Articoli marcati con tag ‘mercato’

2012: MERCATO AFFOSSATO DA VESSAZIONI E INFRASTRUTTURE INADEGUATE

domenica, 13 gennaio 2013

Vendite negative nell’ultimo mese dell’anno, come purtroppo accaduto nel corso di tutto il 2012, che comportano 4.014 veicoli immatricolati. In termini percentuali la perdita è pari al -29,8% rispetto allo stesso mese del 2011. Le moto con 1.438 unità segnano un -14,6%; mentre gli scooter con 2.756 pezzi presentano un calo più consistente del -36,2%. Dicembre pesa solo il 2% delle vendite dell’anno, ma è preoccupante che negli ultimi 5 mesi ci sia stato un calo costante a 2 cifre. (continua…)

  • Share/Bookmark

La superbike elettrica eCRP da oggi noleggiabile tramite i cofanetti regalo Motori Accesi di Smartbox® !!!

domenica, 7 agosto 2011

eCRPDa agosto la eCRP, la moto elettrica da competizione di CRP Racing, entra a far parte del mondo di Smartbox®, marchio n.1 in Italia nel mercato dei cofanetti regalo secondo la Ricerca Ipsos 2010  “The perfect Gift”.

Con l’acquisto di Motori Accesi, sarà quindi possibile prenotare un test in pista sulla eCRP1.4, la moto che da due anni corre nei campionati mondiali di moto elettriche e che nel 2010 ha conquistato il titolo di Campione d’Europa e Vice Campione del mondo.

L’offerta prevede di poter scendere in pista in un regolare circuito e di poter scegliere in accordo con gli organizzatori il giorno per poter provare l’ebbrezza di cavalcare una vera moto racing, con il supporto dello staff tecnico. Ciascun cofanetto tematico Smartbox® contiene una pratica guida con una selezione fino a 340 attività tra escursioni e attività avventurose ed emozionanti per gli sportivi e gli intrepidi sempre a caccia di nuove sfide, soggiorni in centri benessere per chi vuole coccolarsi, notti romantiche in dimore eleganti per chi ama il lusso, degustazioni o pernottamento con cena gourmet per chi apprezza la buona tavola. Chi riceve Smartbox® in regalo potrà selezionare l’attività o il soggiorno che predilige e poi prenotare direttamente presso la struttura, in qualsiasi momento dell’anno e senza restrizioni previa verifica delle disponibilità. Basterà poi presentare al proprio arrivo l’assegno regalo in dotazione nella Smartbox® e prepararsi al divertimento! Diventa pilota per un giorno della eCRP e prova l’adrenalina dell’elettrico.

Prepara casco e tuta, la eCRP ti aspetta!

  • Share/Bookmark

si chiama EC-03 la prima proposta elettrica di Yamaha

venerdì, 18 febbraio 2011

Anche Yamaha ha deciso di entrare nel mercato della moto elettrica partendo dal basso.

Lo Scooter in questione il cui nome definitivo è  EC-03 ha un design minimalista ricorda quello di un ciclomotore, ma grazie ai soli 56 kg e ad una lunghezza massima di soli 1.565mm presenta molti vantaggi rispetto ai ciclomotori, in termini di leggerezza e dimensioni.

EC-03 offre inoltre due modalità di funzionamento del motore elettrico: “Standard” per la marcia normale e “Power” se c’è bisogno di un po’ di spunto in più. Dimensioni e peso contenuti permettono addirittura di portare l’EC-03 in casa (o in ufficio) ma anche in camper o in caravan, una caratteristica utilissima in vacanza o nel weekend.

Disponibile a partire dal 2011 in tutta Europa, l’EC-03 potrà essere guidato da chiunque abbia il patentino per i 50 cc.

Grazie al caricabatterie integrato l’EC-03 può essere facilmente connesso a qualsiasi presa elettrica con l’apposito cavo;

Ci aspettavamo francamente qualcosa di piu dalle performance: per una ricarica completa servono sette ore, e assicura un’autonomia di circa 43Km a una velocità media di 30 km/h in modalità Standard. Non molto in effetti, ma  sufficiente per  quotidiani spostamenti casa/lavoro.

