Articoli marcati con tag ‘kingston university’

TT Zero 2011 – Ecco come è andato il Tourist Tropy ElettricoIsle of Man TT Zero Results 2011

venerdì, 10 giugno 2011


Anche quest’anno MotoCZYSZ ha fatto man bassa del TT -zero vincendo tutto quel che c’era da vincere in una solenne doppietta con Michael Rutter e mark Miller. tuttavia , per un soffio , il veterano Rutter non è riuscito ad agguantare il premio di 10.000 sterline dedicato al primo team che riuscirà ad aggiudicarsi la gara ad una media superiore alle 100 miglia. Infatti con un risultato di 99,604 si è ormai arrivati ad un pelo dall’obbiettivo mentre invece sembra ormai passato un secolo da quando Rob Barber si aggiudicò la storica edizione del 2009 (nonchè prova unica dell’allora campionato TTXGP) a 88 miglia di media.

Peccato solo per la scarsità di concorrenti presenti! non si è vista l’italiana VERCARMOTO che potenzialmente ci sembrava un ottimo outsider , è letteralmente mancato il confronto diretto con l’altra “americana” ovvero la lightnight motors afflitta da molti guai di gioventù che qui ha letteralmente fatto il viaggio a vuoto… tanto valeva schierare la vecchia moto forse un pò troppo frettolosamente è stata messa nel cassetto e che invece , dato il livello medio dei partenti , aveva buone speranze di ben figurare.

Gli illustri sconosciuti: di fatto a contendere il risultato al superteam di CZYSZ che per mettere al sicuro il risultato si è affidato ad un superdriver c’erano : la Kingston University a cavallo della propria Ion Horse ,con un vero progetto inedito che si è pazzata 3° alla media di 88 miglia , un abisso dalla moto di Rutter , e a seguire la MIT EVT guidata dal veterano Allan Brew , una kit bike realizzata su base BMW S1000RR con la classica coppia di motori Agni gestita da controller Kelly motors, accoppiata che si può tranquillamente  e la PROZZA , una kit bike realizzata in giappone.

da segnalare che la velocità massima raggiunta dalla piu veloce delle due CZYSZ è stata di 149,5 Miglia orarie pari a ben 240 Km/h … decisamente non male dal momento che il tracciato è lungo ben 66 km ed è ricco di salite e discese…

In realtà il mancato raggiungimento delle 100 miglia orarie di media è stato semplicemente dovuto alla necessità di garantire con un buon margine di sicurezza il completamento del tracciato visto che 66 km a pieno regime sono pur sempre una percorrenza piuttosto elevata per una moto elettrica.

questo il risultato finale:

2011 TT Zero Results:
1. Michael Rutter (MotoCzysz) 99.604 mph
2. Mark Miller (MotoCzysz) 98.288 mph
3. George Spence (Kingston) 88.435 mph
4. Allan Brew (MIT EVT) 79.163 mph
5. Yoshinari Matsushita (Prozza TT) 69.877 mph
DNF John Burrows (Lightning Motorcycles)
DNF Roy Richardson (Imperial)
DNF Russ Mountford (Brunel)
DNF Dan Kneen (ManTTx)

fonte: http://www.motorcycle-usa.com/498/10253/Motorcycle-Article/Isle-of-Man-TT-Zero-Results-2011.aspx

[nggallery id=122]

MotoCzysz extends its TT Zero winning streak to two, with Michael Rutter taking the electric exhibition race ahead of teammate Mark Miller. The TT veteran Rutter missed the prestige of marking the first-ever electric powered 100 mph lap, and the attendant £10,000 bounty awarded by the Isle of Man government, by a scant 0.396 mph. A Kingston University entry piloted by George Spence completed the TT Zero podium, with only five of the nine entries completing laps.

A multiple TT podium finisher and North West 200 winner, Rutter quickly overtook his American teammate during the one-lap TT Zero race. Reports state The Blade got his Segway MotoCzysz E1PC up to a 149.5 mph top speed en route to victory.

