Articoli marcati con tag ‘pneumatico’

Lorenzo: “Simulazione di gara con la 1000cc faticosa”

giovedì, 1 marzo 2012

Sia Jorge Lorenzo che Ben Spies sono entrati in contatto con l’asfalto durante la mattinata dell’ultimo giorno di test malesi, senza però nessuna conseguenza fisica. Lorenzo ha utilizzato l’ultimo pomeriggio a disposizione per realizzare una simulazione di gara, lasciando poi con soddisfazione la pista.

Lorenzo ha concluso il test con il 4º tempo, 404 millesimi dietro Casey Stoner, mentre il compagno di squadra Spies lascia Sepang con sensazioni positive e molta fiducia dopo aver provato la 1000cc sia con l’asciutto che con il bagnato. Il texano ha chiuso con l’ottavo posto, a 959 millesimi dalla testa.

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
“Quella di oggi pomeriggio è stata una delle simulazioni di gara più dura della mia carriera perché la 1000cc è decisamente più faticosa da guidare e lo pneumatico posteriore sembra consumarsi un sacco dopo 3-4 giri. Superato questo problema, le sensazioni rimangono sempre le stesse anche se in generale è parecchio differente dallo scorso anno, è quasi come correre sotto la pioggia perché bisogna controllare la parte posteriore della moto che si muove parecchio in uscita di curva e in accelerazione. In ogni caso le sensazioni sono buone ed il passo gara sulla distanza non è niente male: Yamaha ha lavorato sodo per noi, ed è stato decisamente un test positivo”.

Ben Spies, Yamaha Factory Racing
“Oggi è andata bene, anche se c’è stato un piccolo incidente siamo comunque riusciti ad imparare molto e testare alcuni nuovi settaggi dell’elettronica che ci hanno portato a notevoli progressi. Peccato per la caduta: rimane comunque il fatto che da questa prova abbiamo capito il grande potenziale di cui la moto è dotata. Ora possiamo guardare a Jerez con fiducia”.

  • Share/Bookmark

Scooter elettrico adattato per l’uso sulla neve in prova a Cortina(video)

sabato, 2 gennaio 2010


Il video e comparso su Youtube e si riferisce al kit messo a punto dalla SLIDESCOOTERS, una azienda italiana con sede a Rimini che attraverso la sostituzione della ruota anteriore con un apposito pattino permette di trasformare il proprio scooter in una autentica motoslitta… la cosa e ancora piu gradevole quando si trattta di uno scooter elettrico che quindi può muoversi come mezzo di assistenza o di soccorso anche in aree non aperte al traffico e senza inquinare.

La tuota posteriore viene sostituita da una ruota a bassa pressione dotata di pneumatico chiodato. sul mozzo della ruota anteriore invece viene montato un apposito attacco che permette di montare una tavola da snowboard.

Quanto allo scooter impiegato per la prova si tratta del GOVECS , uno scooter che si caratterizza per la trazione a cinghia le cui caratteristiche tecniche ci suonano familiari in quanto in tutto e per tutto simile all’ evolt-LIZARD di cui vi parlammo tempo fa. la produzione degli scooter e delocalizzata in Polonia.

ecco le caratteristiche tecniche.

1.2 (Silicon)

Performance Max. speed 45 km/h
Acceleration 0-45 km/h in approx. 9 sec
Range 40-60 km
Regenerative braking Multi functional braking system provides regenerative braking
Components Brakes Front disk brake

Rear drum brake

Tires 130/60-R13 front and rear
Front fork Hydraulic telescope
Rear suspension Hydraulic mono suspension
Frame Steel tube frame
Battery and electronic Type Silicon
Capacity 22 Ah (2.4 kWh)
Weight battery 63 kg
Nominal Voltage 108 Volt
Charger 640 W, onboard charger, 110-240 V (50/60 Hz)
Charging time 4-5 h

Approx. 2 hrs to 85% charging

Charging cycles (estimated life) 300-500
Cockpit Digital speedometer
Motor and transmission Motor Brushless motor, belt drive 1:6 ratio
Power Nominal 3 kW
Revs Max. 3500 (Motor), 500 on wheel
Torque of motor shaft 8.8 Nm
transmission n.n.
Dimensions Weight 143 kg (incl. batteries)
Wheelbase 1330 mm
Seat height 790 mm
Storage capacity 10 Litre
No. of storages 1 (under seat compartment)
Carrying capacity 2 passengers/150 kg
Warranty 24 months
Emissions CO2 Zero

fonti:autobloggreen.com – youtube.com – govecs.com -slidescooters.com

  • Share/Bookmark

VT1300CX – da Honda la custom cruiser che si personalizza come una special.

lunedì, 13 luglio 2009

Honda VT1300Cx

Honda VT1300Cx

Per chi ama le custom, i cruiser e i chopper, estetica e design sono tutto. L’anima della VT1300CX è sottolineata dal suo styling unico, con un perfetto equilibrio visivo dello spazio presente fra l’arioso lato anteriore e la più massiccia area dedicata al propulsore ed alla coda. La piastra di sterzo montata in alto migliora la visibilità del telaio, un look “aperto” che lascia ampio respiro fra la parte superiore ed il motore. Il serbatoio “a goccia” è inclinato, mentre la sella è davvero bassa da terra. L’imponente pneumatico posteriore da 200 è abbinato ad una ruota anteriore slanciata (sezione da 90), con un raffinato parafango avvolgente a filo. L’impatto è molto forte anche grazie all’accattivante design dei cerchi – anteriori a nove razze e posteriori a sette.