Il design “snello” di EC-03 è consegguenza  dalle dimensioni compatte del motore YIPU (Yamaha Integrated Power Unit). Un propulsore innovativo, integrato come ormai consuetudine pressochè consolidata nel mozzo della ruota, che impiega un sistema di trasmissione diretta, minimizzando le perdite di potenza. Un microprocessore calcola momento per momento l’erogazione di potenza ideale.

Gradevole e ben leggibile la strumentazione con display LCD , che comprende il tachimetro e l’indicatore dello stato di carica della batteria. Avvisatori acustici segnalano l’inserimento delle frecce e lo scarso livello di carica della batteria. Per controllare che tutto sia a posto, basta premere il pulsante apposito al momento della partenza.

L’ampia  sella è studiata per rendere confortevole ogni spostamento, e riesce a coniugare le dimensioni compatte con l’ergonomia.. La sagoma della stessa consente anche di mettere rapidamente i piedi a terra. Chi guida EC-03 infine ha la vita più facile, e sicura: EC-03 si può bloccare con un key code, rendendo più difficili i furti.

disponibile da Maggio con prezzi a partire da 2.390 euro

  • Share/Bookmark

Svelato il segreto del misterioso team Z a Bransh Hatch. si tratta del costruttore cinese ZongshenEnveled the secret of the Team Z : was the Zonghen team that debut secretly in Brands Hatch

venerdì, 8 ottobre 2010

Come vi avevamo accennato , a Bransh Hatch ha preso il via un team dal nome misterioso: Team Z il team si è messo in luce per buone prestazioni fin da subito nonostante l’inesperienza del pilota cinese Chi Fung Ho…ebbene in occasione dell’intermot l’identità del team è stat svelata: si tratta del gruppo cinese ZongShen uno dei piu grossi costruttori di motori e di motocicli del continente asiatico , che recentemente aveva fatto parlare di se per l’intenzione di acquistare la MISSION MOTORS , cosa che davamo già per scontata ma che alla luce di questi eventi non sembra piu un evento così sicuro. la ragione di tanta competitività immediata che ci aveva fatto urlare ingenuamente al miracolo,  è presto spiegata: il team ha acquistato e schierato una Agni Suzuki mettendoci sopra il pur valido Chi Fung Ho… a naso la moto ci sembra quella di Barber del 2009 ma potrebbe essere benissimo una delle moto di ques’anno noleggiata dal team stesso. . dal resto la Zongshen non è nuova ad operazioni di questo tipo: corsero già anni fa in SBK schierando una Yamaha R1 con a bordo piloti cinesi emergenti e anche in Moto GP 250 nel 2008 fecero la stessa cosa schierando una Aprilia 250GP il tutto con l’intenzione di fare esperienza nell’ambito felle corse ed apprendere il piu possibile… nel 2009 il team zongshen ha partecipato al campionato asiatico GP con un team interamente cinese , dai piloti ai tecnici fino ai meccanici e agli addetti stampa con la ciliegina finale della partecipazione al campionato TTXGP giusto in tempo per la ffinale di Albacete. Il team specifica che però la scelta di correre con questa moto è provvisoria e che nel 2011 il team ha intenzione di patecipare mcon un una propria moto. solo allora sapremo se si tratterà del frutto della collaborazione con Mission Motors o di un progetto totalmente autonomo…fatto sta che la Zongshen crede nella moto elettrica che è un settore importantissimo del mercato consumer cinese (oltre il 90% degli scooter in cina sono elettrici per le forti normative antinquinamento ) e per farsi conoscere in occidente oltre che per accumulare esperienza, ha intuito l’importanza di dover essere nelle competizioni. tutto questo costituisce sicuramente un altro importante traguardo raggiunto dalla organizzazione di Hussein in vista di un allargamento dei partecipanti e della presenza di sponsor capaci di finanziare nuovi eventi.

At the Intermot show in Cologne, Germany, TTXGP proudly announced the participation of our first fully-fledged factory team from Chinese Motorcycle manufacturer and racing team, China Zongshen Motorcycle Racing Team. Zongshen have a tremendous pedigree in top-flight motorcycle racing and join the TTXGP series in a hope to develop new, clean technology on the track and use the lessons learnt with TTXGP in their manufacturing facility in China.