Said Rutter in an official IOM Press Office press release: “99.6mph – that’s the story of my life. I tried to conserve battery life and stay smooth. It’s a totally different way of riding but I really enjoyed it. We only saw the bike on Wednesday, so I think if we had more time there would be more to come set-up wise.”

Rutter’s near 100 mph lap marks a modest improvement over the 96.820 mph best set by the race winning Miller in 2010. The inaugural electric TT race held at the isle, the 2009 TTXGP, saw Ron Barber pilot a Team AGNI bike to victory via a 87.434 mph lap.

The Blade gets up to speed on the MotoCzysz E1PC. Rutter would reach a near 150 mph top speed and just miss setting the first-ever electric-powered 100 mph lap at the Isle.

The Blade gets up to speed on the MotoCzysz E1PC. Rutter would reach almost 150 mph top speed and just missed setting the first-ever electric-powered 100 mph lap at the Isle.

Spence’s third place results nets Kingston University the £5000 University Prize, awarded to the fastest University entrant. The British research university bested the American effort from MIT (Read more on the MIT EV project in Backmarker: Old Meets New at the 2011 Isle of Man TT).

2011 TT Zero Results:

1. Michael Rutter (MotoCzysz) 99.604 mph

2. Mark Miller (MotoCzysz) 98.288 mph

3. George Spence (Kingston) 88.435 mph

4. Allan Brew (MIT EVT) 79.163 mph

5. Yoshinari Matsushita (Prozza TT) 69.877 mph

DNF John Burrows (Lightning Motorcycles)

DNF Roy Richardson (Imperial)

DNF Russ Mountford (Brunel)

DNF Dan Kneen (ManTTx)

source: http://www.motorcycle-usa.com/498/10253/Motorcycle-Article/Isle-of-Man-TT-Zero-Results-2011.aspx

[nggallery id=122]

  • Share/Bookmark

TTXGP UK and EURO in Brands Hatch-Brannetti e Tinmouth campioni!TTXGP UK and EURO in Brands Hatch- Brannetti and Tinmouth the winners!

lunedì, 4 ottobre 2010


Ricordate la celebre frase lanciata da Madonna “italians do it better”? beh lei si riferiva al sesso , ma meriterebbe di essere rilanciata anche in merito alle motociclette peche anche quest’anno non ci stiamo facendo mancare nulla… dopo il titolo della superbike vinto da Biaggi su una moto italiana l’Aprilia e l’ epower FIM con Thomas Betti e la Betti Moto , arriva un altro titolo decisamente inaspettato dato l’italia fino all’ultimo sembrava completamente fuori da tutti i giochi del TTXGP…ed invece grazie a CRP è presente ai massimi livelli. …ma andiamo alla gara:

Anche Gara 2 parte decisamente umidiccia e allo scattare del verde Himmelman su Munch scatta in testa seguito a ruota da Brannetti su CRP e fastre su Campus… il trio ha praticamente fatto gara a sè mentre dietro piu distanziati proseguivano la Tinmouth su Agni , Ho ,  pilota cinese alla guida della Team Z vera sorpresa asoluta di questo wekend e via via tutti gli altri.

Negli ultimi giri Brannetti e Fastre vanno via ad un ritmo indiavolato raggiungendo Himmelman e giocandosela a loro volta in un duello all’ultimo sangue che vede l’italiano trionfare sul pilota della Campus… la TinMouth è quarta abbastanza distanziata, ben 24 secondi mentre a 40 secondi circa abbiamo Ho che in questo weekend si è dovuto sciroppare un corso accelerato di guida sul bagnato su un circuito mai visto prima e che riesce a tenere dietro di sè il ben piu esperto pilota della Kingston University’s Adam Palfreman.