Il look condensato della coda è accentuato dalla ciclistica estrema, con angolo d’inclinazione sovradimensionato ed interasse lungo (1.805 mm), che assicura una guida morbida e un look inimitabile. Linee e curve pulite in ogni dove sottolineano look affascinante ma, al tempo stesso, essenziale e “minimalista”, nonostante la grande cura posta nel realizzare un oggetto veramente unico nel design. A guardarla bene, si nota presto un altro fondamentale elemento, la cura per il dettaglio spinta all’estremo. Lo sporgente faro cromato accentua infatti gli spazi fra telaio e forcella, mentre il faro posteriore a LED completa il parafango posteriore, nel quale non sono peraltro visibili le staffe – per ottenere una linea il più pulita possibile. Anche il forcellone e la trasmissione a cardano collocata sul lato sinistro sono caratterizzate da un look filante e pulito. L’evidente qualità costruttiva concorre alla realizzazione di una moto assolutamente unica nel proprio genere, che sembra una vera “Special” costruita artigianalmente, ma i cui costi d’acquisto e gestione sono ridottissimi rispetto agli standard del settore.

La VT1300CX è disponibile in due colorazioni. Un blu metallizzato di grande effetto affascina a prima vista, e sottolinea l’esclusività di questa splendida V2, mentre il nero intenso ne accentua lo styling del tutto originale.

Motore

Il motore è la vera anima della VT1300CX. Basta spingere il pulsante della messa in moto per scatenare un’ondata di coppia ed un’esuberante tonalità di scarico “made in V2”. Questo nuovo propulsore è un bicilindrico da 1312cc a V di 52° raffreddato a liquido, con un albero motore a perno di biella singolo, doppi contralberi e nuova alimentazione ad iniezione elettronica. Quest’imponente unità motrice è raffreddata da un compatto radiatore – ben incastonato nella parte inferiore del telaio. Per mantenere un look privo di fronzoli inutili, il manicotto superiore del radiatore è celato sotto la testata del cilindro anteriore. Un particolarissimo nuovo scarico lungo e sdoppiato ed i nuovi alberi a camme hanno contribuito alla realizzazione di un motore che garantisce prestazioni da riferimento ed un’accattivante rombo di scarico; sorprendenti i consumi, che si attestano intorno ai 20 km/litro* durante il normale utilizzo (* Ciclo WMTC rilevato da Honda). La trasmissione cardanica esente da manutenzione periodica consente di trascorrere molto più tempo per strada che in officina, perché questa è una moto nata per essere guidata. Ed a lungo!

Ciclistica

La classica struttura “bassa ed allungata” della VT1300CX appare semplice e snella. Infatti, all’interno del nuovissimo telaio tubolare in acciaio ad alta resistenza, ogni elemento condivide con gli altri un effetto a… cascata, per una design fluido che non trova rivali nel variegato mondo di chopper, custom e cruiser.

L’affusolato serbatoio si inserisce perfettamente nella moto, combinandosi con la forma e le dimensioni del manubrio ricurvo all’indietro, mentre la massiccia forcella con steli da 45 mm svolge il proprio compito con grande sicurezza. Gli originalissimi cerchi in alluminio sfoggiano un voluminoso freno anteriore a disco singolo da ben 336 mm ed un freno a disco posteriore da 296 mm. Le linee eleganti di quello che sembra a prima vista un codone hardtail nascondono di fatto una ingegnosa sospensione posteriore con forcellone in alluminio. Il “mono” è regolabile nel ritorno e nel precarico (trentacinque posizioni), per un comfort di guida sontuoso; anche in questo la nuova VT1300CX supera nettamente ogni competitor!

Accessori Disponibili a Richiesta

Honda considera la VT1300CX la moto ideale da personalizzare secondo i gusti individuali. La divisione Accessori della Honda sta infatti realizzando una gamma completa di accessori, che al momento comprende: Schienalino tubolare cromato, che può essere abbinato ad un elegante poggiaschiena imbottito (anch’esso optional), per il massimo comfort del passeggero. Ampio parabrezza basso ed avvolgente, con eleganti staffe cromate, per la massima protezione dagli agenti atmosferici Spoilerino resinato anteriore, realizzato nel colore della carenatura, che dona alla VT1300CX un look più sportivo. Rivestimento in acciaio cromato del parafango posteriore, per completare adeguatamente il look monoposto della sella

  • Share/Bookmark