge un sacco di gente ad utilizzare ostinatamente la macchina vista la attuale situazione di traffico… e ci si rende conto che alla fine questa è la semplice risposta alla paura di cadere…paura che orienta molte persone verso una qualunque carriola di utilitara purchè essa marci rigorosamente a quattro ruote.

il mercato potenziale è enorme…chi le ha fatte le statistiche di chi non piglia la moto per paura di cadere? può essere anche un automobilista su 2 o comunque non meno di uno su tre… quanti a questo punto si sentiranno rassicurati dalla terza ruota anche se questo mezzo ahimè si inclina?

pare in parecchi… la risposta visiva che ho visto negli occhi di persone che riconosco avverse al motociclo sembra molto forte..ma veniamo alla materia dell’articolo.

il mezzo che deriva da una idea italjet si bassa su due forcelle collegate tra loro da un due bilancieri paralleli che di fatto costituiscono un parallelogrammo deformabile che permette alla moto di inclinarsi liberamente fino a circa 40°

sul bilanciere superiore è collegato un settore circolare che scorre all’interno di una pinza freno che fa si che il meccanismo si blocchi a veicolo formo permettendo quindi al mezzo si star su da solo senza doverlo issare sul cavalletto.

l’aspetto incredibile di questo mezzo però è che con l’uso di due ruote all’avantreno si ottiene un considerevole aumento delle prestazioni dinamiche… raddoppia l’impronta a terra nella sona anteriore il che significa avere un mezzo che non va mai via di muso, aumenta quindi parecchio la capacità di scaricare potenza frenante a terra a vantaggio di staccate al limite ed inoltre il fotto di avere un bilanciere libero che garantisce assetto variabile e scorrevolezza a due ruote sempre inchiodate a terra.

e qui si arriva alla possibile evoluzione prestazionale del mezzo.

sospensioni anteriore non più a forcelle a biscottino ma con monobracci collegati ad un bilanciere ed ad un elemento ammortizzante progressivo …

ruota posteriore di grande diametro per aumentare l’impronta a terra

motore centrale…

assetto ribassato.

trasmissione a scelta.

l’aspetto è orrendo , ma con un motore di 750-1000 c.c le prestazioni dovrebbero essere da brivido.

Giuliano Campagnola.

  • Share/Bookmark