Articoli marcati con tag ‘himmelman’

TTXGP Anglesey : Himmelmann e la Munch campioni del mondo!TTXGP FINAL; Himmelmann lifts the trophy for the second consecutive year!

sabato, 22 ottobre 2011

Quest’anno il suggestivo circuito inglese di Anglesey ha ospitato la finale mondiale TTXGP , dominata per il secondo anno consecutivo dal team tedesco Munch e dal suo ormai veterano pilota Matthias Himmelmann, a oltre 40 secondi di distacco si è classificato secondo il cinese Chi fung Ho con la sua Zongshen infine ad un ulteriore gap 40 secondi rispetto alla moto asiatica si è classificata terza la ARC EV di Richie Welsh.

Bellissimo il circuito di Anglesey situato sull‘omonima isola che si affaccia sull’oceano creando uno scenario unico, non altrettanto unica invece la griglia dei partecipanti con solo quattro moto al via.

Cronaca della Gara:

Dalla casella numero 1 parte in pole la Munch numero 49 di Himmelmann autore di uno strabiliante 1.39.311 tempo equiparabile alle prestazioni di una 600 cc , secondo a 3 secondi c’è Ho con la Zongshen , terzo Richie Welsh su ARC EV e quarto a completare lo schieramento David Hallet su Mavizen. Parte subito bene Himmelmann che preannuncia un dominio , dietro la Zongshen di Ho si vede tallonare dalla ARC EV di Welsh mentre il fanalino di coda spetta ad Hallet. Himmelmann gira 3-4 secondi al giro più veloce rispetto al suo primo rivale Ho su Zongshen che a sua volta distacca la ARC EV e la Mavizen. La superiorità della Munch è imbarazzante anche su un circuito lento e stretto che non esalta le prestazioni della moto tedesca ed Himmelmann taglia il traguardo con 40 secondi di vantaggio da Ho secondo e 84 sul terzo Richie Welsh e un giro da Hallet.

Conclusioni&Curiosità:

Questa è veramente una finale mondiale?

La Finale mondiale è stata spostata nel giro di pochi giorni dal circuito spagnolo di Albacete, come previsto da calendario stilato in collaborazione con FIM, al circuito di Anglesey senza l’appoggio della federazione internazionale e senza nessuna motivazione o giustificazione salvo alcune affermazioni riguardo la ricerca di un tracciato capace di equivalere le prestazioni delle moto equipaggiate da motori a spazzole a quelle con motori brusheless. I risultati di questa cattiva gestione sono scrutabili solo raffrontando i numeri ; con 4 moto partenti contro le 8 del 2010, imparagonabile anche lo spettacolo offerto dal duello Himmelmann Vs Brannetti avvenuto lo scorso anno con la fuga solitaria di Himmelmann di questa edizione infine per il secondo anno consecutivo si è mancato l’obbiettivo principale della finale mondiale, quello di concentrare le moto elettriche più competitive al mondo in un‘unica gara, visto che le moto made in USA ,attualmente le più competitive, non hanno partecipato alla competizione.

Il nuovo Motore Agni è pronto ma la dogana lo ferma!

Per la finale mondiale la casa motoristica angloindiana aveva pronta un’arma segreta con il debutto anticipato del nuovo motore, frutto di un anno di sviluppo ma causa di ritardi burocratici accorsi alla dogana i tecnici non hanno potuto provare il nuovo componente nelle libere e quindi si è scelto di non rischiare il debutto in gara e rimandare tutto al prossimo anno.

Classifica al Traguardo.

1) Matthias Himmelman – Munch team – 15:16.621
2) Ho Chi Fung -  Zongshen team + 40.162 s
3) Richie Welsh -  Arc EV  team   + 83.769
4) David Hallet – Mavizen TTX02  +1 lap

FONTE: http://motoelettriche.wordpress.com/
TTXGP World Champions 2011 are Muench Racing.

12 rounds, 3 continents, 1 champion. A rewarding end to a very challenging 2011. The TTXGP World Championship 2011 concluded in Anglesey on Oct 15/16 and proved to be a thrilling exhibition of technology and talent.

