Articoli marcati con tag ‘termini’

Meno di un litro di benzina per 40km di gara: sogni e desideri sono realtà

mercoledì, 4 maggio 2011

ecrp 1.4 brannetti
Modena, 3 maggio 2011. Dopo la vittoria di Magny Cours del team CRP Racing, lo scorso 15 aprile, Alessandro Brannetti (#44) si sta preparando per risalire in sella alla eCRP 1.4, la moto elettrica italiana della casa costruttrice modenese, che ha aperto il campionato e-Power con una vittoria, inaugurando la stagione 2011.

L’appuntamento per la seconda gara del campionato e-Power FIM è prevista per il 14 maggio a Schleiz in Germania. Si preannuncia una gara avvincente, dal momento che la eCRP 1.4 dovrà vedersela con i padroni di casa del team Munch, avversari molto competitivi.

Un dato interessante è emerso da questo inizio di stagione: la eCRP 1.4 ha girato 10 secondi più veloce rispetto ai team che hanno corso sul medesimo circuito l’anno scorso, un fattore significativo che dimostra la rapidità con cui la tecnologia legata allo sviluppo di mezzi elettrici stia avanzando!

Inoltre in termini di “consumi tradizionali” si è potuto analizzare che il motore elettrico della eCRP 1.4 è in grado di percorrere 40 km in assetto gara con una quantità di energia a bordo di 8,8 kWh, vale a dire 0,91 litri di benzina! In altre parole significa che l’efficienza del suo powertrain elettrico è talmente alta che se fosse un motore a scoppio permetterebbe di percorrere 40km in assetto gara con soli 0.91 litri di benzina!

Alla luce di queste informazioni, lo sviluppo della tecnologia verde rappresenta una vera e propria rivoluzione anche nei consumi.

www.ecrp.eu

  • Share/Bookmark

si chiama EC-03 la prima proposta elettrica di Yamaha

venerdì, 18 febbraio 2011

Anche Yamaha ha deciso di entrare nel mercato della moto elettrica partendo dal basso.

Lo Scooter in questione il cui nome definitivo è  EC-03 ha un design minimalista ricorda quello di un ciclomotore, ma grazie ai soli 56 kg e ad una lunghezza massima di soli 1.565mm presenta molti vantaggi rispetto ai ciclomotori, in termini di leggerezza e dimensioni.

EC-03 offre inoltre due modalità di funzionamento del motore elettrico: “Standard” per la marcia normale e “Power” se c’è bisogno di un po’ di spunto in più. Dimensioni e peso contenuti permettono addirittura di portare l’EC-03 in casa (o in ufficio) ma anche in camper o in caravan, una caratteristica utilissima in vacanza o nel weekend.

Disponibile a partire dal 2011 in tutta Europa, l’EC-03 potrà essere guidato da chiunque abbia il patentino per i 50 cc.

Grazie al caricabatterie integrato l’EC-03 può essere facilmente connesso a qualsiasi presa elettrica con l’apposito cavo;

Ci aspettavamo francamente qualcosa di piu dalle performance: per una ricarica completa servono sette ore, e assicura un’autonomia di circa 43Km a una velocità media di 30 km/h in modalità Standard. Non molto in effetti, ma  sufficiente per  quotidiani spostamenti casa/lavoro.

Il design “snello” di EC-03 è consegguenza  dalle dimensioni compatte del motore YIPU (Yamaha Integrated Power Unit). Un propulsore innovativo, integrato come ormai consuetudine pressochè consolidata nel mozzo della ruota, che impiega un sistema di trasmissione diretta, minimizzando le perdite di potenza. Un microprocessore calcola momento per momento l’erogazione di potenza ideale.

Gradevole e ben leggibile la strumentazione con display LCD , che comprende il tachimetro e l’indicatore dello stato di carica della batteria. Avvisatori acustici segnalano l’inserimento delle frecce e lo scarso livello di carica della batteria. Per controllare che tutto sia a posto, basta premere il pulsante apposito al momento della partenza.