Settimo posto per il pilota delle forze armate britanniche Ward su Mavizen che è stato superato da Adam nella prima metà della gara , ma che agguanta sedici preziosi punticini che nel compendio finale del campionato inglese si dimostrano preziosissimi…

Festa grande quindi per Brannetti , fresco vincitore del titolo TTXGP EU con 3 vittorie su 4 gare e Jenny TinMouth che con pur non brillantissima in questa ultima gara , ha sempre dominato nel campionato inglese. da rimarcar la scelta dei team Agni di puntare sulle donne sia nel campionato inglese che in quello USA. scelta di marketing o semplicemente hanno scovato due talenti che non trovavano spazio nelle competizioni tradizionali? ai posteri l’arrdua sentenza… quello che è certo e che in queste competizioni si respira la stessa passione che esaltava gli antichi pionieri del motore a benzina un secolo fa…Starting in the same order as this morning, the teams took to the grid on full wet set up, as despite the rain easing, the track was still wet with areas of standing water. Jenny led the field around on the warm up lap and the bikes settled into their grid positions for the final regional rounds this year. The marshal raised the flag, pointed to the lights and the riders set themselves for their last attempt at the titles.

Matthias from Munch Racing got away well from the start and led the way for the first part of the race, ahead of fellow TTXGP EURO Championship teams, CRP Racing and Campus Francorchamps. The trio led the field, constantly swapping positions and fighting for track position, which gave Jenny Tinmouth her best shot of staying with them to battle for a top three position. Despite seeming to be able to gain on the trio under braking and carrying higher corner speed, the European’s straight-line advantage over the Team Agni machine let them break away and leave Jenny to settle down to a comfortable pace and race for the UK Championship.

After putting on a magnificent display of clean and competitive motorcycle racing, the top trio finally crossed the line with the Italians ahead again, giving them 3 wins out of 4 this season and crowning them the TTXGP EURO Champions. Gregory Fastre (Campus Francorchamps) came in just behind Brannetti who had managed to drop Himmelmann in the last couple of laps.

Chi-Fung Ho of Team Z ran another very strong race finishing just ahead of Kingston University’s Adam Palfreman. Team Z are very pleased with their debut result since they are still adapting to electric motorcycle racing and Chi-Fung Ho was still learning the track in difficult conditions. Adam’s sixth place overall gives Kingston’s first podium finish in the TTXGP UK Championship after developing the bike since Pembrey and managing to obtain improved performance from the machine.

Pete Ward (Electric Hussar) was passed by Adam in the first half of the race and couldn’t stay with him, so focused on snatching the final spot on the podium and gaining 16 valuable championship points.

Jenny Tinmouth’s dominant season was aptly rounded off by not only taking the UK race win, crowning her the first ever TTXGP UK Champion, but also took the Green Insurance Fastest Lap Award with a lap time of 1:00.280. This gives her two Fastest Lap Awards, earning her and the team paid entry fees for 2011 by the Green Insurance Company.

As a taster of how the regional championships will fare against each other, an even bigger, more competitive grid at the World Final in Albacete, Spain on 23-24 October is surely a spectacle not to be missed.

  • Share/Bookmark

TTXGP arriva a Brands Hatch per la sua penultima tappa di uno storico 2010 TTXGP COMES TO BRANDS HATCH FOR ITS PENULTIMATE DATE IN A HISTORIC 2010.

giovedì, 30 settembre 2010

- TTXGP UK and TTXGP EURO Finali di campionato a Brands Hatch
- Qualifiche al Sabato , Gara la domenica per il piu grande evento mai organizzato nell’ambito delle moto elettriche.
- La piu grande griglia di partenza mai vista tra veicoli elettrici.
-9 Nazionalità – 15 moto.
- I Qualificati saranno ammessi alla finale mondiale TTXGP /UEM ad Albacete
- World Final in Albacete il24 ottobre 2010

TTXGP arriva a Brands Hatch per concludere un campionato emeozionate e ricco di colpi di scena,

Il Campionato 2010 è stato dominato dal team vincitore della gara TTXGP 2009 disputatasi all’isola di Man ovvero il Team Agni( che nell’occasione vinse con Rob Barber) in quale ha dominato nel campionato inglese  ed in quell americano con entrambe le moto.