The Spectators were treated to an exciting first practise of the day, a mixed and open grid of petrol bikes of all shapes and sizes alongside the futuristic electric TTXGP machines.  Whilst the electrics were permitted to start the practise by the ACU,  it was from the back of the grid, but to the amazement of spectators; the Münch Machine piloted by Matthias Himmelmann gave chase the best out there whilst the light nimble bike of Ho Chi Fung from China’s Zongshen was certainly mid field of the 400cc bikes out on the track this weekend.

The paddock was charged with talk of the Electric Bikes with crowds coming through the TTXGP paddock area.  It was a fantastic reception for the teams by the local fans and that coupled with the fact that Anglesey strives toward sustainability and energy efficiency in motor sport making it the perfect partner for TTXGP.  The Circuit uses wind to provide energy to the paddock….

Sadly the day did not start well for all with Team Zongshen losing one of its two bikes due to a cell failure that could not be recovered.  However Ho Chi Fung did the team proud flying round the track on a fault free morning practice as well throughtout the race.  It was the best and most confident we have seen this rider all season.  The technical track suited the bike well and the fans were certainly impressed.  With an average race speed of 71.113 he was only 3 seconds slower on his brushed DC powered bike on average than the AC engine of the Muench TTE.  Ho Chi Fung commented “Im very happy. I worked hard with the engineers and mechanics from the start of the season. We gained confidence and gradually increased the speed of the bike…To be 2nd in the Euro championship was unexpected, and lucky (in out 1st year). Some of the other teams had problems . We have gained good experience this year, and will take that knowledge forward to next year and the future.”

No. 48 Matthias Himmelman for Muench Racing was by far the star of the show; over 4 seconds faster on every lap than his closest rival Himmelman looked strong from start to finish. Himmelmann was leading by a very impressive 21.4 seconds, into 7th lap and looked untouchable.  His fastest lap time of 1:39:311 was comparable to the 600cc bikes on the track that weekend and demonstrated a significant improvement year on year.  By the 9th and final lap he was simply flying, finishing 40.162 second ahead of his nearest rival, Ho Chi Fung of Zongshen.  The win represents the second consecutive year at the top of the pile of world electric race teams.

This was an amazing turnaround for the team after a major technical failure in the opening round of the Euro Championship. Racer Matthias Himmelman said “I worked hard over the winter riding bicycles and weight training, to get fitter for this seasonand it has paid off, I will continue to do this for the future. My favorite race of the season was SPA francorchamps, it is an amazing circuit. All the development that we do with these race bikes goes into our plan to make production bikes.’

The teams cheif engineer Thomas Schuright added “We had a hard start to our season losing the first bike, and also after Laguna Seca we made some modifications to our motor which made us a lot faster …We plan in the future to not only ride our electric powered race bikes, but to charge them at the track through renewable energy such as solar panels”

The bike has been getting better and better with every race and the team have some exciting plans for the future… with more than just hints of a production racer for sale or hire soon they are certainly one to follow very closely in the coming months.

Credit all photos by Neil Lambert

TTXGP FINAL results

pos no. Name make laps total time diff ave. speed best time best speed inlap
1 49 Matthias Himmelman
Muench Racing team
Muench TTE 9 15:16.621 - 74.229 1:39.311 76.124 9
2 59 Ho Chi Fung
Zongshen
Zongshen 9 15:56.783 +40.162 71.113 1:45.177 71.879 2
3 48 Richie Welsh
Arc EV
9 16:40.390 +1:23.769 68.013 1.48.787 69.494 2
4 53 Davd Hallet
David Hallet Racing
Mavizen TTX02 8 1:

PRESS RELEASE TTXGP

  • Share/Bookmark

TTXGP Karlskoga:con eCRP assente Himmelman su Munch vince tutto

giovedì, 22 settembre 2011

Weekend decisamente gioiso per il plotone tedesco della Munch in una gara però funestata da un parco partenti un pò ridotto. C’erano infatti le due Munch , Le Zhongshen e due presenze nordeuropee: la Karlshoga che di fatto è una Mavizen privata e la Berix , una bella creazione poco performante , pertanto il livello di competitività di queste ultime costituisce un problema per nessuno , almeno per ora.

