Articoli marcati con tag ‘mette’

2° Tappa Campionato Americano TTXGP ad Elkhart Lake: Zoe Rem prima donna a monopolizzare la pole.

domenica, 6 giugno 2010

ZoeRemLa seconda tappa del campionato americano TTXGP si apre funestata dalle conseguenze di un tempo da lupi che ha ritardato l’arrivo in circuito di ben tre dei team impegnati nella serie. Le prove quindi si sono disputate sul tardi ed in condizioni decisamente non ottimali di visibilità.

Nella prima sessione di prove , Zoe Rem  che per la prima volta guidava la Zero Agni vincitrice ad Infineon dopo soli cinque giri assesta un sorprendente 3:16.558 che mette in riga tutti quanti. dietro di lei Jim Pooler della Electric Motorsports con un tempo di 3:25.826 , mentre in terza posizione troviamo Jim Hannas che si era piazzato terzo ad Infineon che ha spiccato un tempo di 3:30.636.

classifica parziale griglia di partenza Elkhart Lake 2° prova campionato americano TTXGP

No. NAME TEAM TIME Best Speed

#22 Zoe Rem Agni Motors 3:16.558 74.177
# 20 Jim Pooler Electric Motosport.com 3:25.826 70.837
#15 Mike Hannas Electric Race Bikes 3:30.636 69.219
#23 Jennifer Bromme Werkstatt 3:35.074 67.791
#16 John Wild Square Wave Racing 3:42.256 65.600

fonte: http://www.egrandprix.com

  • Share/Bookmark

Eco Enduro in danimarca… ecco i risultati delle prime 5 prove(e le foto!)

domenica, 13 dicembre 2009
Eco Enduro in Danimarca

Eco Enduro in Danimarca

Come ricorderete in occasione del meeting mondiale per stabilire regole certe da applicare in tutto il mondo al fine di ridurre le emissioni inquinanti , si stanno disputando in danimarca le sessioni di qualificazione della prima gara mondiale con il beneplacito della FIM di Enduro elettriche.

Le gare si disputano attraverso serie di sessioni di un giro con dei punteggi che vengono attribuiti in funzione dell’ordine d’arrivo… se avete il dubbio che non si tratti di gare vere e proprie date un’occhiata alle gallery…

ecco i risultati delle 5 sessioni disputatesi il Venerdì 11

Primo degli italiani è Matteo Graziani ottimo 6° in classifica generale e forte di un 3° assoluto in due delle 5 sessioni finora disputate . non si e invece presentato alla partenza Manca quindi a difendere i colori nazionali ci sono solo Graziani ed Amperio (14° in classifica generale) .

fonte risultati e fotografie: www.ecoenduro.com

Date Dec 11, 2009 9:15:00 AM

1  5 Fabien Planet 1 14:52.542 14:52.542 1 46.384
2  3 Joel Smets 1 15:06.695 14.153 15:06.695 1 45.660
3  32 Amel Advocaat 1 15:18.300 25.758 15:18.300 1 45.083
4  17 Kasper Lynggaard 1 15:19.494 26.952 15:19.494 1 45.025
5  14 Paulo Concalvez 1 15:22.374 29.832 15:22.374 1 44.884
6  10 Pål Anders Ullevalseter 1 15:30.378 37.836 15:30.378 1 44.498
7  12 Mikkel Caprani 1 15:31.467 38.925 15:31.467 1 44.446
8  29 Thomas Kongshøj 1 15:32.105 39.563 15:32.105 1 44.416
9  8 Brian K Jørgensen 1 15:41.054 48.512 15:41.054 1 43.993
10  20 Thomas Eilersen 1 15:42.990 50.448 15:42.990 1 43.903
11  16 Stefan K Olsen 1 15:50.741 58.199 15:50.741 1 43.545
12  111 Lars Christoffersen 1 15:52.225 59.683 15:52.225 1 43.477
13  4 Frederik Georgsson 1 15:53.407 1:00.865 15:53.407 1 43.423
14  33 Jesper K Jørgensen 1 15:54.889 1:02.347 15:54.889 1 43.356
15  7 Matteo Graziani 1 15:57.387 1:04.845 15:57.387 1 43.243
16  24 Matteo Aperio 1 16:09.009 1:16.467 16:09.009 1 42.724
17  11 Stephane Henrard 1 16:21.649 1:29.107 16:21.649 1 42.174
18  27 Pedro Bianchi Prata 1 16:41.087 1:48.545 16:41.087 1 41.355
19  80 Tommy Heimberg 1 16:55.377 2:02.835 16:55.377 1 40.773
20  18 Kevin Verner 1 17:00.333 2:07.791 17:00.333 1 40.575
21  25 Daniel Randrup 1 17:07.978 2:15.436 17:07.978 1 40.273
22  6 Jørgen Bitsch 1 17:24.011 2:31.469 17:24.011 1 39.655
23  28  Henno van Bergeijk 1 17:27.997 2:35.455 17:27.997 1 39.504
24  77  Vanja Kollmann 1 17:29.206 2:36.664 17:29.206 1 39.458
25  127  Robbin Harms 1 17:32.103 2:39.561 17:32.103 1 39.350
26  26 Viktor Holm Westergård 1 17:43.994 2:51.452 17:43.994 1 38.910
27  23 Ri ccardo De Sandre 1 18:08.111 3:15.569 18:08.111 1 38.048
28  15 Annie Seel 1 18:58.366 4:05.824 18:58.366 1 36.368
29  175 Mette Andersen 1 19:24.319 4:31.777 19:24.319 1 35.557
30  1 Rast Philippe 1 19:37.879 4:45.337 19:37.879 1 35.148
31  19 Anna Jørgensen 1 19:59.436 5:06.894 19:59.436 1 34.516
32  535 Valdemar Fricke 1 20:02.708 5:10.166 20:02.708 1 34.422
33  72 Jean Nerva 1 21:00.135 6:07.593 21:00.135 1 32.854
34  22 Peter Sevel 1 21:22.795 6:30.253 21:22.795 1 32.273
35  410 Mads Mikkelsen 1 21:30.363 6:37.821 21:30.363 1 32.084
36  9 Jan Stæchmann 0 35:00.000 1 Lap 21:36.673 1 31.928
37  606 Jens Ø (Doctor Ø) 1 35:00.000 20:07.458 28:47.483 1 23.966
38  66 Klaus Nennewitz 0 35:00.000 1 Lap –:–:–.— 0

