Articoli marcati con tag ‘motorcycle’

TTXGP USA Miller : La Motoczysz domina il week end ma la Brammo vince il campionato!

venerdì, 16 settembre 2011

da: http://motoelettriche.wordpress.com/

L’ultima tappa del campionato nazionale americano TTXGP ha visto tutte le big a stelle e strisce concorrere sul Circuito del Miller Motorsport Park (eccezion fatta per la Mission Motors assente)e spiccare il dominio della Motoczysz; dietro di lei si sono classificate con ritardi rilevanti in ordine l’ormai eterna seconda Lightning e terza la Brammo che grazie al podio si aggiudica anche la serie.

Le novità in gara non sono mancate : la Motoczysz ha fatto il suo primo debutto in pista con alla guida un pilota professionista come il veterano Shane Turpin , la Lightning è riuscita finalmente a far scendere in pista la seconda moto apparentemente identica alla prima ma con un diverso pacco batteria limitato a 7.5 kWh per rientrare nella categoria TTX75 mentre la Brammo ha confermato l’aggiornamento introdotto dall’appuntamento di Laguna Seca con un potenziamento del suo pacco batteria portato a oltre 13 kWh.

Conclusioni.

Le prestazioni della Motoczysz non hanno lasciato spiragli di fiducia agli avversari sin dalle prime libere il dominio è stato schiacciane sue infatti le libere , la Pole , la vittoria e il giro veloce ; i tempi di Shane Turpin attorno al 1.36 alto hanno battuto gli stessi fatti registrare dalle 600 cc. durante il week end segno di un‘incredibile competitività che sicuramente avrà lasciato qualche rimpianto al Boss Michael Czysz ripensando alla gara di Laguna Seca dove peccando di superbia ha ritardato il debutto di un pilota professionista sulla EPC1 risultando secondo al traguardo dietro alla Mission R che aveva già affrontato questa scelta.                                                                      La Lightning torna in pista dopo il record di velocità segnato sul lago salato di Bonneville orfana del suo pilota Barnes sostituito da Tim Hunt e fa debuttare proprio all’ultimo appuntamento la seconda moto riservata alla categoria TTX75 riconoscibile per una livrea completamente Black con ottimi riscontri dal punto di vista delle prestazioni visto il sorpasso con disinvoltura effettuato sul rettilineo ai danni della Brammo (vedi il video sottostante) .                                 La Brammo Empulse RR guidata da Stave Atlas è la nuova regina del campionato TTXGP USA pur avendo delle prestazioni inferiori rispetto a moto come la Motoczysz la sua costanza di partecipazione alle gare ha pagato nei punteggi finali mentre seconda in classifica si conferma ancora una volta la Moto Electra di Thad Wolff che pur essendo costruita completamente con pezzi commerciali era in lizza per la vittoria finale sino a quest‘ultimo appuntamento.

Classifica al traguardo:

Num.     Pilota                    team                      giro record

1)       Shane Turpin              Motoczysz           1:31.533
2)       Tim Hunt                   Lightning             1:39.604
3)       Steve Atlas                 Brammo              1:42.331
4)       Thad Wolff                  MotoElectra       1:45.472
5)       Ely Schless                  ProtoMoto          1:58.375
6)       Ted Rich                     Lightning            Rit

  • Share/Bookmark

NEXT GEN SUPERBIKE: Costruisci con e-CRP la tua moto elettrica!Discover the Next-Gen superbike!

martedì, 12 luglio 2011

Il futuro a due ruote si chiama Next-Gen superbike. Collegati anche TU alla nuova pagina che CRP Racing ha creato per la moto elettrica stradale e potrai contribuire alla creazione della superbike elettrica tutta italiana, che verrà presentata a novembre a EICMA a Milano.

Quali sono le App che vorresti? Quali gli Optional? Raccontaci come deve essere la TUA moto elettrica. Entra a far parte anche TU della nuova generazione della mobilità green e ricorda che indicando la TUA App e la TUA Option potrai scoprire in anteprima alcune parti della superbike elettrica di CRP Racing.

Power to YOUR sixth sense!

Scrivi a:

info@crp.eu

Discover the Next-Gen superbike!
The future has two wheels and its name is Next-Gen superbike. Visit the new page that CRP Racing has created for the electric street motorcycle and give YOUR contribution to the creation of the Italian superbike that will be unveiled in November at EICMA in Milan.
What is the App YOU’d like? What are the Options? Tell us how YOUR electric motorbike should be. Join the next generation of green mobility and remember that giving YOUR App and YOUR Option YOU can discover a piece of the electric superbike by CRP Racing.
Power to YOUR sixth sense!