La gara: la gara vera e propria l’hanno fatta Himmelman su Munch e Ho su Zhongshen che fin dai primi tre giri hanno subito preso il largo dal resto dello schieramento… Ho ha fatto di tutto per cercare di avvicinare la moto tedesca , ma probabilmente Himmelman stava tenendo da parte un pò del proprio vantaggio reale , in quanto dal terzo giro in poi ha iniziato ad allungare anche su Ho , così da condurre il resto della gara praticamente in solitario.

A fine gara in merito alla assenza di CRP Himmelman a dichiarato:

“Mi sono sentito solo in gara, e ‘una disfatta che CRP non poteva essere qui,  mi piacerebbe correre contro di loro, ma capisco che hanno problemi motori!”
La risposta di CRP non si è fatta attendere:

Salve a tutti, giusto una precisazione ad onor del vero: CRP Racing non ha avuto alcun problema ai motori, semplicemente non ha proprio partecipato alla gara, ed era a più di 2000km dalla svezia. Avevamo anche in precedenza dichiarato che non avremmo partecipato alla Svezia, per diversi motivi, tra cui la totale inutilità dell’ennesima gara a migliaia di km di distanza dal nostro quartier generale, senza alcun feedback marketing e commerciale… E molti altri motivi…
Un campionato cosí organizzato non ha purtroppo alcun appeal per gli sponsor, quindi abbiamo preferito concentrarci su altri obiettivi, e sullo sviluppo della stradale che presenteremo ad EICMA il prossimo 8-13 Novembre.
Partecipiamo a Le Mans perchè crediamo al contrario che sia un evento mediatico importante, significativo e quindi imperdibile allo scopo di promuovere la conoscenza dei veicoli elettrici.
Vi aspettiamo a Milano, EICMA 8-13 Novembre 2011!
Quindi da una parte vi è una presa di distanze nei confronti degli attuali assetti organizzativi della TTXGP (ricordiamo che CRP partecipa anche al campionato e-power, come la Munch dal resto) e dall’altra si rimarca la reale necessità di concentrarsi sul prodotto commerciale che verrà presentato all’EICMA.

questo il risultato finale:

POS Nm. Pilota Team Totale Tempo Giri Rit. Miglior giro
1 49 Matthias Himmelman Muench 16:08.143 13 1:12.844
2 59 Ho Chi Fung Zongshen 16:32.177 13 24.034 1:14.142
3 26 Tang Yu Zongshen 16:26.935 12 1 lap 1:20.360
4 53 Mikael Nilsson Karlskoga 16:43.867 12 1 lap 1:21.345
5 93 Peter Linden Berix 17:03.414 12 1 lap 1:21.472

  • Share/Bookmark

Risultati qualificazioni TTXGP ad Assen: Brannetti è in Pole

domenica, 7 agosto 2011


7th August 2011

TTXGP

Results from the Assen sessions before the race.

Free Practice
Team name Rider Machine Track Position No. Laps completed Total Time Behind Best Lap On Lap
CRP Racing Alessandro Brannetti CRP 1.4 1 7 2:02.136 3
Zongshen Hoi Chi Fung 2 7 05.504 2:07.640 3
CRP Racing Alex Battistini CRP 1.4 3 7 5.996 2:08.132 6
Gama Racing Team Jasper Iwema TTX02 4 7 10.934 2:13.070 7
team Agni Mikael Nilsson 5 10 12.954 2:15.090 9
Zongshen Tang Yu 6 7 14.406 2:16.542 3
Muench Racing Matthias Himmelman 7 6 2:09.743 6
Free Practice 2
Team name Rider Machine Track Position No. Laps completed Total Time Behind Best Lap On Lap
Muench Racing Matthias Himmelman 1 6 1:57.290 5
CRP Racing Alessandro Brannetti CRP 1.4 2 4 04.209 2:01.499 3
Zongshen HoChi Fung 3 6 08.538 2:05.828 3
CRP Racing Alex Battistini CRP 1.4 4 4 11.224 2:08.514 2
Gama Racing Jasper Iwema TTX02 5 4 11.801 2:09.091 2
Team Agni Makael Nilsson 7 3 15.560 2:12.850 2
Zongshen Tang Yu 8 1 4:04.804 1
Qualifier 1
Team name Rider Machine Track Position No. Laps completed Total Time Gap Best Lap On Lap
CRP Racing Allessandro Brannetti CRP 1.4 1 1:58.346 2
Muench Racing Matthias Himmelman 2 00.955 1:59.301 3
Gamma Racing Team Jasper Iwema 3 04.265 2:02.611 3
Zongshen Ho Chi Fung 4 06.834 2:05.180 2
CRP Racing Alex Battistini CRP 1.4 5 07.653 2:05.999 2
Team Agni Mikael Nilsson 6 11.577 2:09.923 3
Zongshen Tang Yu 7 15.450 2:13.796 1

