Articoli marcati con tag ‘Mark Miller’

Qualifiche Tourist Trophy delle Moto elettriche: Honda con Mc Guinnes ipoteca la vittoria

domenica, 2 giugno 2013

Il TT zero ovvero la sezione del Tourist trophy dedicata alle moto elettriche vede anche quest’anno la partecipazione di Honda , anche se sotto il marchio MUGEN. la casa giapponese infatti non ha badato a spese per ribadire la propria volontà ad affermare il primato tecnologico anche in questa categoria attingendo al miglior pilota disponibile sulla piazza: Mc Guinnes che già guida la Honda SBK su questo tracciato , si è preso cura di guidare anche questa specie di astronave viaggiante che giù lo scorso anno aveva ben figurato. hanno lavorato sodo alla Honda sulla moto dello scorso anno e così quest’annio si sono presentati con una moto dimagrita di 12 kg , affinata nell’elettronica e nell’aerodinamica e con un pilota che finalmente la conosceva un pò meglio.

Unico avversario l’americana plurivincitrice MotoCZYSZ , partner tecnologico di Segway nonchè primo costruttore al mondo ad avere abbattuto la soglia delle 100 miglia di media  su una moto elettrica proprio lo scorso anno. e se si pensa che le moto a benzina han superato quest’anno per la prima volta i 130 di media c’è da riflettere sul valore di questo risultato visto che al TT si corre per 66 kilometri in salite e discese da brivido con il gas spalancato per tutto il tempo!

Ad ogni modo dicevo… la MotoCZYSZ è vicinissima , ma è anche l’unica in grado di impensierire… dietro gli altri avversari sono ad anni luce. dopo Miller e Rutter c’è il vincitore del 2009 John Barber alla guida di una non competitiva RW2 che si trova a girare più piano di quanto non fece nel 2009 alla guida della AGNI suzuki con motore a spazzole. segnaliamo la presenza del team italiano VERCARMOTO con una Yamaha R6 elettrificata dotata di cambio che guidata dal veterano Chris Mc Gahan incassa un modesto 77.51 miglia orarie , ma va anche detto che il pilota ha potuto provare la moto solo il martedì con la pista aperta al traffico.

ora aspettiamo di sapere che cosa succederà in gara.

  • Share/Bookmark

TT Zero 2011 – Ecco come è andato il Tourist Tropy ElettricoIsle of Man TT Zero Results 2011

venerdì, 10 giugno 2011


Anche quest’anno MotoCZYSZ ha fatto man bassa del TT -zero vincendo tutto quel che c’era da vincere in una solenne doppietta con Michael Rutter e mark Miller. tuttavia , per un soffio , il veterano Rutter non è riuscito ad agguantare il premio di 10.000 sterline dedicato al primo team che riuscirà ad aggiudicarsi la gara ad una media superiore alle 100 miglia. Infatti con un risultato di 99,604 si è ormai arrivati ad un pelo dall’obbiettivo mentre invece sembra ormai passato un secolo da quando Rob Barber si aggiudicò la storica edizione del 2009 (nonchè prova unica dell’allora campionato TTXGP) a 88 miglia di media.

Peccato solo per la scarsità di concorrenti presenti! non si è vista l’italiana VERCARMOTO che potenzialmente ci sembrava un ottimo outsider , è letteralmente mancato il confronto diretto con l’altra “americana” ovvero la lightnight motors afflitta da molti guai di gioventù che qui ha letteralmente fatto il viaggio a vuoto… tanto valeva schierare la vecchia moto forse un pò troppo frettolosamente è stata messa nel cassetto e che invece , dato il livello medio dei partenti , aveva buone speranze di ben figurare.

Gli illustri sconosciuti: di fatto a contendere il risultato al superteam di CZYSZ che per mettere al sicuro il risultato si è affidato ad un superdriver c’erano : la Kingston University a cavallo della propria Ion Horse ,con un vero progetto inedito che si è pazzata 3° alla media di 88 miglia , un abisso dalla moto di Rutter , e a seguire la MIT EVT guidata dal veterano Allan Brew , una kit bike realizzata su base BMW S1000RR con la classica coppia di motori Agni gestita da controller Kelly motors, accoppiata che si può tranquillamente  e la PROZZA , una kit bike realizzata in giappone.

da segnalare che la velocità massima raggiunta dalla piu veloce delle due CZYSZ è stata di 149,5 Miglia orarie pari a ben 240 Km/h … decisamente non male dal momento che il tracciato è lungo ben 66 km ed è ricco di salite e discese…

In realtà il mancato raggiungimento delle 100 miglia orarie di media è stato semplicemente dovuto alla necessità di garantire con un buon margine di sicurezza il completamento del tracciato visto che 66 km a pieno regime sono pur sempre una percorrenza piuttosto elevata per una moto elettrica.