[nggallery id=69]

Session results of ‘SS 2 Feddet 2′ (Eco Enduro) 11/12/09 13:29
http://www.mylaps.com/results/showrun.jsp?id=1380246 Side 2 af 2

1  32 Amel Advocaat 1 14:39.787 14:39.787 1 47.057
2  16 Stefan K Olsen 1 14:50.638 10.851 14:50.638 1 46.484
3  17 Kasper Lynggaard 1 14:52.443 12.656 14:52.443 1 46.390
4  8 Brian K Jørgensen 1 14:58.877 19.090 14:58.877 1 46.057
5  14 Paulo Concalvez 1 14:59.242 19.455 14:59.242 1 46.039
6  10 Pål Anders Ullevalseter 1 15:03.604 23.817 15:03.604 1 45.817
7  3 Joel Smets 1 15:09.453 29.666 15:09.453 1 45.522
8  29 Thomas Kongshøj 1 15:09.624 29.837 15:09.624 1 45.513
9  5 Fabien Planet 1 15:10.880 31.093 15:10.880 1 45.451
10  33 Jesper K Jørgensen 1 15:12.571 32.784 15:12.571 1 45.366
11  4 Frederik Georgsson 1 15:22.324 42.537 15:22.324 1 44.887
12  11 Stephane Henrard 1 15:24.096 44.309 15:24.096 1 44.801
13  20 Thomas Eilersen 1 15:25.747 45.960 15:25.747 1 44.721
14  111 Lars Christoffersen 1 15:30.500 50.713 15:30.500 1 44.492
15  7 Matteo Graziani 1 15:37.316 57.529 15:37.316 1 44.169
16  24 Matteo Aperio 1 15:47.214 1:07.427 15:47.214 1 43.707
17  27 Pedro Bianchi Prata 1 16:02.933 1:23.146 16:02.933 1 42.994
18  18 Kevin Verner 1 16:14.429 1:34.642 16:14.429 1 42.486
19  80 Tommy Heimberg 1 16:18.996 1:39.209 16:18.996 1 42.288
20  26 Viktor Holm Westergård 1 16:41.409 2:01.622 16:41.409 1 41.342
21  606 Jens Ø (Doctor Ø) 1 16:43.157 2:03.370 16:43.157 1 41.270
22  6 Jørgen Bitsch 1 16:52.698 2:12.911 16:52.698 1 40.881
23  77 Vanja Kollmann 1 16:59.910 2:20.123 –:–:–.— 0 -
24  127 Robbin Harms 1 17:17.450 2:37.663 17:17.450 1 39.906
25  23 Riccardo De Sandre 1 17:23.618 2:43.831 17:23.618 1 39.670
26  28 Henno van Bergeijk 1 17:26.904 2:47.117 17:26.904 1 39.545
27  66 Klaus Nennewitz 1 17:36.462 2:56.675 17:36.462 1 39.187
28  25 Daniel Randrup 1 17:47.834 3:08.047 17:47.834 1 38.770
29  19 Anna Jørgensen 1 17:56.591 3:16.804 17:56.591 1 38.455
30  15 Annie Seel 1 18:11.838 3:32.051 18:11.838 1 37.918
31  175 Mette Andersen 1 18:17.031 3:37.244 18:17.031 1 37.738
32  535 Valdemar Fricke 1 18:21.472 3:41.685 18:21.472 1 37.586
33  1 Rast Philippe 1 18:23.771 3:43.984 18:23.771 1 37.508
34  410 Mads Mikkelsen 1 18:25.026 3:45.239 18:25.026 1 37.465
35  9 Jan Stæchmann 1 20:15.116 5:35.329 20:15.116 1 34.071
36  12 Mikkel Caprani 1 20:36.345 5:56.558 20:36.345 1 33.486
37  22 Peter Sevel 1 21:24.720 6:44.933 21:24.720 1 32.225
38  72 Jean Nerva 0 0.000 1 Lap –:–:–.— 0

[nggallery id=70]

Session results of ‘SS3 Faxe Lap 1′ (Eco Enduro) 11/12/09 20:46
http://www.mylaps.com/results/showrun.jsp?id=1380286 Side 2 af 2