  • Share/Bookmark

Steve Rapp su Mission vince l’ “altra Laguna Seca” (quella elettrica) girando sui tempi della Supersport!

giovedì, 28 luglio 2011

Alla faccia di chi dice (o diceva) che servirà tempo per vedere moto elettriche veramente competitive , l’evoluzione sta facendo davvero passi da gigante smentendo tutti i pronostici, persino quelli piu ottimistici…. ma veniamo alla gara.

In concomitanza con la MotoGP si è disputata la seconda edizione della gara e-power destinata alle moto elettriche da competizione. Anche l’anno scorso fu un successo sia per la spettacolarità dell’evento che per il livello tecnico della partecipazione decisamente molto alto oltre che per una griglia di partenza finalmente abbastanza nutrita.

Nelle prove si era vista sin da subito la supremazia di Mission Motors , Lightnight Motors e Motoczysz mentre un pò in ombra il plotone europeo dove CRP che dispone sicuramente della miglior moto con motore a spazzole in assoluto, comincia ad accusare il gap di potenza e di efficienza di un motore che probabilmente non resterà a lungo il cosworth della TTXGP , dato che Hussein ha già siglato un accordo per sostituire la MAVIZEN con la BRAMMO EMPULSE a 6 marce , mettendo quindi a disposizione dei privati una moto dal livello tecnico decisamente piu alto. Della band europea , anche Himmelman della Munch è apparso in difficoltà per l’intero weekend , ma qui sicuramente pesa l’agilità non eccelsa della moto che sul guidato non è mai stata eccelsa.

In gara: Alla partenza Rapp su Mission viene infilato da Barnes su Lightnight e Czysz su MotoCzysz (avete letto bene… il costrutore è anche il pilota) , ma è una gioia di breve durata perchè dopo poco tempo Rapp riprende la testa della gara per poi non mollarla più fino alla fine , imponendo un ritmo infernale che gli sarebbe valso un 4°posto in griglia nella Supersport AMA.

Nelle posizioni successive Himmelman tenta la fuga sulla Brammo di Atlas l’attuale leader TTXGP e sulla eCRP di Brannetti. a seguire la lotta tra Sheila Moreida con la seconda eCRP e Wolff con la Electra che continua a correre senza carenatura.

Il ritmo di gara imposto da Rapp ha imposto distacchi di 4-7 secondi al resto del plotone il che la dice lunga sul livello tecnico della Mission che all’esordio del TTXGP USA ancora non era pronta , ma che oggi fa decisamente faville…  per il secondo posto invece CZYSZ guadagna secondo su secondo nei confronti di BARNES  fino ad arrivare a passarlo , Brannetti riesce a strappare ottimi tempi rimontando decisamente all’interno del proprio plotoncino fino ad arrivare ad insidiare il 4° posto di Atlas su Brammo  e comunque sufficiente a tenere dietro Himmelmann.

Alla fine Rapp vince con un divario imbarazzante… 40 secondi su 9 giri! Czysz ha la meglio su Barnes ormai a corto di energia , quindi Atlas chiude 4° , Brannetti 5° , Himmelman 6° , 7° Wolff su electra che quindi ha la meglio su una 8°  Moreida.

va detto che sul piano del regolamento tecnico le motociclette dell’ e-power non differiscono in nulla rispetto a quelle del piu conosciuto TTXGP. semplicemente due organizzatori disputano da circa due anni due campionati paralleli: L’e-power è quello organizzato dalla FIM che si disputa quasi tutto su gare concomitanti, a cui partecipano mediamente 4 moto a gara con la sola eccezione di Laguna seca, l’altro invece gestito da Hazar Hussein ed un pool di privati, è un campionato ricco di partecipanti ma povero di risorse che si disputa a gironi separati in 4 continenti con una finale spesso disertata dai piu lontani per carenza di fondi.  tuttavia già da quest’anno sono state attuate sinergie tra cui la disputa di alcune gare valide per entrambi i campionati ed una finale unificata.