China Zongshen Motorcycle Racing Team was formed in 1999 and was the first team from China to compete in the MotoGP World Championship and has also participated in the Asian Nations Cup.

The joining of Zongshen has been warmly welcomed by TTXGP. The mission of Zongshen Motorcycles to “provide clean, convenient and safe transportation tools for human beings and improve their life quality” is a goal that TTXGP are happy to be a part of and support wholeheartedly.

The team has been granted a wildcard entry to the TTXGP World Final/UEM in Albacete, Spain on the 23-24 October this year, where they will be using a temporary bike to run with the pack and gain vital experience before designing their own bike for the 2011 season.

Zongshen will have one of their factory team riders piloting the bike, Chi-Fung Ho, who has been with the team for the last 8 years, so he will be calling on all of his experience with the team, to get used to electric motorcycle racing as quickly as possible in a field of experienced competitors. Ho has a vast history of racing across many different classes, so should be the ideal rider to take the team from China into the next generation of motorsport.

source:ttxgp.com

  • Share/Bookmark

Ufficiale : la cinese BYD e la DAIMLER BENZ creeranno un veicolo elettrico con un nuovo marchio

martedì, 16 marzo 2010
la cinese Byd e6 ha linee tradizionali , ma prestazioni da capogiro

la cinese Byd e6 ha linee tradizionali , ma prestazioni da capogiro

Già qualche rumors girava attorno a questa notizia … La cinese Byd dopo aver incassato il primo ordine di 100 pezzi presso una azienda di taxi a Shanghai , ha messo a segno un altro colpo: in collaborazione con il gruppo daimler verrà realizzato sul suolo cinese un veicolo con un brand tutto nuovo da collocare nell’ambito dei veicoli EV ad emissioni zero. non si sa nulla però sulla tabella di marcia di questo progetto. certo e che la Byd e un partner strategico in quanto ha già commercializzato un veicolo elettrico dalle caratteristiche abbastanza avanzate , si trova su un territorio , la cina , dove il know how e la tecnologia in materia di batterie al litio e allo stadio piu avanzato e dove i costi sono piu bassi. inoltre c’è un grosso mercato interno fatto sia di amministrazioni locali , che di aziende di trasporti che già rappresenterebbe un bacino di utenza importante e non ultimo il fatto che il KNOW HOW di BYD nel settore è alquanto rilevante e la e6 di cui abbiamo già parlarto in precedenza, costituisce una ottima base di partenza … moltissime quindi sono le motivazioni che spingono la Daimler verso la Byd. se si somma questo al fatto che Marcedes e già da quasi un anno Partner anche di Tesla, si capisce quanto l’azienda tedesca investa in questo settore.

fonjte:www.autobloggreen.com

  • Share/Bookmark

Piaggio MP3 ibrido: ora arriva per davvero

mercoledì, 27 gennaio 2010

Piaggio ha voluto celebrare il lancio sul mercato dell’MP3 che sarà quindi realmente disponibile nelle concessionarie attraverso questo gustoso video che ne mette in risalto le doti di guida e le caratteristiche tecniche, tra cui fondamentale la possibilità di poter effettuare la ricarica degli accumulatori dalla rete e di utilizzarlo in modalità 100% elettrica nelle aree a traffico limitato.

  • Share/Bookmark

Nuovo record moto elettriche:Lightnight Motorcycle frantuma la barriera delle 166 miglia a Bonneville

giovedì, 22 ottobre 2009
la lightnight motorcycle a Bonneville

la lightnight motorcycle a Bonneville

La Lightnight motorcycle è un costruttore in erba che mira a far conoscere la bontà dei propri prodotti ed il proprio livello tecnologico attraverso la strada dell’abbattimento del record mondiale di velocità per motocicli elettrici destinati alla produzione in serie. il record precedente è della MISSION MOTORS che e andata oltre le 150 miglia (161 in una delle due tratte) mentre invece la lightnight è già riuscita ufficiosamente a battere il record dei 166 miglia orarie, record che però non e stato ufficializzato in quanto non sono ancora stati compiuti i DUE tentativi consecutivi ed in direzione opposta necessari alla ufficializzazione del record.