1  3 Joel Smets 1 2:16.117 2:16.117 1 304.150
2  14 Paulo Concalvez 1 2:16.991 0.874 2:16.991 1 302.210
3  7 Matteo Graziani 1 2:17.721 1.604 2:17.721 1 300.608
4  32 Amel Advocaat 1 2:18.662 2.545 2:18.662 1 298.568
5  4 Frederik Georgsson 1 2:19.103 2.986 2:19.103 1 297.621
6  10 Pål Anders Ullevalseter 1 2:19.273 3.156 2:19.273 1 297.258
7  17 Kasper Lynggaard 1 2:19.980 3.863 2:19.980 1 295.757
8  8 Brian K Jørgensen 1 2:22.985 6.868 2:22.985 1 289.541
9  11 Stephane Henrard 1 2:25.592 9.475 2:25.592 1 284.356
10  12 Mikkel Caprani 1 2:27.510 11.393 2:27.510 1 280.659
11  29 Thomas Kongshøj 1 2:28.329 12.212 2:28.329 1 279.109
12  27 Pedro Bianchi Prata 1 2:28.997 12.880 2:28.997 1 277.858
13  5 Fabien Planet 1 2:29.156 13.039 2:29.156 1 277.562
14  111 Lars Christoffersen 1 2:31.360 15.243 2:31.360 1 273.520
15  20 Thomas Eilersen 1 2:37.139 21.022 2:37.139 1 263.461
16  24 Matteo Aperio 1 2:39.330 23.213 2:39.330 1 259.838
17  16 Stefan K Olsen 1 2:39.515 23.398 2:39.515 1 259.537
18  80 Tommy Heimberg 1 2:41.076 24.959 2:41.076 1 257.022
19  6 Jørgen Bitsch 1 2:50.148 34.031 2:50.148 1 243.318
20  66 Klaus Nennewitz 1 2:50.432 34.315 2:50.432 1 242.912
21  77 Vanja Kollmann 1 2:51.414 35.297 2:51.414 1 241.521
22  28 Henno van Bergeijk 1 2:54.374 38.257 2:54.374 1 237.421
23  33 Jesper K Jørgensen 1 2:55.298 39.181 2:55.298 1 236.169
24  25 Daniel Randrup 1 3:01.907 45.790 3:01.907 1 227.589
25  23 Riccardo De Sandre 1 3:03.999 47.882 3:03.999 1 225.001
26  606 Jens Ø (Doctor Ø) 1 3:15.499 59.382 3:15.499 1 211.766
27  535 Valdemar Fricke 1 3:24.129 1:08.012 3:24.129 1 202.813
28  18 Kevin Verner 1 3:30.467 1:14.350 3:30.467 1 196.705
29  127 Robbin Harms 1 3:37.829 1:21.712 3:37.829 1 190.057
30  1 Rast Philippe 1 3:46.968 1:30.851 3:46.968 1 182.405
31  15 Annie Seel 1 4:32.379 2:16.262 4:32.379 1 151.994
32  9 Jan Stæchmann 1 5:14.031 2:57.914 5:14.031 1 131.834
33  19 Anna Jørgensen 1 5:22.811 3:06.694 5:22.811 1 128.248
34  410 Mads Mikkelsen 1 5:41.016 3:24.899 5:41.016 1 121.402
35  26 Viktor Holm Westergård 1 5:45.162 3:29.045 5:45.162 1 119.944
36  175 Mette Andersen 1 9:10.318 6:54.201 9:10.318 1 75.229

[nggallery id=71]

Session results of ‘SS3 Faxe Lap 2′ (Eco Enduro) 11/12/09 20:47
http://www.mylaps.com/results/showrun.jsp?id=1380287 Side 2 af 2

1  5 Fabien Planet 1 2:07.019 2:07.019 1 325.935
2  3 Joel Smets 1 2:09.355 2.336 2:09.355 1 320.049
3  14 Paulo Concalvez 1 2:10.922 3.903 2:10.922 1 316.219
4  7 Matteo Graziani 1 2:11.906 4.887 2:11.906 1 313.860
5  10 Pål Anders Ullevalseter 1 2:18.453 11.434 2:18.453 1 299.018
6  29 Thomas Kongshøj 1 2:22.149 15.130 2:22.149 1 291.244
7  11 Stephane Henrard 1 2:22.456 15.437 2:22.456 1 290.616
8  20 Thomas Eilersen 1 2:24.901 17.882 2:24.901 1 285.712
9  4 Frederik Georgsson 1 2:26.487 19.468 2:26.487 1 282.619
10  33 Jesper K Jørgensen 1 2:27.535 20.516 2:27.535 1 280.611
11  111 Lars Christoffersen 1 2:27.918 20.899 2:27.918 1 279.885
12  32 Amel Advocaat 1 2:28.336 21.317 2:28.336 1 279.096
13  27 Pedro Bianchi Prata 1 2:28.494 21.475 2:28.494 1 278.799
14  24 Matteo Aperio 1 2:35.668 28.649 2:35.668 1 265.951
15  8 Brian K Jørgensen 1 2:36.859 29.840 2:36.859 1 263.931
16  80 Tommy Heimberg 1 2:37.593 30.574 2:37.593 1 262.702
17  26 Viktor Holm Westergård 1 2:40.626 33.607 2:40.626 1 257.742
18  606 Jens Ø (Doctor Ø) 1 2:42.223 35.204 2:42.223 1 255.204
19  77 Vanja Kollmann 1 2:42.668 35.649 2:42.668 1 254.506
20  16 Stefan K Olsen 1 2:46.019 39.000 2:46.019 1 249.369
21  23 Riccardo De Sandre 1 2:50.244 43.225 2:50.244 1 243.180
22  28 Henno van Bergeijk 1 2:53.420 46.401 2:53.420 1 238.727
23  6 Jørgen Bitsch 1 2:55.908 48.889 2:55.908 1 235.350
24  127 Robbin Harms 1 2:59.064 52.045 2:59.064 1 231.202
25  66 Klaus Nennewitz 1 3:04.296 57.277 3:04.296 1 224.639
26  1 Rast Philippe 1 3:04.976 57.957 3:04.976 1 223.813
27  12 Mikkel Caprani 1 3:09.634 1:02.615 3:09.634 1 218.315
28  15 Annie Seel 1 3:19.703 1:12.684 3:19.703 1 207.308
29  410 Mads Mikkelsen 1 3:43.810 1:36.791 3:43.810 1 184.978
30  19 Anna Jørgensen 1 3:48.854 1:41.835 3:48.854 1 180.901
31  17 Kasper Lynggaard 1 3:53.038 1:46.019 3:53.038 1 177.653
32  535 Valdemar Fricke 1 3:56.960 1:49.941 3:56.960 1 174.713
33  25 Daniel Randrup 1 4:01.853 1:54.834 4:01.853 1 171.178
34  18 Kevin Verner 1 4:16.402 2:09.383 4:16.402 1 161.465
35  175 Mette Andersen 1 4:26.865 2:19.846 4:26.865 1 155.135
36  9 Jan Stæchmann 1 4:30.476 2:23.457 4:30.476 1 153.063