  • Share/Bookmark

TTXGP Brands Hatch / Onboard Camera BEMSEE sessione prove con battagliaTTXGP Brands Hatch / BEMSEE Onboard electric motorcycles Practice Session

martedì, 5 ottobre 2010

Onboard camera a Brands Hatch dal cockpit della Bemsee che mostra la battaglia tra Brannetti , Himmelman e Fastre per la ricerca del miglior tempo

A 3 way battle between Alessandro Brannetti, Gregory Fastre and Matthias Himmelmann caught by two onboard cameras, during the morning practice session of TTXGP European championship Rounds 3 & 4, at Brands Hatch.

  • Share/Bookmark

TTXGP UK and EURO in Brands Hatch-Brannetti e Tinmouth campioni!TTXGP UK and EURO in Brands Hatch- Brannetti and Tinmouth the winners!

lunedì, 4 ottobre 2010


Ricordate la celebre frase lanciata da Madonna “italians do it better”? beh lei si riferiva al sesso , ma meriterebbe di essere rilanciata anche in merito alle motociclette peche anche quest’anno non ci stiamo facendo mancare nulla… dopo il titolo della superbike vinto da Biaggi su una moto italiana l’Aprilia e l’ epower FIM con Thomas Betti e la Betti Moto , arriva un altro titolo decisamente inaspettato dato l’italia fino all’ultimo sembrava completamente fuori da tutti i giochi del TTXGP…ed invece grazie a CRP è presente ai massimi livelli. …ma andiamo alla gara:

Anche Gara 2 parte decisamente umidiccia e allo scattare del verde Himmelman su Munch scatta in testa seguito a ruota da Brannetti su CRP e fastre su Campus… il trio ha praticamente fatto gara a sè mentre dietro piu distanziati proseguivano la Tinmouth su Agni , Ho ,  pilota cinese alla guida della Team Z vera sorpresa asoluta di questo wekend e via via tutti gli altri.

Negli ultimi giri Brannetti e Fastre vanno via ad un ritmo indiavolato raggiungendo Himmelman e giocandosela a loro volta in un duello all’ultimo sangue che vede l’italiano trionfare sul pilota della Campus… la TinMouth è quarta abbastanza distanziata, ben 24 secondi mentre a 40 secondi circa abbiamo Ho che in questo weekend si è dovuto sciroppare un corso accelerato di guida sul bagnato su un circuito mai visto prima e che riesce a tenere dietro di sè il ben piu esperto pilota della Kingston University’s Adam Palfreman.

Settimo posto per il pilota delle forze armate britanniche Ward su Mavizen che è stato superato da Adam nella prima metà della gara , ma che agguanta sedici preziosi punticini che nel compendio finale del campionato inglese si dimostrano preziosissimi…

Festa grande quindi per Brannetti , fresco vincitore del titolo TTXGP EU con 3 vittorie su 4 gare e Jenny TinMouth che con pur non brillantissima in questa ultima gara , ha sempre dominato nel campionato inglese. da rimarcar la scelta dei team Agni di puntare sulle donne sia nel campionato inglese che in quello USA. scelta di marketing o semplicemente hanno scovato due talenti che non trovavano spazio nelle competizioni tradizionali? ai posteri l’arrdua sentenza… quello che è certo e che in queste competizioni si respira la stessa passione che esaltava gli antichi pionieri del motore a benzina un secolo fa…Starting in the same order as this morning, the teams took to the grid on full wet set up, as despite the rain easing, the track was still wet with areas of standing water. Jenny led the field around on the warm up lap and the bikes settled into their grid positions for the final regional rounds this year. The marshal raised the flag, pointed to the lights and the riders set themselves for their last attempt at the titles.

Matthias from Munch Racing got away well from the start and led the way for the first part of the race, ahead of fellow TTXGP EURO Championship teams, CRP Racing and Campus Francorchamps. The trio led the field, constantly swapping positions and fighting for track position, which gave Jenny Tinmouth her best shot of staying with them to battle for a top three position. Despite seeming to be able to gain on the trio under braking and carrying higher corner speed, the European’s straight-line advantage over the Team Agni machine let them break away and leave Jenny to settle down to a comfortable pace and race for the UK Championship.