Il team Hussars , ovvero il team dell’esercito britannico schierante un Mavizen guidata da Pete Ward ha finora ottenuto brillanti prestazioni nonostantela mancanza di esperienza.

Tra i “pionieri” del 2009 confermatisi nel 2010 abbiamo anche il team indiano TORK che ha portato alla vittoria una delle proprie moto e si è difeso nel migliore dei modi fino ad oggi.
Anche la Kingston University , a sua volta tra i pionieri , è della partita ee sta lottando per arrivare al suo primo podio.
Brands Hatch vedrà anche il ritorno dalla svezia del MORRIS MOTORCYCLES che metterà la propria moto a disposizione di Annie Seel allo scopo di arrivare alla disfida di Albacete.
questo il punteggio del campionato TTXGPUK:

1. Agni #77 66
2. Agni #69 56
3 Electric Hussars 49
4 Tork 48
5 Kingston University 32
6 Morris Motorcycles 28
7 ManTTX Racing 24
8 LiFeBatt / LiFeTech 16
9 MRB Racing 9
Brands Hatch parallelamente ospiterà anche i due round finali del campionato TTXGP Euro Championship che ha preso il via sullo storico percorso di assen il 23/24 settembre.
Tra i favoriti per la vittoria sicuramente Brannetti e la CRP Racing che sin dalla gara scorsa hanno mostrato un ottimo potenziale , tuttavia anche la Campus Francorchamp su base Yamaha R6 ma decisamente curata come realizzazione , sembra essere in condizioni di fare molto bene una volta risolti i piccoli difetti di gioventù evidenziati ad Assen …

SMP RACING dalla russia continuerà la propria stagione, e sono attesi nuovi team dalla Cina e dalla Germania. ecco la lista degli iscritti:

40 CRP Racing
49 Munch Racing
36 Munch Racing
45 SMP Racing
47 Campus Francorchamps
59 Team Z
72 Team Hikari

Dovrebbe quindi questa volta essere presente il team Munch , mentre siamo veramente curiosi di vedere chi siano tra il Team Z ed il team Hikari i team che dovrebbero appunto rappresentare la Cina… Hikari è una parola giapponese.

- TTXGP UK and TTXGP EURO Championship Finals in Brands Hatch

- Qualifying on Saturday, Racing on Sunday. The most races ever held for any electric motorsport series

- LARGEST ever grid of electric bikes

-9 Nationalities – 15 bikes

- Qualifiers move forward to TTXGP World Series Final/UEM

- World Final in Albacete on October 24th 2010

- TTXGP is world’s first and leading electric motorsport series

TTXGP comes to Brands Hatch to conclude a thrilling year of UK races before proceeding to the TTXGP World

Championship Final in Albacete, Spain.

The 2010 TTXGP UK Championship has been dominated by the 2009 Isle of Man TTXGP Champions, Team Agni,

with both bikes holding the first and second positions in the standings. The British Army team, the Electric Hussars,

ridden by Pete Ward is a very close at third in what has been an incredible debut year for the team.

The underdog heroes of 2009, Team Tork from India are contesting for a top three finish, only behind in fourth

place by three points. Kingston University have a lot to prove and return determined to claim their first podium.

Brands will also see the return of the intrepid heroes from Sweden, Morris Motorcycles with Annie Seel piloting the

bike to Albacete.

ManTTX will be out to prove that they have what it takes for a race win following their last lap failure at Pembrey

when James McBride ran out of power having dominated the entire race until then.

The points table leading into the round is:

1. Agni #77 66

2. Agni #69 56

3 Electric Hussars 49

4 Tork 48

5 Kingston University 32

6 Morris Motorcycles 28

7 ManTTX Racing 24

8 LiFeBatt / LiFeTech 16

9 MRB Racing 9

Brands Hatch will also host the final two rounds of the TTXGP Euro Championship that started at the glorious TT

Assen Circuit on Sept 23/24.

Building on their blistering start, CRP are sure to be one of the favourites as they take their purpose‐built bike

forward and continue the journey to the next generation of motorsport with TTXGP.