Contact:

info@crp.eu

  • Share/Bookmark

Presentazione ufficiale della eCRP 1.4 – Giovedì 7 Aprile a MilanoOfficial Presentation of the eCRP 1.4 – Thursday 7 April at Milan

giovedì, 3 marzo 2011

SAVE THE DATE!

Giovedì 7 aprile 2011, la eCRP 1.4, la moto elettrica italiana da competizione Campione d’Europa e Vice Campione del Mondo 2010 di CRP Racing sarà la protagonista della notte del Bobino Club di Milano. L’esclusiva location metropolitana caratterizzata da un’atmosfera newyorkese sarà il palcoscenico sul quale verrà svelata la eCRP 1.4.

http://www.ecrp.eu/

http://www.bobinoclub.it/

SAVE THE DATE!

Thursday, April 7, 2011, the eCRP 1.4, the Italian electric racing motorcycle European Champion and Vice World Champion 2010 by CRP Racing will be the star of the night at Bobino Club in Milan. The unique underground location characterized by  New York atmosphere will be the stage of the unveiling eCRP 1.4.

http://www.ecrp.eu/

http://www.bobinoclub.it/

  • Share/Bookmark

Mission Motors presenta R , la risposta americana a Mavizen e CRPMission Motors teases with racy silhouette of Mission R

giovedì, 4 novembre 2010


Era da un pò che non si sentiva parlare della Mission Motors… dopo un anno sabbatico lonbtano dalle competizioni , l’ultima volta che avevamo sentito parlare della Mission era in occasione di un imminente accordo con la Zongshen , costruttore cinese di motociclette già ormai da tempo impegnato nell’affermare il proprio marchio attraverso una partecipazione alle competizioni sportive, e a sugellare l’accordo erano state circolare foto di una avvenente modella cinese a cavallo di una Mission One…

Allo stato attuale non sappiamo quale sia lo stato delle trattative tra i due marchi , ma il fatto che la Zongshen si sia iscritta al motomondiale TTXGP con Suzuki Agni anzichè di una Mission one aggiornata a nostro avviso la dice lunga su come è andata a finire… anche se non è detto.

A far pensare ad un abbandono del campo moto è stato anche un recentissimo comunicato stampa (due giorni fa)  dove Mission presentava al pubbloico un innovativo powertrain caratterizzato da un modernissimo motore AC raffreddato a liquido,  batterie al litio  e  un controller su misura con potenze “automobilistiche”…ed invece Mision che ti combina? ecco sbucare questo intrigante teaser che la dice lunga sulle intenzioni di Mission in merito alla volontà di sotterrare l’ascia di guerra… non si tratterebbe però di una moto ufficiale , ma di una moto clienti destinata ad essere cavalcata da privati esattamente come avvenuto con CRP e Mavizen.

Le linee sono molto intriganti e colpiscono la curiosa inclinazione all’indietro dell’ammortizzatore posteriore e le forme snelle che fanno pensare ad una motocicletta assai piu leggera della monumentale One realizzata su base telaistica KTMLC8 dello scorso anno. potrebbe addirittura trattarsi di una Formula 75 ovvero di una TTXGP “junior”… tutto quello che si sa è che il motore è prodotto da Mission stessa ed è raffreddato a liquido ,


If you were worried that the recent announcement by Mission Motors of a new drivetrain division meant an end to the company’s future motorcycle plans, the release of a new teaser image should calm you down. Appearing on their freshly revised website, a silhouette of the “Mission R” shows an electric bike that’s clearly not designed for cruising the boulevard.

The company is all “mum’s the word” about the performance-oriented machine (despite our best Jedi mind trickery) beyond that it’s “…what’s next on the moto side, the Mission R.” But the image does tell us something. It’s not the Mission One in either street or Bonneville Salt Flat guise. The fairing, seating and tailstock are quite different, as are the wheels and the angle of the rear shock. Considering the components that Mission is now selling, it also very likely features a liquid-cooled AC motor and controller.

The “R” in motorcycle nomenclature typically stands for “race” so we’ll crawl out on that limb and say this bike is meant for the track. Whether the Mission Motors team will race it themselves or offer it up for others à la the Mavizen and CRP Racing model is unknown, but if they want to make some sales, they’re going to have to demonstrate that the Mission R is superior to the current offerings from those companies.