After putting on a magnificent display of clean and competitive motorcycle racing, the top trio finally crossed the line with the Italians ahead again, giving them 3 wins out of 4 this season and crowning them the TTXGP EURO Champions. Gregory Fastre (Campus Francorchamps) came in just behind Brannetti who had managed to drop Himmelmann in the last couple of laps.

Chi-Fung Ho of Team Z ran another very strong race finishing just ahead of Kingston University’s Adam Palfreman. Team Z are very pleased with their debut result since they are still adapting to electric motorcycle racing and Chi-Fung Ho was still learning the track in difficult conditions. Adam’s sixth place overall gives Kingston’s first podium finish in the TTXGP UK Championship after developing the bike since Pembrey and managing to obtain improved performance from the machine.

Pete Ward (Electric Hussar) was passed by Adam in the first half of the race and couldn’t stay with him, so focused on snatching the final spot on the podium and gaining 16 valuable championship points.

Jenny Tinmouth’s dominant season was aptly rounded off by not only taking the UK race win, crowning her the first ever TTXGP UK Champion, but also took the Green Insurance Fastest Lap Award with a lap time of 1:00.280. This gives her two Fastest Lap Awards, earning her and the team paid entry fees for 2011 by the Green Insurance Company.

As a taster of how the regional championships will fare against each other, an even bigger, more competitive grid at the World Final in Albacete, Spain on 23-24 October is surely a spectacle not to be missed.

  • Share/Bookmark

TTXGP UK-EURO 2010 a Brandsh Hatch Gara 1: Brannetti vince ancora!TTXGP 2010 Brandsh Hatch: Brannetti win the first race!

domenica, 3 ottobre 2010

Non sono di quelli che vive per poter dire al prossimo “io lo avevo detto” anche se fa sempre piacere trovare conferme positive ad una propria intuizione.. Ebbene vuoi per il livello della parte telaistica e delle sospensioni , vuoi per il fatto l’ essere stata fatta da gente che di corse vere ha una certa esperienza (vedi GP125 e Moto 2 ma anche componentistica per la Formula 1 e altro ancora…)  quale appunto l’ambizioso team modenese  CRP , sta di fatto che la eCRP1.2 e Brannetti sembrano avere davvero le carte in regola per “ammazzare il campionato”…

In realtà a Brands Hatch Alessandro brannetti non ha avuto vita tanto facile… fin dalle due sessioni di prove si è visto il potenziale notevole espresso dalla nuova Munch guidata da Himmelman che spesso e volentieri girava su ritmi molto vicini se non superiori all’italica cavalcatura ed era ffondamentale tenerla d’occhio dato che si trattava di una delle poche moto non dotata di motorizzazione Agni… molto insidiosa anche la presenza della kit bike  Campus sempre molto competitiva e ricordiamoci, vincitrice al debutto ad Assen seppuir in altre mani.

Questa la gara…al via sotto un diluvio universale Gregory Fastre su Campus prende la testa della gara seguito a ruota da Brannetti su CRP e Himmelman su Munch  quando sfortunatamente al secondo giro James McBride (ManTTX Racing) , uno dei leader del campionato inglese , cade rovinosamente alla Paddock Hill Bend pertanto la gara viene fermata e il pilota  viene subito trasportato in ambulanza per ogni precauzione anche se apparentemente sembra non ci nulla di serio a carico del pilota stesso mentre invece la moto è sicuramente irreparabile per gara 2. davvero sfortunata la stagione agonistica di questo team.

La gara riparte ed a condurre è sempre il trio Fastre , Brannetti e Himmelman , ma dopo un pò l’italiano ed il tedesco hanno la meglio sulla moto dell’ateneo belga di Spa francorchamp e quindi Brannetti si lancia alla testa della gara che non mollerà piu fino alla fine.