Session results of ‘SS3 Faxe Lap 3′ (Eco Enduro) 11/12/09 20:48
http://www.mylaps.com/results/showrun.jsp?id=1380288 Side 2 af 2

1  5 Fabien Planet 1 2:03.996 2:03.996 1 333.882
2  32 Amel Advocaat 1 2:07.436 3.440 2:07.436 1 324.869
3  7 Matteo Graziani 1 2:12.600 8.604 2:12.600 1 312.217
4  16 Stefan K Olsen 1 2:13.247 9.251 2:13.247 1 310.701
5  4 Frederik Georgsson 1 2:13.441 9.445 2:13.441 1 310.249
6  8 Brian K Jørgensen 1 2:13.962 9.966 2:13.962 1 309.043
7  10 Pål Anders Ullevalseter 1 2:16.575 12.579 2:16.575 1 303.130
8  29 Thomas Kongshøj 1 2:21.496 17.500 2:21.496 1 292.588
9  17 Kasper Lynggaard 1 2:21.610 17.614 2:21.610 1 292.352
10  20 Thomas Eilersen 1 2:22.587 18.591 2:22.587 1 290.349
11  11 Stephane Henrard 1 2:22.800 18.804 2:22.800 1 289.916
12  33 Jesper K Jørgensen 1 2:24.452 20.456 2:24.452 1 286.600
13  3 Joel Smets 1 2:26.472 22.476 2:26.472 1 282.648
14  14 Paulo Concalvez 1 2:26.537 22.541 2:26.537 1 282.523
15  111 Lars Christoffersen 1 2:28.249 24.253 2:28.249 1 279.260
16  66 Klaus Nennewitz 1 2:36.983 32.987 2:36.983 1 263.723
17  26 Viktor Holm Westergård 1 2:38.010 34.014 2:38.010 1 262.009
18  23 Riccardo De Sandre 1 2:39.474 35.478 2:39.474 1 259.603
19  12 Mikkel Caprani 1 2:39.538 35.542 2:39.538 1 259.499
20  77 Vanja Kollmann 1 2:44.421 40.425 2:44.421 1 251.793
21 6 06 Jens Ø (Doctor Ø) 1 2:44.867 40.871 2:44.867 1 251.112
22  27 Pedro Bianchi Prata 1 2:46.174 42.178 2:46.174 1 249.136
23  6 Jørgen Bitsch 1 2:49.509 45.513 2:49.509 1 244.235
24  127 Robbin Harms 1 2:54.133 50.137 2:54.133 1 237.749
25  80 Tommy Heimberg 1 2:54.382 50.386 2:54.382 1 237.410
26  28 Henno van Bergeijk 1 2:56.630 52.634 2:56.630 1 234.388
27  1 Rast Philippe 1 2:59.541 55.545 2:59.541 1 230.588
28  25 Daniel Randrup 1 3:06.186 1:02.190 3:06.186 1 222.358
29  24 Matteo Aperio 1 3:06.614 1:02.618 3:06.614 1 221.848
30  15 Annie Seel 1 3:17.824 1:13.828 3:17.824 1 209.277
31  410 Mads Mikkelsen 1 3:37.562 1:33.566 3:37.562 1 190.291
32  19 Anna Jørgensen 1 4:40.627 2:36.631 4:40.627 1 147.527
33  18 Kevin Verner 1 5:50.097 3:46.101 5:50.097 1 118.253
34  175 Mette Andersen 1 6:13.614 4:09.618 6:13.614 1 110.810
35  535 Valdemar Fricke 1 6:49.494 4:45.498 6:49.494 1 101.100
36  22 Peter Sevel 0 –:–:–.— –:–:–.— 0 -
37  9 Jan Stæchmann 0 –:–:–.— –:–:–.— 0 -

Risultati finali a punti in base alle prime 5 sessioni disputate:

Pos No. Name Total points R1 R2 R3 R4 R5
1  5 Fabien Planet 95 25 12 8 25 25
2  32 Amel Advocaat 94 20 25 18 9 22
3  3 Joel Smets 91 22 14 25 22 8
4  14 Paulo Concalvez 81 16 16 22 20 7
5  10 Pål Anders Ullevalseter 75 15 15 15 16 14
6  7 Matteo Graziani 70 6 6 20 18 20
7  8 Brian K Jørgensen 64 12 18 13 6 15
8  29 Thomas Kongshøj 64 13 13 10 15 13
9  17 Kasper Lynggaard 64 18 20 14 0 12
10  4 Frederik Georgsson 62 8 10 16 12 16
11  16 Stefan K Olsen 55 10 22 4 1 18
12  20 Thomas Eilersen 49 11 8 6 13 11
13  11 Stephane Henrard 49 4 9 12 14 10
14  111 Lars Christoffersen 39 9 7 7 10 6
15  33 Jesper K Jørgensen 38 7 11 0 11 9
16  12 Mikkel Caprani 27 14 0 11 0 2
17  27 Pedro Bianchi Prata 24 3 4 9 8 0
18  24 Matteo Aperio 22 5 5 5 7 0
19  80 Tommy Heimberg 12 2 2 3 5 0
20  26 Viktor Holm Westergård 9 0 1 0 4 4
21  66 Klaus Nennewitz 6 0 0 1 0 5
22  18 Kevin Verner 4 1 3 0 0 0
23  23 Riccardo De Sandre 3 0 0 0 0 3
24  77 Vanja Kollmann 3 0 0 0 2 1
25  606 Jens Ø (Doctor Ø) 3 0 0 0 3 0
26  6 Jørgen Bitsch 2 0 0 2 0 0
27  127 Robbin Harms 0 0 0 0 0 0
28  28 Henno van Bergeijk 0 0 0 0 0 0
29  1 Rast Philippe 0 0 0 0 0 0
30  25 Daniel Randrup 0 0 0 0 0 0
31  15 Annie Seel 0 0 0 0 0 0
32  410 Mads Mikkelsen 0 0 0 0 0 0
33  19 Anna Jørgensen 0 0 0 0 0 0
34  175 Mette Andersen 0 0 0 0 0 0
35  535 Valdemar Fricke 0 0 0 0 0 0
36  22 Peter Sevel 0 0 0 — – 0
37  9 Jan Stæchmann 0 0 0 0 0 0
38  72 Jean Nerva 0 0 0 — – –
This session was created from 5 other sessions in this, or other events. The names of the sessions used in the result, are listed
below.
R1 – SS1 Feddet 1
R2 – SS 2 Feddet 2
R3 – SS3 Faxe Lap 1
R4 – SS3 Faxe Lap 2
R5 – SS3 Faxe Lap 3

  • Share/Bookmark

Presentata al Motor Show la TAZZARI ZERO , la city car “elettrica ma con brio” che si puo caricare in 50 minuti.

mercoledì, 9 dicembre 2009
la Tazzari Zero

la Tazzari Zero

E stata presentato in questi giorni al Motor Show di Bologna il veicolo che viene definito come “la prima city car sportiva elettrica al mondo” ed e estremamente positivo che proprio in questo periodo le industrie italiane comincino a farsi sentire e a mettere a frutto il proprio livello di eccellenza anche in prodotti di questo tipo.

Il veicolo si caratterizza per una scocca interamente in alluminio , una linea forse un pò “fumettosa” ma dalla personalità decisa che farà impazzire molte guidatrici del gentil sesso e si caratterizza per dimensioni estremamente compatte che ne fanno un veicolo agile e scattante concepito per dare il meglio di se in città regalando scatti brucianti , il brio della trazione posteriore , ed una ottima tenuta di strada  , con sospensioni , pneumatici ed impianto frenante abbondantemente sovradimensionato e  per la scelta tra 4 modalità di guida : Race – Economy – Standard – Rain in modo da ottimizzare l’autonomia e le prestazioni in funzione dell’uso che se ne deve fare.

l’impianto frenante e dotato di ben 4 freni a disco ed il telaio e caratterizzato da telaietti anteriore e posteriore dimensionati al fine di garantire il massimo assorbimento d’urto.

[nggallery id=67]

l’autonomia in modalità economy arrriva fino a 140 km per una velocità massima di 90 KM/h e la posssibilità , disponendo dei 380V in trifase , di fare una ricarica in 55 minuti. il costo e fissato in 29.900 dollari (intorno ai 20.000 euro) a cui vanno scalati gli incentivi.

(continua…)

  • Share/Bookmark

11-13-Dicembre – FIM Ride Green Eco Enduro è la prima gara al mondo di enduro a MX per moto elettriche.

domenica, 6 dicembre 2009

Eco Enduro in Denmark

Eco Enduro in Denmark

La garà si svolgerà durante il COP15 – la Conferenza sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite. Lo scopo della gara è mostrare al mondo che gli sport meccanici possono essere ecologicamente responsabili ed è organizzata per cercare nuove strade e soluzioni innovative per ridurre l’impatto negativo degli sport sul clima mondiale.

- ma soprattutto in questo modo il FIM Ride Green Eco Enduro è anche la vetrina per un buon comportamento climatico – dimostrando al mondo che ridurre le emissioni di carbone è “un business abituale” – e non deve cambiare il modo in cui viviamo la nostra vita.

Per quel che riguarda la palma di miglior costruttore sarà sfida aperta fra Quantya e Zero

La griglia dei partecipanti provenienti da ben 12 nazioni  é di tutto rispetto essendo  stata assicurata la presenza anche di Joël Smets (Belgian), David Casteu (French), Luca Manca (Italian), Ruben Faria (Portuguese) et Stéphane Henrard (Belgian) , per l’italia saranno presenti anche Matteo Graziani e Matteo Amperio , quest’ultimo alla guida di una Quantya ufficiale della Quantya switzerland quindi ci sono tutti i presupposti affinche i colori nazionali siano ben difesi…

ecco la griglia ufficiale:

David Casteu # 1 Team TopCamp Feddet F website
Luca Manca # 2 Team TopCamp Feddet I website
Jöel Smets # 3 Team TopCamp Feddet B website
Fredrik Georgsson # 4 Team SVEMO S website
Fabien Planet # 5 Team TopCamp Feddet F website
Jørgen Bitsch # 6 Team Opus DK website
Matteo Graziani # 7 Team TopCamp Feddet I website
Brian Kjær Jørgensen # 8 Team Quantya Danmark DK website
Jan Stæchmann # 9 Team DMU DK website
Pål Anders Ullevålseter # 10 Team Norway N website
Stéphane Henrard # 11 Team Quantya Danmark B website
Mikkel Caprani # 12 Wind Estate DK website
Annie Seel # 15 Sweden Challenge S website
Kevin Verner # 18 Team JØ Racing DK website
Anna Jørgensen # 19 Team JØ Racing DK website
Thomas Eilersen # 20 Team Quantya Danmark DK website
Peter Sevel # 22 Team Tycho Brahe Planetariet DK website
Claude Delumeau #23 F website
Matteo Aperio # 24 Team Quantya Switzerland I website
Thomas Kongshøj # 29 Team Heart Made DK website
Energi DK 1 # 30 Team Energi Danmark DK website
Energi DK 2 # 31 Team Energi Danmark DK website
Amel Advocaat # 32 Team KNMV NL website
Jesper Kjær Jørgensen # 33 Team MX2Green DK website
Markus Schade # 61 D website
Klaus Nennewitz # 66 Team Quantya Switzerland D website
Vanja Kollmann # 77 Team SVEMO S website
Tommy Heimberg # 80 CH website
Lars Christoffersen # 111 Team Quantya Danmark DK website
Robbin Harms # 127 Team Quantya Danmark DK website
Mette Andersen # 175 Team Quantya Danmark DK website
Mads Mikkelsen # 410 Team Quantya Danmark DK website
Valdemar Fricke # 535 Team MX2Green DK website
Jens Ø # 606 Team JØ Racing DK website

fonte:http://twitter.com/ecoenduro

  • Share/Bookmark

Mitsubishi MIEV verrà offerta anche in versione a benzina negli USA

mercoledì, 25 novembre 2009
la mitsubishi MIEV

la mitsubishi MIEV

La Mitsubishi MIEV è sicuramente una tra le non molte auto elettriche risultate pronte in sufficiente anticipo rispetto alle esigenze di mercato , al fine proprio di poter già mettere il veicolo in ondizioni di effettuare dei test di durata ed analizzarne le eventuali anomalie o difetti. dal resto non dimentichiamoci che stiamoparlando di una tecnologia di propulsione che e ancora tutta da scoprire. ebbene pare che per il mercato USA la Mitsubishi si stia preparando ad offire il veicolo in due salse… una cmpletamente elettrica e l’altra dotata di un piccolo motore a benzina che dovrebbe essere un 1000 c.c. a tre cilindri. la ragione della mossa è molto semplice: in primo luogo perche si son resi conto che un veicolo siffatto potrebbe essere una interessante alternativa alla Smart che pare stia riscuotendo un discreto successo, e dall’altra per accaparrare da subito la parte di clientela che gradisce il modello , ma che ancora non si fida degli sviluppi dell’elettrico. per certi aspetti potrebbe anche essere una sorta di “piano B” , un  modo per non buttare via un progetto tutto sommato nato bene, nel caso in cui il modello full elecric si rivelasse commercialmente un flop , anche se va detto che comunque mitsubishi sta scommettendo moltissimo in questo progetto. fonte www.autobloggreen.com

  • Share/Bookmark

Novità “NON ELETTRICHE” EICMA 2009

giovedì, 12 novembre 2009
la Moto Guzzi V12 LM strada

la Moto Guzzi V12 LM strada

L’eicma 2009 e stato caratterizzato anche da svariate novità nell’ambito delle motorizzazioni tradizionali. certo… le novità non sono moltissime quantitativamente ma sul piano qualitativo senz’altro non abbiamo di che lamentarci. elenchiamo in ordine sparso come nostro solito:

Moto Guzzi: era annunciata come novità la Aquila nera che in realtà altro non e che una versione “dark” di Bellagio , Nevada e California… ed invece era pronta una ghiottissima novità: l’erede della mitica LE MANS ovvero la V12LM che nell’anteprima a destra vedete nella versione STRADA ovvero biposto mentre invece la “vera” LM e rigorosamente monoposto e destinata ad un uso piu sportivo. la moto e frutto della collaborazione di due EX Ducati ovvero Miguel Galluzzi e di Pierre Terblanche , il primo è il famoso creatore della Monster mentre il secondo , pur avendo disegnato quella meraviglia della Supermono che poi ha lanciato le basi stilistiche di 916-996 e piu conosciuto per creature che non sono piaciute granchè quali la 999 e la vecchia Multistrada …  bisogna dire che però mai come in questo caso l’unione fa la forza perche la moto e bellissima e sembra anche in grado di appagare i palati un pò piu sportivi della media anche se non siamo certo di fronte ad una Hypersport.

Molto bella anche la Versione motard mentre invece era ammiratissima una versione cafe racer della V7… a conferma di quanto abbiamo (o meglio ho) sempre detto , sostenuto anche da molti lettori.