Source:www.autobloggreen.com

  • Share/Bookmark

Quantya testa versione ER da 200km di autonomia che sta compiendo il giro d’italiaQuantya testing the new ER version with more than 200km range

mercoledì, 29 settembre 2010


In collaborazione con la rivista Riders il costruttore elvetico di motociclette Quantya sta testando in giro per l’italia una versione speciale del proprio veicolo da fuoristrada denominato ER (che sta per extender range ovvero per autonomia estesa) che si contraddistingue appunto per la capacità di compiere ben 210 km grazie ad un pacco batterie di maggiori dimensioni ed una autolimitazione delle prestazioni a 13 kw massimi e a 90KM/h di velocità.

Se volete tenervi informati sulle avventure di questa moto e del rispettivo pilota tenete d’occhio questi due link:

http://www.riders-online.it/?cat=45

http://twitter.com/Riders_Online
we inform all the readers  that the last week we started to test the new Quantya ER.

In collaboration with the Italian magazine Riders, the bike will pass through all of Italy.

At present this is a study motorcycle (rated power 13 kW, max. limited speed 90 km/h, rated capacity 8.6 kW/h).

The range is approx 210 Km.

You can follow the daily route on:

http://www.riders-online.it/?cat=45

and

http://twitter.com/Riders_Online

English translation:

http://translate.google.com/translate?js=n&prev=_t&hl=it&ie=UTF-8&layout=2&eotf=1&sl=it&tl=en&u=http%3A%2F%2Fwww.riders-online.it%2F%3Fcat%3D45

and

http://translate.googleusercontent.com/translate_c?hl=it&sl=it&tl=en&u=http://twitter.com/Riders_Online&rurl=translate.google.com&usg=ALkJrhiJerDaMNDeZ3EhAqRo7WKoDChX0g

  • Share/Bookmark

Prove campionato e-power a Magny CoursPractice e-power championship in Magny Cours

venerdì, 10 settembre 2010

Si sono disputate le prime prove libere a Magny Course del campionato E-power. da segnalarsi la presenza di una seconda moto guidata sa Scrocchi Stefano  nel team Much , motocicletta dotata di telaio Laverda e Motore Siemens originariamente schierata nel primo TTXGP come XXL ,e divenuta poi Munch in seguito all’ interessamento del produttore delle omonime motociclette.

Da rilevare la rottura di uno dei due motori Agni sulla DR-Motors evento che metterà in forse la partecipazione della stessa alla gara.

questo il risultato:

1)49 - Himmelmann Mathias – Munch Racing Team -1:59.1833 133.23 km/h

2)36- Scrocchi Stefano – Munch Racing Team – 2:15.6145 – 16.431

3)22 - Deridder Thijs – DR Motors – 2:17.1042 – 17.921

4)115 -Thomas Betti – Betti Moto - 2:22.6094 – 23.426

5)17 - AMENDT Christian - Honda Epo Bike -2:22.8674 – 23.684

6) 38 – Betti Luciano - Betti Moto - 2:25.1202 – 25.9374

fonte:http://motoelettriche.wordpress.com

Yesterday was disputated the first practice session in  Magny Course for the E-power championship. Something new happens… The Much Team decide to run with a second Motorcycle too drived by the italian driver Scrocchi Stefano… we remember that this bike use an originalry Laverda Frame and one siemens engine and than it change name in Munch because Munch is the main sponsor of  team

We signaling the crash of one of the two Agni Engine over the DR-Motors that probably will compromise the presence of the bike in the race

That is the result:

1)49 - Himmelmann Mathias – Munch Racing Team -1:59.1833 133.23 km/h

2)36- Scrocchi Stefano – Munch Racing Team – 2:15.6145 – 16.431

3)22 - Deridder Thijs – DR Motors – 2:17.1042 – 17.921

4)115 -Thomas Betti – Betti Moto - 2:22.6094 – 23.426

5)17 - AMENDT Christian - Honda Epo Bike -2:22.8674 – 23.684

6) 38 – Betti Luciano - Betti Moto - 2:25.1202 – 25.9374

source : http://motoelettriche.wordpress.com

  • Share/Bookmark

TTXGP (moto elettriche):prima prova del campionato inglese a Snetterton

lunedì, 12 luglio 2010

1E’ la Tork , una moto indiana , la prima vincitrice del campionato inglese della TTXGP.

fin dall’inizio la lotta per la vitttoria è stata un affare chiuso tra tre contendenti , la Tork quidata da Jim Lowell e le due Agni sempre con tecnologia indiana , guidate da Jenny Tinmouth and Rob Moon.