questo il risultato finale:

2011 TT Zero Results:
1. Michael Rutter (MotoCzysz) 99.604 mph
2. Mark Miller (MotoCzysz) 98.288 mph
3. George Spence (Kingston) 88.435 mph
4. Allan Brew (MIT EVT) 79.163 mph
5. Yoshinari Matsushita (Prozza TT) 69.877 mph
DNF John Burrows (Lightning Motorcycles)
DNF Roy Richardson (Imperial)
DNF Russ Mountford (Brunel)
DNF Dan Kneen (ManTTx)

fonte: http://www.motorcycle-usa.com/498/10253/Motorcycle-Article/Isle-of-Man-TT-Zero-Results-2011.aspx

[nggallery id=122]

MotoCzysz extends its TT Zero winning streak to two, with Michael Rutter taking the electric exhibition race ahead of teammate Mark Miller. The TT veteran Rutter missed the prestige of marking the first-ever electric powered 100 mph lap, and the attendant £10,000 bounty awarded by the Isle of Man government, by a scant 0.396 mph. A Kingston University entry piloted by George Spence completed the TT Zero podium, with only five of the nine entries completing laps.

A multiple TT podium finisher and North West 200 winner, Rutter quickly overtook his American teammate during the one-lap TT Zero race. Reports state The Blade got his Segway MotoCzysz E1PC up to a 149.5 mph top speed en route to victory.

Said Rutter in an official IOM Press Office press release: “99.6mph – that’s the story of my life. I tried to conserve battery life and stay smooth. It’s a totally different way of riding but I really enjoyed it. We only saw the bike on Wednesday, so I think if we had more time there would be more to come set-up wise.”

Rutter’s near 100 mph lap marks a modest improvement over the 96.820 mph best set by the race winning Miller in 2010. The inaugural electric TT race held at the isle, the 2009 TTXGP, saw Ron Barber pilot a Team AGNI bike to victory via a 87.434 mph lap.

The Blade gets up to speed on the MotoCzysz E1PC. Rutter would reach a near 150 mph top speed and just miss setting the first-ever electric-powered 100 mph lap at the Isle.

The Blade gets up to speed on the MotoCzysz E1PC. Rutter would reach almost 150 mph top speed and just missed setting the first-ever electric-powered 100 mph lap at the Isle.

Spence’s third place results nets Kingston University the £5000 University Prize, awarded to the fastest University entrant. The British research university bested the American effort from MIT (Read more on the MIT EV project in Backmarker: Old Meets New at the 2011 Isle of Man TT).

2011 TT Zero Results:

1. Michael Rutter (MotoCzysz) 99.604 mph

2. Mark Miller (MotoCzysz) 98.288 mph

3. George Spence (Kingston) 88.435 mph

4. Allan Brew (MIT EVT) 79.163 mph

5. Yoshinari Matsushita (Prozza TT) 69.877 mph

DNF John Burrows (Lightning Motorcycles)

DNF Roy Richardson (Imperial)

DNF Russ Mountford (Brunel)

DNF Dan Kneen (ManTTx)

source: http://www.motorcycle-usa.com/498/10253/Motorcycle-Article/Isle-of-Man-TT-Zero-Results-2011.aspx

[nggallery id=122]

  • Share/Bookmark

la MotoCZYSZ guidata da Mark Miller vince la seconda edizione del TT dedicato alle moto elettriche.[VIDEO]

sabato, 12 giugno 2010

motocsysz-ttzero-1

isola di Man- 11Giugno2010- La seconda edizione al mondo del Tourist Trophy dedicata alle moto elettriche che e poi la prima sotto l’etichetta del TTzero è stata vinta dall’americano Mark Miller in sella alla MotoCZYSZ E1pc …. la moto che già era stata tra i protagonisti dello scorso anno prima di incorrere in un inconveniente tecnico . e stata profondamente rivista e dotata di un piu efficiente motore rafffreddato a liquido ed ha centrato in pieno l’obbiettivo di ripetere la performance già vista in prova centrando la vittoria di classe con un margine strabiliante… tuttavia a lasciare l’amaro in bocca e stata la media raggiunta di “sole” 97 miglia orarie perche con sole tre miglia in piu sarebbe stata vinto il ghiotto premio messo in palio per la prima moto elettrica a superarre la media di 100 miglia orarie… va pur detto che la velocità massima e stata di ben 140 miglia orarie ovverno nientepopodimeno che 240 KM/h e che comunque la media vicina ai 160 orari e davvero di tutto rispetto e frantuma quella stabilita lo scorso anno da Rob Barber su Agni di “sole” 88 miglia… in pratica se avesse corso ieri Barber si sarebbe preso una “paga” di ben 2 minuti e 51.