11.jpg_700BMW: se ne era parlato di un motore a 6 cilindri in casa BMW ed ora finalmente eccolo… di fatto il motore si presenta come una versione 6 cilindri dell’attuale 4 della serie K… non penso che potrà sostituire i 4 di tutta la gamma ma sicuramente questa motorizzazione in chiave sportiva e grand tourer potrebbe avere delle connotazioni interessanti. se non altro per le caratteristiche del motore che già da 2000 giri e in grado di fornire una coppia spaventosa. ad ogni modo come prevedibile , lo scopo del “proto” era soprattutto mettere in evidenza le doti “muscolari” di questo nuovo propulsore anche se anche la moto in se non manca di lanciare input interessanti sul piano stilistico.

tn_PB103481Ducati: e finalmente arrivata la nuova Multistrada 1200 ed una cosa possiamo già dirla… non farà rimpiangere la vecchia. senzì altro stilisticamente questa risulta un pò piu azzeccata anche perche la soluzione della mezza carena agganciata al serbatoio e mezza agganciata al manubrio a tutti e sempre sembrata una inutile e poco gradevole sovrapposizione , anche se ad onore del vero anche qui si ha un curioso effetto di sovrapposizione…sembra infattti di vedere un enduro del tipo con carena a “becco” tipo il V strom a cui e stata “appoggiata” sopra una carena sportiva,  mentre invece non ci sono dubbi che sul piano tecnico – telaistico oltre che di godibilità nella guida , la vecchia Multi era  senz’altro un fulgido esempio di  efficacissima moto polivalente. la nuova invece entra in un filone un pò piu conosciuto ovvero quello della maxi-enduro dalla connotazione tourer dotata però di un motore con caratteristiche decisamente sportive derivato da quello della 1098, anche se dal carattere appositamente addolcito.

tn_PB103408OSSA: la casa spagnola rimasta nel cuore di tanti trialisti ma che nella sua tradizione ha molte vivaci esperienze anche nelle moto sportive e da Turismo , ritorna dopo l’abbandono del 1983 ripartendo da dove aveva lasciato.  lo fa presentano un veicolo specialistico per il trial dotato di un indedito motore da 280 c.c. raffreddato a liquido con il cilindro inclinato all’indietro al fine di compattare al massimo gli ingombri . il motore si caratterizza anche per una distribuzione di tipo kartistico , quindi con il carburatore collocato nella zona anteriore e lo scarico che sfocia nella zona posteriore. anche il telaio e del tutto inedito realizzato in fusione nella zona del canotto dello sterzo ed invece facendo uso di tubi nella zona delle travi discendenti che lo collegano al forcellone in una soluzione a due tubi affiancati. anche il focellone e costituito da un leggero traliccio di tubi affiancati. forcella da 40mm firmata Marzocchi monoammortizzatore posteriore Ohlins completano il tutto per un peso di soli 67 kg. sono già pronti anche una linea di abbigliamento dedicato e di gadget.

tn_PB103250PATON:se e vero che il pianeta va verso la catastrofe per effetto delle emissioni inquinanti e che già si fanno i conti di quanto ci costerà l’inevitabile abbattimento degli inquinanti che ormai no si puo piu rimandare, e anche vero che con l’inasprirsi delle leggi antinquinamento  molti appassionati già diventano nostralgici di tutte le espressioni tecniche del recente passato , soprattutto di quelle che dei problemi ambientali non tenevano assolutamente alcun conto come nel caso dei bolidi a due tempi,  previlegiando per intero le caratteristiche di guida e la performanza assoluta in termini di coppia , peso e di potenza … non si puo negare insomma che una operazione revival che faccia rinascere la Paton 500 GP è sicuramente una iniziativa ricca di fascino anche se sicuramente destinata a pochi danarosi appassionati come e giusto che sia visto l’altissimo livello di manualità dell’opera e l’ elevata profusione di carbonio , titanio e altri materiali nobili. il risultato e semplicemente spettacolare… la spigolosa carena in carbonio che un pò ricorda la prima kawasaki da GP esalta in pieno la muscolarità di questa meraviglia fatta a mano dall’azienda ereditata dal figlio del mitico “pep” Pattoni. mi piace consioderarla una operazione di salvaguardia del nostro patrimonio culturale motociclistico anche perche se non lo facessi farei a cazzotti con il mio spirito ecologista…

tn_PB103237CR&S: l’azienda Milanese autrice della già conosciuta ed apprezzata VUN (tradotto dal milanese UNO) ora decide di continuare la serie numerica con la DUU ovvero con una bicilindrica che prende a prestito un motore decisamente “ingombrante” sia sul piano storico che su quello dimensionale…il mitico aste e bilanceri della casa di Milwakee che tra l’altro aveva lo stand proprio di fronte. il risultato sul piano stilistico e ESAGERATO in tutti i sensi… quanto minimalista e la VUN e quanto e “barocca” , “tanta” , decisamente “troppa” la DUU che tuttavia a fronte di tanta opulenza non e certo priva di un suo personale fascino. la mia personale idea e che la moto sia stata realizzata per seguire le richieste della attuale committenzache sicuramente non é  lontana dall’area custom cruiser ed a quella delle cafe racer  e quindi il risultato finale sia un pò la sommatoria dei desideri di quella ventina di fortunati in tutto il mondo che già guidano la Vun e che ora vogliono qualche cosa di piu imponente,  ma forse e la mia area di gusto che è troppo lontana dalle idee di chi ha disegnato  questa creatura… ripeto…non e che non mi piaccia ma mi inquieta perche tira fuori il “truzzo” che c’è in me. ben altra cosa invece e al mia curisità in merito alle sue  doti ciclistiche e motoristiche visto che so con quale serietà questa azienda costruisce e mette a punto le proprie creature…  anche se non penso sarà possibile appurarlo.

tn_PB103478MILLEPERCENTO: forte della presenza di un genio come Ghezzi (ormai uscito da Guzzi) nonche supportata dai creatori del mitico BIG BORE che di fatto e un supermotore che sostituisce in toto il classico V2 di Mandello che si caratterizza per il raffreddamento a liquido , la distribuzione aste e bilanceri con due belle valvolone grosse grosse ed una cilindrata di circa 1450 c.c. …configurazione questa che sulla MGS01 ha permesso alla Guzzi di vincere a Daytona la Battle of Twin alla guida di Guareschi. ora il team e al servizio della Millepercento per creare creature fantastiche come ad esempio il MOTARDONE e la bella sportiva qui rappresentata . nello stand era comunque ancora presente la già conosciuta creatura su base Griso.