Una volta però che Jim e riuscito a mettere dello spazio dietro ai suoi avversari , il vantaggio di velocità della sua moto rispetto agli altri si e fatto evidente staccando il 5 giro piu veloce alla media di 80,25 miglia orarie che gli ha fatto vincere il premio GREEN INSURANCE.

Vorremmo segnalare che in questo caso il mezzo piu performante risulta derivato da una motoleggera e i progettisti han puntato soprattutto alla agilità e alla riduzione del peso.

La Tork si e lasciata alla spalle Mavizen e diverse altre moto derivate da veicoli fino a 1000 c.c. riuscendo per prima ad imporre la filosofia light.

Risultato delle qualifiche di sabato 10 luglio 2010:

P…..Rider…..Entrant/Sponsor………..Time Lap…..MPH
1…..Jenny TINMOUTH…..Team Agni……..1:24.90……82.77
2…..Jim LOVELL………Tork India…….1:29.10……78.87
3…..Rob MOON………..Team Agni……..1:32.24……76.18
4…..Pete WARD……….Electric Hussar..1:33.61……75.07
5…..James McBRIDE……ManTTX Racing….1:36.96……72.48
6…..Harry HARDI……..KingstonLiFeBATT.1:41.43……69.28
7…..Adam ALFERMAN……Kingston Uni…..1:46.74……65.83
8…..Russel LICENCE…..MRB Racing…….1:55.32……60.94
9…..Annie SEEL………Morris Motorcycle2:00.89……58.13

risultato gara domenica 11-luglio2010:

Bike/rider/team………………………Time……….bestlap….Average MPH
Bike 65, Jim Lovell on Tork India………14:57.31……1:27.60….78.31
Bike 69, Rob Moon on Team Agni…………15:03.44……1:27.84….77.78
Bike 77, Jenny Tinmouth on Team Agni……15:04.44……1:28.57….77.70
Bike 68, Pete Ward on Electric Hussar…..15:14.34……1:28.62….76.86
Bike 63, James McBride on ManTTX Racing…15:47.20……1:30.75….74.19
Bike 62, Adam Palferman on Kingston Uni…16.29.84……1:33.23….70.99
Bike 61, Annie Seel on Morris Motorcycle..16:03.50……1.41.99….65.64
Bike 66, Harry Hardi on LiFeBATT/Kingston.15:00.22……1:49.02….62.45

[nggallery id=86]

  • Share/Bookmark

Morris Motorcycle si prepara al TTXGP con una moto, un pilota e 100 proprietari

mercoledì, 7 aprile 2010

morris-motorcycles-seel-630
La  svedese Morris Motorcycle ha un obbiettivo in testa: Vendere superbike elettriche. hanno quindi ritenuto che il miglior veicolo promozionale ed al tempo stesso la migliore palestra per fare esperienza in un settore in cui il know -how vale oro , e costituito proprio dal TTXGP inglese con l’intento di entrare in classifica nei primi posti e giungere alla finale ad Albacete.

Per arrivare a questo obbiettivo la Morris Motorcycle ha avuto una semplice idea: permettere a 100 persone di asumere quote di proprietà del team e quindi di accedere al patrimonio di tecnologia decisamente non ortodossa contenuto nel veicolo prescelto ovvero una MAVIZEN TTX02 , che come molti di voi sanno , e stata realizzata innestando una coppia di  motori elettrici della ditta anglo indiana AGNI uguali a quelli del veicolo vincitore del TTXGP2009,  su un telaio KTM superbike , mentre la parte software e interamente basata su LINUX.

Il pilota prescelto per quest’impresa è una donna ,e anche questo costituisce qualcosa di poco ordinario. Annie Steel che ha nel curriculum invidiabili partecipazioni a svariate Parigi Dakar , una spedizione sull’ Everest e che ha corso nella prima gara di ECO Enduro in Danimarca nel 2009 in occasione del congresso mondiale sull’ambiente , sarà alla guida della Mavizen della Morris e dovrà quindi portare a casa dei buoni risultati nell ‘ interesse del team e dei suoi 100 investitori.  ci auguriamo che questo esempio di sport cooperativo abbia successo e che si dimostri una abile ricetta per portare avanti questo sport anche in tempi di crisi.

fonte:www.autobloggreen.com

  • Share/Bookmark