Il veicolo si presenta davvero interessante… il motore , generosamente dimensionato, proviene da una GM-EV1 , (vi ricordate quel coupè elettrico che la GM produsse svariati anni fa per il mercato californiano che già richiedeva veicoli ad emissioni zero? una gran macchina di buone prestazioni sia in velocità che in autonomia assolutamente incompresa in quanto non solo la tecnologia del litio di allora era troppo costosa ma allora non c’erano incentivi per chi la comprava) mentre le batteerie sono fornite dalla A123 e il pilota è Aaron Frank from Motorcyclist Magazine . l’attuale record di 166 miglia orarie è stato stabilito da Paul Thede del team Race Tech, alla guida di una CBR600RR elettrificata.

Potrete notare che la Lightnight fa uso di una carenatura Ducati 1098 e la ragione e molto semplice. la carenatura originariamente prevista per questa moto e stata giudicata illegale dai tecnici ispettori della federazione per cui in fretta e furia si e corsi ad adattare una carena di provenienza ducati il cui aspetto risulta un pò posticcio… ad una prima occhiata però diremmo che a noi anche il telaio sembra di derivazione ducati anche se magari con qualche tubo in meno qua e la per far posto a qualche accessorio… ad ogni modo la Lightnight punta ad abbattere la barriera delle 176 miglia che sarebbero pari a 281 kilometri orari… ancora dubbi sulla lentezza dei veicoli elettrici? fonte: www.autobloggreeen.com

[nggallery id=60]

  • Share/Bookmark

Scorpion Performance , un vero esempio di tuning estremo.

martedì, 6 ottobre 2009
90 cv per meno di 100 kg e l'impressionante biglietto da visita di questa special fatta in casa...

90 cv per meno di 100 kg e l'impressionante biglietto da visita di questa special fatta in casa...

Questa special bike in origine era una semplice Cagiva Mito 125cc del 2000 con soli 15cv limitati per legge. Dal punto di partenza ad’oggi prende vita una prototipo da me soprannominata “Scorpion performance”, una moto dalle prestazioni uniche per la sua categoria, paragonabile sotto tutti gli aspetti alle più recenti sportive di grossa cilindrata. Gode di un motore sempre 2 tempi di 200cc sette marce, con circa 90cv compreso la sovralimentazione, tutto questo con un peso piuma che si aggira a 100Kg, quindi immagini lei il risultato, rapporto peso/potenza quasi 1/1 contando le prestazioni di un propulsore 2 tempi, sovralimentato con protossido d’azoto.,  il risultato è davvero incredibile, prestazioni davvero incontenibili, impossibili da capire se non lo si vede con i propri occhi.
E’ stata straelaborata sotto ogni profilo, meccanico, ciclistico ed’estetico, stravolgendo tutto ciò che era originale nei migliori pezzi alf-market da competizione; non esiste pezzo in questa special che sia rimasto originale, tutto e dico tutto è stato sostituito , elaborato o modificato nei fini estetici ma soprattutto prestazionali.
La componentistica di questa moto si affaccia a soli tre materiali d’altissima competizione: carbonio, magnesio forgiato, ergal.
Le modifiche strabilianti sono davvero tante, una delle più stravolgenti di certo è stato montare un forcellone monobraccio d’origine Mv Agusta in una moto con un bibraccio d’assoluta semplicità. Anche se esteriormente è identico all’ originale, quest’ultimo è stato trasformato al suo interno per permettere un nuovo attacco con il telaio e per un risparmio di peso notevole; è stato ulteriormente allungato per aumentare la corsa della moto e allineato perfettamente per rendere tutto funzionale e d’assoluta performance.
La sovralimentazione del kit di protossido d’azoto è un’altra chicca sensazionale, montare in una moto due tempi un kit di N2O, non è solo da matti, ma sicuramente è la ricerca delle massime prestazioni; la decisione del monoblocco monocilindrico di piccola cilindrata è stata una scelta ben voluta, sia per una soluzione tecnica che anche un motore bilicindrico 250cc non avrebbe potuto offrirci sia perché io credo che è molto più gustoso vedere una 500 del 60 battere una ferrari che l’esatto contrario contrario.
In quest’ultimo caso posso garantirvi che le prestazioni tirate fuori tra il fattore peso/potenza ci hanno dato moltissime soddisfazioni che nessun altro motore di nessun’ altra cilindrata ci poteva donare.

(continua…)

  • Share/Bookmark