[nggallery id=64]

  • Share/Bookmark

ACTA ENERGY: l’idrogeno “possibile” parla italiano

giovedì, 12 novembre 2009
     Generatore di corrente a fuel cell

Generatore di corrente a fuel cell

Al green planet dell’eicma abbiamo avuto modo di apprezzare interessantissime novità riguardo ad applicazioni possibili dell’idrogeno per lo stoccaggio di energia e anche per piccole soluzioni di mobilità quali ad esempio la bicicletta fuel cell.

Generatori di Idrogeno: In primo luogo abbiamo avuto modo di apprezzare il generatore domestico di idrogeno che partendo dall’immissione di acqua distillata (quella che si mette nel ferro da stiro) senza fare uso di pompe e in grado di produrre idrogeno in pressione mediante un processo elettrolitico particolarmente ottimizzato. al termine della produzione il sistema svuota interalmente il circuito da ogni traccia di idrogeno per preservarne la sicurezza. il sistema produce 100 L/h alla pressione di 300bar con una purezza del 99,8 per cento con un consumo di corrente di 500 W/h (che possono provenire anche da pannelli solari) e un consumo d’acqua di 0,1 l /h.

Generatore di Corrente: l’idrogeno prodotto dal generatore di idrogeno puo essere stoccato allìinterno del generatore dotato di un serbatoio e di una  cella a combustibile che di fatto costituisce il generatore stesso. con una dissipazione di calore modesta il sistema è in grado di fornire fino a 1000W per una durata di 8 ore e puo essere caricato in pochi minuti.

bicicletta ad idrogeno

bicicletta ad idrogeno

Bicicletta elettrica: In una cella a combustibile l’idrogeno viene ricombinato con l’ossigeno presente nell’aria  ed il processo genera vapore acqueo e corrente elettrica destinata ad alimentare la bicicletta. l’idrogeno viene stoccato dentro a delle bombole contenenti polveri di idruri metallici che riescono ad assorbire idrogeno in quantità notevolmente superiore al proprio volume così da permettere di contenerlo in bombola a bassissima pressione. questo permette di non doverlo stoccare a bassa temperatura allo stato liquido per contenerne il volume. le prestazioni sono notevoli in quanto con una sola bombola da un litro (pari a 600 litri di idrogeno) si percorrono 100 km a 25 KM/h . il serbatoio si ricarica in 6 ore con il generatore di idrogeno

Motore Fuoribordo Elettrico: Una altra interessante applicazione dell’idrogeno e in ambito nautico. l’applicazione di un piccolo motore fuoribordo collegata al generatore di corrente permette di navigare fino ad 8 ore, ma e possibile anche portare a bordo sia il generatore di idrogeno che un impianto fotovoltaico ..in questo caso possiamo muoverci di fatto autoproducendo energia e senza inquinare. il sistema correttamente dimensionato puo anche alimentare tutti gli ausilii di bordo.

Infine siamo riusciti a strappare qualche indiscrezione in merito alla possibilità di produrre idrogeno dalle urine. ci e stato detto che in realtà e possibile estrarre abbondante ossigeno con poca energia ovunque sia presente ammoniaca e che quindi ci saranno moltissimi interessanti sviluppi di questa tecnologia nei prossimi anni , progetti basati su brevetti di cui loro sono detentori…. sarebbe davvero bello sapere che l’italia avrà un ruolo importante nelle scelte energetiche mondiali del futuro.

  • Share/Bookmark

Motore di plastica in arrivo? interessanti sviluppi all’orizzonte.

lunedì, 2 novembre 2009
il motore in plastica...un traguardo interessante.

il motore in plastica...un traguardo interessante.

Già da tempo diverse parti dei motori vengono realizzate in plastica… un esempio classico viene dai collettori di aspirazione , ma anche da componenti dell’iniezione , airbox , filtri , collettori di scarico , alcuni ingranaggi e rinvii , mariguardo alla possibilità di arrivare a costruire il monoblocco o parti che interessano le funzioni termiche del motore stesso , la cosa e sempre stata considerata come un futuribile ed improbabile sviluppo. ma questa settimana la rivista Popular Science rivista di target abbastanza simile all’europeo Focus , mette in prima pagina proprio la notizia che un motore endotermico con monoblocco in materiale plastico sarebbe già stato realizzato : infatti se la notizia corrisponde al vero, Matti Holtzberg, un ingegnere e presidente della Polimotor Research,ha con sucxcesso disegnato e realizzato un motore basato su speciali polimeri che riproduce nelle fattezze  un Ford Pinto che originariamente sarebbe capace di 88 cavalli ma il cui peso risulterebbe ridotto da 415 a 152 pound mentre la potenza di cui sarebbe capace arriverebbe addirittura a 300 cavalli. di fronte alla prospettiva dell’elettrico , il motore in plastica che peserebbe un terzo rispetto ad un motore tradizionale e che permetterebbe anche interessanti economie costruttive , si prefigurerebbe come un ottimo range extender per veicoli ibridi in quanto con il peso risparmiato si potrebbe incrementare l’efficienza dei veicoli o portare a bordo piu batterie. fonte: www.autobloggreen.com

  • Share/Bookmark