Campus Automobile from Spa Francorchamps who won the first race in a wheel‐to‐wheel race with CRP will be out

to prove their credentials as a technical tour de force with their R6‐based platform.

SMP Racing from Russia continue their season and are joined by new teams from Germany and China

40 CRP Racing
49 Munch Racing
36 Munch Racing
45 SMP Racing
47 Campus Francorchamps
59 Team Z
72 Team Hikari

  • Share/Bookmark

Campionato inglese TTXGP moto elettriche a Pembrey – Jenny Tinmouth sbaraglia tutto

lunedì, 23 agosto 2010

Ancora una volta l’asso (al femminile) dell’isola di Man jenny Tinmouth ha dominato la gara.
In una giornata soleggiata , cosa non scontata in inghilterra anche in questa stagione, dopo un warm up filato liscio come l’olio , aleggiava nell’aria un’atmosfera che sembrava prefigurare la classica quite dopo la tempesta.
Alla luce verde del via scattano avanti le due Mavizen del team Hussar Electric di Pete Ward e del team Morris di Annie Seel , ma quest ultima viene presto raggiunta dalla Agni della Tinmouth e da una ManTTX di James McBride.
James si dimostra particolarmente in forma tanto che agguanta il giro piu veloce e la testa della gara e mentre la Tinmouth “spinge” Pete Ward nella lotta per la vittoria ma arrivano le bandiere gialle per un incidente a carico della MRB Racing di Russ Licence , ma Henny e Pete continuano nella battaglia e si cambiano di posto almeno un paio di volte finoa quando jenny non ha la meglio e prende il largo abbastanza per lanciarsi all’inseguimento di James.

dall Retrovie anche Rob Moon con la seconda Agni prende il largo raggiungendo Pete fino a passarlo… ma la coa non sembra così semplice e Pete tiene duro.
Quando la Tinmouth sembra aver raggiunto james ecco che lo stesso inizia a muoversi piuttosto lentamente probabilmente per un problema di batterie… sicuramente molto sfortunato anche in questa occasione.

alla fine il risultato finale è il seguente:

1)Jenny TinMouth – Agni-Suzuki a 17′ 29” 94
2)Pete Ward – Mavizen TTX02
3)Rob Moon – Agni Suzuki
4)Hames Bc Bride – ManTTX
5)Adam Palfreman – Kingston University
6)Darryl Harrison – Yamaha Tork India
7)Annie Seel – Mavizen TTX02
8)Harry Hardi – Cagiva Kingston University

fonte:ttxgp.com

  • Share/Bookmark

Prima sessione di prove libere TTX-GP… la anglo-indiana AGNI spadroneggia su europei e americani!

mercoledì, 10 giugno 2009
la moto del Team Agni guidata da Rob Barber

la moto del Team Agni guidata da Rob Barber fonte : james mitchell coralmedia

Sono iniziate nella giornata di stamane le prime prove libere e di qualificazione al TTXGP , il primo gran premio internazionale per motociclette ZERO EMISSIONS e davvero se ne son viste di tutti i colori… molti team devono infatti aver sottovalutato che cosa significa compiere 60 km a manetta in presenza di salite , dossi , curve contropendenza ecc… occorre anche dire che diversi team hanno dato forfait ancora prima di cominciare. non si è visto al via infatti il nostro Corradi con il fantomatico team Rondine di cui non son riuscito a sapere assolutamente nulla… anche la tanto sbandierata presenza di una delle donne più veloci del mondo Maria Costello , interpellata su facebook ci ha detto già da settimana scorsa che non sarebbe stata al TT sulla moto dell’università di Kingston.

Tornando a noi…delle 14 moto partenti solo 10 sono riuscite a completare il traguardo…non ha completato il giro la Czysz venuta pronta troppo tardi… le medie tenute dai piloti sono state più che rispettabili anche se ad oggi siamo a 2/3 dalla stimata equivalenza con le supersport che tengono una media di 196 orari.