lo dicevamo noi che il potenziale “vero” delle TTXGP dello scorso anno non era quello messo in campo…

la concorrenza non e stata comunque totalmente a guardare… era presente la Agni Z1 guidata dal vincitore dello scorso anno  Barber , dotata di una anacronistica carenatura integrale a campana che copriva la ruota anteriore… va tuttavia detto che se tale soluzione tecnica e sparita dalla scena non e certo per problemi di efficienza ma bensi di sicurezza nella guida con vento laterale che convinse la federazione a vietarla già dalla fine degli anni 50. ma siccome il regolamento della TTZERO non ne vieta l’utilizzo ecco che puntualmente qualcuno l’ha riproposta per cercare di guadagnare velocità in rettilineo… Rob alla fine e arrivato secondo mentre la battaglia per il terzo posto tra la seconda Agni di Jenny Tinmouth e la Ducati-Ramsey elettrificata di James McBride ha visto ques’ultima avere la meglio…

Classifica finale:

1 3 Mark Miller MotoCzysz E1PC / MotoCzysz 23 22.89 96.820 Silver
2 1 Robert Barber Agni / AGNI Racing 25 21.19 89.290 Bronze
3 4 James McBride Man TTX / Man TTX Racing 25 32.13 88.653 Bronze
4 2 Jennifer Tinmouth Agni / AGNI Racing 25 39.50 88.228 Bronze
5 9 George Spence Peter Williams / Kingston University 34 59.19 64.705

  • Share/Bookmark

CZYSZ ci riprova all’isola di Mans ma corre nella TTZERO [VIDEO]

giovedì, 10 giugno 2010

tt-zero-moto-czysz-630

Il mondo del motociclismo elettrico è appena nato ed e già così diviso quindi non e facile cogliere tutti gli aspetti accidentali dalle divisioni regolamentari attuate…

Per farla breve lo scorso anno tutto cominciò al TT dove sull’isola di Mans in accordo con gli organizzatori locali si diede vita al TTXGP ovvero alla prima gara mondiale frutto di un unico sistema regolamentare che doveva essere il laboratorio viaggiante per una formula destinata ad un vero campionato mondiale.

il giorno dopo di quella gara i vertifci organizzatori del TTXGP si sedettero al tavolo con la FIA per porre le basi di quello che doveva essere il futuro campionato mondiale del settore subito chiamato EGRANDPRIX ed invece per ragioni che ancora oggi non e dato sapere , la Fia nel giro di qualche mese ha annunciato l’avvio di un campionato indipendente chiamato E-Power la cui prima prova si e disputata a Le Mans un pò di tempo fa e che ha visto ai blocchi di partenza solo 5 moto tra cui la Betti Moto (che perenderà parte anche al TTXGP) , mentre a distanza di qualche altro mese anche gli organizzatori del TT hanno optato per l’inaugurazione di una formula indipendente dal TTXGP cquale appunto e il  TTZero che a differenza di quanto avvenuto lo scorso anno con il TTXGP , si correrà CONTESTUALMENTE al Tourist Trophy per veicoli alimentati a benzina… il TTXGP invece e diventato un campionato mondiale a gironi dove i contendenti si sfidano in 3 campionati, quello nord americano , quello inglese e quello italiano e poi i migliori 8 di ciascun campionato (che in qualche caso potrebbero essere tutti i contendenti) si sfideranno nella gara finale di Albacete.

Ebbene la CZYSZ che si schierò lo scorso anno nel TTXGP con una motocicletta derivata dalla propria superbike termica , dotata di 3 motori a spazzole controrotanti , ha deciso di far tesoro della propria esperienza per tornare all’assalto del TT con una moto riveduta e corretta.

La moto dispone ora di Un solo motore a magneti permanenti raffreddato a liquido da 100 cv con 250 pound/feet di coppia ed ha subito anche vari affinamenti ciclistici. il debutto alla prima sessione di prove e stato sorprendente in quanto le prestazioni ottenute sono davvero notevoli…. con una media di ben 131 miglia orarie la CZYSZ guidata sempre da Mark Miller,  ha compiuto il giro dell’isola in quasi due minuti in meno del vincitore dello scorso anno e mettendo quindi una seria ipoteca sulla probabile vittoria.

l’incredibile e che lo scorso anno si vinse a 88 miglia di media ed era stato messo in palio un premio di 42.000 dollari alla prima moto in grado di superare le 100 miglia orari , e la czysz ha letteralmente frantumato quel record… tuttavia va anche fatto notare attraverso una visione del filmato che il livello tecnico dei contendenti di ques’anno non sembra lo stesso dell’anno scorso ma questo non sminuisce affatto la straordinaria performace della CZYSZ che però piu che puntare al confronto diretto in pista, ambisce a realizzare la prima vera superbike eletrtrica acquistabile dal pubblico.

  • Share/Bookmark