L’ampia  sella è studiata per rendere confortevole ogni spostamento, e riesce a coniugare le dimensioni compatte con l’ergonomia.. La sagoma della stessa consente anche di mettere rapidamente i piedi a terra. Chi guida EC-03 infine ha la vita più facile, e sicura: EC-03 si può bloccare con un key code, rendendo più difficili i furti.

disponibile da Maggio con prezzi a partire da 2.390 euro

  • Share/Bookmark

CRP Racing mostra il teaser della Superbike Elettrica e1.4 CRP Racing show the teaser of the new electric superbike e1.4

mercoledì, 26 gennaio 2011


L’apertura della stagione 2011 è ormai alle porte.

Si informano i team e i piloti interessati a partecipare ai campionati TTXGP e FIM e-Power, che in seguito alla pubblicazione provvisoria dei calendari gara, sono stati definiti i termini entro i quali poter prenotare la propria eCRP1.4, evoluzione dell’attuale moto Campione d’Europa e Vice Campione del Mondo.

La eCRP 1.4 è disponibile in Formula Noleggio per tutti i team, che parteciperanno ai campionati elettrici e-Power e TTXGP nelle seguenti modalità:

-  per poter partecipare fin dalla 1° gara dell’e-Power di FIM, PRENOTA LA TUA eCRP 1.4 ENTRO e NON OLTRE LUNEDì 28 FEBBRAIO 2011;

- per poter partecipare fin dalla 1° gara del TTXGP EU, PRENOTA LA TUA eCRP 1.4 ENTRO e NON OLTRE LUNEDì 28 MARZO 2011.

Ricorda che la FORMULA NOLEGGIO prevede anche l’assegnazione di un TUTOR per poter gestire in pista al meglio la eCRP 1.4, al fine di sfruttare a pieno le performance del mezzo.

Tra le caratteristiche tecniche della eCRP1.4:

- Datalogger e sensoristica con sistema GPS integrato e regolazione mappe
- Cruscotto ridisegnato racing
- 2 Motori da 52Kw 2011 con raffreddamento ad aria integrato
- Batterie: disponibile configurazione ottimizzata per entrambi le classi TTXGP
- Telaio Bitrave in alluminio fuso da competizione
- Forcellone in alluminio
- Forcella anteriore Marzocchi
- Mono posteriore OHLINS progressivo idraulico a doppia regolazione
- Doppio disco freno anteriore flottante Wave Braking
- Disco fisso posteriore Wave Braking
- Doppia Pinza anteriore Brembo radiale a 4 pistoncini
- Cerchi Marchesini / OZ in alluminio forgiato
- Peso: a seconda delle configurazione, da 160 a 180kg.
- Velocità massima: disponibili diverse corone e setting, fino a 220km/h

In allegato la simulazione grafica a carene bianche per permettere ai team clienti di poter personalizzare la moto coi propri loghi e sponsor.

Per maggiori informazioni contatta la CRP Racing allo 059 821135, oppure scrivi una email a info@crp.eu
Immagini, video della moto elettrica eCRP sono anche disponibili sul nuovo sito alla sezione eCRP World: www.ecrp.eu

The opening of the 2011 season is almost upon us.

We inform the teams and riders interested in participating in the Championships FIM e-Power and TTXGP, following the publication of the temporary race calendar, we have defined the deadline to submit your request for booking your eCRP1.4, the evolution of the motorcycle that gained the title of European Champion and Vice World Champion.

The eCRP 1.4 is available under the option of renting for all teams that will participate in the electric championships of TTXGP and e-Power FIM as follows:

- to participate in the 1st race of the e-Power FIM, BOOK YOUR eCRP 1.4 NO LATER than Monday February 28, 2011

- to participate in the 1st race of the TTXGP EU, BOOK YOUR eCRP 1.4 NO LATER than Monday March 28, 2011

Please bear in mind that the renting option also provides the assignment of a TUTOR that helps you on track to set your eCRP 1.4, in order to perform the motorcycle at its best.