Prima a tagliare il traguardo l’angloindiana Team Agni  iscitta in classe PRO Class con il pilota Rob Barbar. il  team ha completato il giro in 26 minuti e 41 secondi, con una velocità massima di 163 km/h ed una velocità media di 134 km/h.  Secondo e terzo miglior tempo sono stati appannaggio delle moto del team ManTTx Racing team (che come potrete intuire proviene dall’isola di Man stessa)  guidata da Dan Kneen Man e  della americana Barefoot Motors Racing (su base Ducati)guidata da  Chris Petty.

questa la classifica della pro:

PRO Class
Team Agni (Rob Barber): 26:41
Mission Motors (Thomas Montano): 33:45
XXL (Thomas Shoenfelder): 34:07
Brammo/Bike (Roy Richardson): 35:47
Brammo/Bike (Mark Buckley): 35:52
HTBLAUVA – TGM (Paul Dobbs): 41:53

OPEN Class
ManTTx Racing (Dan Kneen): 32:01
Barefoot Motors Racing (Chris Petty): 33:35
Electric Motorsport (Chris Heath): 36:26
Kingston University (George Spence): 40:44

come potrete vendere la resa della AGNI si è dimostrata notevole. distacchi molto ampi tra la AGNI , la MANX e la Barefoot mentre tutti gli altri sono molto più allineati. come potete vedere anche qui si è visto qualcosa di simile a quanto accaduto a las vegas tra ZeroX e Quantya… mentre buona parte dei media annunciava lo strapotere Mission si è visto che progetti relativamente semplici realizzati con tecnologie conosciute e telai già esistenti come appunto la XXL e la Barefoot hanno raccolto assai più di progetti faraonici ed ipertecnologici…

estremamaente soddisfattoil fondatore del TTXGP Azhar Hussain per il quale già è già un successo aver dimostrato che è possibile organizzare un gran premio d’alto livello e con mezzi competitivi in grado di raccogliere l’interesse del pubblico e di dare un sostanziale contributo allo sviluppo dei mezzi. oggi tutto questo è divenuto una realtà.

UK team, EVOdesign prenderanno il via nella seconda sessione di prove che partirà dalle 16:30.

INTERNATIONAL VISITORS CAN HEAR COMMENTS IN ENGLISH , FRANCAISE , GERMAN here

[nggallery id=4]

  • Share/Bookmark

VIDEO: il TTXGP direttamente dal posto di guida della Mission Motors di Montano…impressionante!

mercoledì, 10 giugno 2009

  • Share/Bookmark

TTX GP : Anche l’università di Kingston presenta la sua bomba per dare scacco al “Tourist Tropy elettrico”

sabato, 25 aprile 2009
il prototipo della kingston university

il prototipo della kingston university

Alcune settimane fa una cartella stampa ufficiale degli organizzatori del TTXGP zero-emissioni motocicletta  annunciarono il pieno elenco di concorrenti, con incluse  un paio di Università nel Regno Unito. Noi abbiamo parlato un po’ sulla macchina elettrica dell’IMPERIAL COLLEGE di Londra, ed ora abbiamo alcuni dettagli ed immagini che riguardano il mezzo schierato da Università di Kingston che è entrata in lizza a sua volta e sarà cavalcato da Maria Costello, la donna più veloce che abbia  mai corso il TT.

La moto nella base telaistica si presenta come una vecchia sportbike e non rispecchia completamente più di tanto i disegni in 3D che ne annunciavano la presentazione mesi fa, ma quello tutto sommato ci sta bene , andando al sodo troviamo  interessante la grande quantità di batterie lithium fosfato batteria celle ed una grande motore a corrente continua occultato sotto le carene come potete vedere dalla gallery grafica.

Secondo il TTXGP blog ufficiale, l’Università spera, che la sua moto dopo essere passata in passerella al TT passi dallo stato di prototipo a quello di un mezzo destinato alla circolazione su strada…
da autobloggreen.com traduzione a cura di Giuliano Campagnola

  • Share/Bookmark