Among the technical features of eCRP1.4 there are:

- Datalogger and sensors with built-in GPS and regulation maps

- New racing dashboard

- 2 Motors 2011 52Kw with integrated air cooling

- Batteries: optimized configuration available for both classes TTXGP

- Racing cast aluminium double beam frame

- Aluminium swing arm

- Front swing arm Marzocchi

- OHLINS Hydraulic progressive shock absorber

- Double Floating Braking Wave disk

- Single Braking Wave disk

- Double 4 pistons radial “Brembo” caliper

- Marchesini wheel rims / OZ forged Aluminium

- Weight: Depending on configuration, from 160 to 180kgs.

- Maximum speed: Depending on setting, it can be up to 220km/h

BELOW the graphic simulation with white fairings to allow teams to customize the motorcycle with their logos and sponsors.

For more information please contact CRP Racing at 0039 059 821135, or write an email to info@crp.eu

Pictures, videos of the electric motorcycle eCRP are also available on the new website section eCRP World: www.ecrp.eu

  • Share/Bookmark

LEXUS presenta la bici “ibrida”

mercoledì, 28 aprile 2010

lexus-bikeDal punto di vista concettuale tutte le bici a pedalata assistita sono delle bici ibride in quanto presentano due tipologie di propulsione: quella muscolare e quella elettrica e qualsiasi ausilio atto ad armonizzarne gli effetti quale ad esempio il PAS costituisce già di per se un sistema di gestione dell’energia a disposizione.

Lexus ha quindi fatto suo questo principio ed ha realizzato , per ora solo a titolo di studio , una bicicletta da corsa in fibra di carbonio dotata di un motore elettrico sulla ruota anteriore .

Le batterie sono collocate molto in basso nella triangolatura anteriore e sono al litio.

Le ruote utilizzano pneumatici di piccola sezione e sono raggiate secondo l’ultima moda in materia ma noterete che però il diametro delle ruote e molto piccolo. questo e dovuto al fatto che in una bicicletta elettrica non vi e alcun bisogno di accentuare l’effetto volanico per migliorare la scorrevolezza e rendere la pedalata piu efficiente ed oltretutto la ruota piccola permette di relizzare un telaio dalla forma piu performante in termini di rigidità.

Ultimo appunto , il cambio shimano e del tipo interno al mozzo ed e a otto rapporti.

  • Share/Bookmark

Arrivano le batterie a molla piu efficienti delle litio ion.

sabato, 24 aprile 2010

molla

Come sempre il Massachussetts Institute of Technology sforna tecnologie curiose e promettenti. Il merito della nuova intuizione va a Carol Livermore, ingegnere meccanico e professore associato al MIT, che ha scoperto che utilizzando nanotubi di carbonio modellati in forma di molla è possibile accumulare grandi quantità di energia, tanta da competere con la capacità di accumulo delle attuali batterie litio-ioni.

Dalle ricerche condotte dalla Livermore risulta che tali minuscole molle in carbonio presentino una densità energetica di mille volte superiore a quella delle corrispondenti molle in acciaio e che presentino prestazioni migliori rispetto alle batterie Li-ion, sia in termini di affidabilità che di capacità di mantenere la carica nel tempo. Ben si presterebbero, dunque, ad essere impiegate in gruppi di continuità (UPS) e in sistemi di allarme, per i quali è fondamentale che la carica si mantenga anche con tempi di inattività molto lunghi, in alternativa a generatori diesel e in dispositivi utilizzati in ambienti estremi, a pressioni elevate e temperature che comprometterebbero le prestazioni delle tradizionali batterie, progettate per funzionare al meglio in condizioni standard.

Diversamente dalle batterie comuni, le molle possono rilasciare l’energia accumulata sia in modo sia istantaneo, come le trappole per topi a scatto, che dosato e graduale come in una sveglia a carica meccanica. Inoltre, l’energia accumulata nelle molle non ha perdite nel tempo e non è necessario effettuare test periodici per rilevarne l’effettiva carica. L’ideale sarebbe impiegare i nano tubi a molla per erogare energia meccanica piuttosto che convertirla in energia elettrica.

Infine, le batterie a molla teoricamente potrebbero essere ricaricate innumerevoli volte senza riduzione delle prestazioni. Tutto queste virtù devono però essere verificate con test opportuni. C’è parecchia strada ancora da fare ma le prospettive sono interessanti. Staremo pronti a… scattare come molle quando la ricerca avrà prodotto nuovi risultati da sottoporvi.
FONTI: energeticambiente.it – : EnergoClub Onlus, per la riconversione del sistema energetico

  • Share/Bookmark

La superbike all’americana si chiama MOTUS! V4 OHC , 1600 c.c. aste e bilancieri a iniezione diretta.

domenica, 24 gennaio 2010

motus-mts01-1263939192In effetti quando si parla di moto e si parla di america l’unica cosa che viene in mente a tutti è HARLEY DAVIDSON… ma quanti si sono chiesti per quale ragione nessuno nel nuovo continente si sia mai preso la briga di portare la filosofia automobilistica americana sportiva dei V8 stock block su una motocicletta? beh in effetti la soluzione piu sensata sarebbe stata quella di proporre un V4 aste e bilancieri opportunamente dimensionato per fornire coppia a profusione e tanto divertimento. e il caso della MOTUS dove appunto la ricetta viene rispettata in pieno fino all’ultimo ingrediente. il progetto e di una azienda del michigan, la KATECH che ha già lavorato per conto di GM e di PRATT,  la distribuzione aste e bilancieri permette di contenere le dimensioni delle testate a due valvole per cilindro che infatti risultano molto compatte. il raffreddamento è a liquido e l’iniezione diretta al fine di migliorare il rendimento. il risultato in termini di prestazioni sono 140 CV per una coppia di 12 pound/feet…lascio agli appassionati di roba oltreoceano il compito di stabilire se e tanta o poca.. quanto alla trasmissione il cambio dovrebbe essere collocato a T dietro al motore un poco sarebbe dovuto essere nel Guzzi VA10 non a caso progettato durante la gestione americana della moto Guzzi (ma italianissimo) e la trasmissione presumibilmente a catena o a cinghia. il telaio visto nei bozzetti e del tipo a traliccio.

[nggallery id=76]

  • Share/Bookmark

In attesa della Porsche 911 elettrica… Porsche monta batterie al litio per l’avviamento

martedì, 24 novembre 2009
La batteria al litio d'avviamento optional sulle Porsche

La batteria al litio d'avviamento optional sulle Porsche

Da un pò di tempo si mormora che la Porsche stia lavorando ad una versione elettrica della propria 911 ed in tal senso esiste già una 911 “verde” non ufficiale con prestazioni decisamente molto interessanti , ma cio di cui vi parliamo oggi e di qualcosa che sta un pò piu rasoterra… come ben saprete in un veicolo convenzionale uno degli elementi piu pesanti presenti al suo interno è proprio la batteria e chiunque di voi ha avuto a che fare con la propria motocicletta sa benissimo quale rivoluzione sia stata in termini di dimensioni e di peso il passaggio dalle tradizionali batterie al piombo dotate di acqua e di acido a quelle al piombo gel a ricombinazione di gas… ebbene ora la fase successiva in attesa di vedere le batterie al litio sui veicoli elettrici , pare proprio che sia quella di vedere la tecnologia del litio applicata a veicoli convenzionali. i vantaggi dal resto sono notevoli: minore ingombro , maggiore spunto e soprattutto minor peso a parita di capacità e questo e sicuramente un enorme vantaggio specie per un veicolo destinato alle competizioni o di fascia alta dove il fattore costo non e così rilevante. e così alla Porsche hanno pensato bene di dotare (come optional) le 911 GT3, 911 GT3 RS and Boxster Spyder di una nuova batteria al litio che conserva lo stesso ingombroil larghezza ed in lunghezza ma e che e considerevolmente piu bassa e soprattutto piu leggera di ben 10 Kg! . il prezzo della batteria che equivalentemente all’originale ha  capacità di 18Ah passa però a 1900€ che sicuramente non cambiano la vita a chi già abitualmente spende svariate decine di migliaia di euro  per l’acquisto dell’auto…va inolte detto che la durata in termini di cicli di ricarica dovrebbe risultare quantomeno triplicata. fonte: www.autobloggreen.com

  • Share/Bookmark