Al quarto posto la leader del campionato UK Jenny TinMouth su Agni ingaggia una battaglia furibonda con il cinese Chi-Fung Ho del debuttante Team Z che sorprende tutti per il livello di competitività messo in campo in questo weekend. Quanto a Jenny che chiude quarta con Chi-Fung quinto,  è presumibile che nella sua posizione di leader sotto al diluvio abbia condotto una gara “conservativa”… vero anche che Jenny ormai vincitrice del proprio campionato aveva ben poco da perdere in questa gara condivisa con i team del campionato EU e gli bastava un buon piazzamento di fronte agli altri team del campionato UK, tuttavia in vista di Albacete ci viene da dire che i team del campionato EU han dimostrato di essere pochi ma buoni…certo ci spiace che il team Betti non sia della partita perche avrebbe potutto sicuramente dire la sua. speriamo che in un futuro non lontano si arrivi ad un campionato unico dove tutti abbiano l’occasione di poter mostrare il proprio valore senza dover essere costretti politicamente ed economicamente se scegliere se dover stare da una parte o dall’altra.

Proseguendo nella classifica sesto posto per Peter Ward con la Mavizen del team dell’esercito britannico , partita però ad onor del vero dalla corsia dei box e quindi fortemente penalizzata a causa di un disturbo eletttrico probabilmente causato dalla eccessiva umidità.

In serata attendiamo news in merito alla gara 2

The heavy rain held off this morning, but the track and weather was still changeable. Teams took to the grid on a mixture of set ups and tyre choices with the right option being really unknown. The lights turned red as everyone watched with anticipation and after a few seconds of waiting and horn beeping from Jenny Tinmouth, the lights went out and the race was underway.

The Belgian team, Campus Francorchamps led from pole closely followed by CRP Racing who were joined by Matthias Himmelmann of Munch Racing making up a leading trio.

Unfortunately in the second lap of the race James McBride (ManTTX Racing) one of the leading UK teams had a crash at Paddock Hill Bend. James was taken straight to the Medical Centre and the race was stopped. James took a knock to the head but is well and just being monitored by the medical staff for precaution. The bike is irreparable for the second race. This unfortunately concludes an extremely difficult and unlucky TTXGP UK Championship for the team from the Isle of Man.

The race was restarted and the lead trio got away again in the same order. After close battling throughout the race, Alessandro Brannetti (CRP Racing) and Matthias got the better of Gregory Fastro (Campus Francorchamps) and took first and second, respectively. Gregory rounded off the all-European first three finishers.

Jenny Tinmouth (Team Agni) currently leading the TTXGP UK Championship was the first of the UK teams in fourth place. After initially battling with Chi-Fung Ho of Team Z, Jenny’s experience around Brands Hatch and on the Agni machine got the better of the rider from China. Ho continued behind Jenny until the end of the race and picked up fifth place.

Pete Ward (Electric Hussar) seemed to have some difficulties on the start-line meaning that he had to essentially start from the back of the pack. He fought his way through and finished sixth after the restart.

The rain has really been coming down at Brands Hatch and looks to be set in all day, which should make the next race even more exciting than the first!

source: ttxgp.com

  • Share/Bookmark

TTXGP UK e Euro Brands Hatch: ecco la griglia di partenzaTTXGP Brands Hatch Starting Grid

domenica, 3 ottobre 2010

Benche la prima sessione di prove libere sia stata disputata all’insegna del bel tempo, come spesso accade in gran bretagna , le qualificazioni si sono svolte sotto la pioggia battente compromettendo tutto il buon lavoro di messa a punto fatto dai team nel mattino.

In queste condizioni di tempo avverse , la pole è stata appannaggio del team Campus che ha distanziato di ben 1,835 secondi l’italiano Brannetti su eCRP1.2 apparso un pò meno a proprio agio sul bagnato.

Terza posizione per Jenny TinMouth , leader del campionato UK che ha saggiamente amministrato tutta la sessione con l’intento di non cadere e di tenersi comunque a contatto coi primi visto che poi in gara come sempre è tutta un altra storia… subito seguito da James Mc Bride del team ManTTXRacing.

A seguire Mathias Himmelman in evidente difficoltà sul bagnato in un tracciato che conosceva poco ma la progressione mostrata nei tempi fa ben sperare e comunque in caso di gara asciutta sarà sicuramente della partita tra quelli che contano…

Pur funestato da problemi tecnici che l’hanno costretto al ritiro prima della chiusura della sessione , il team cinese Team Z strappa con Chi-Fung Ho un 6 tempo finale che confeerma la buona prestazione di ieri e che lo posiziona avanti a tutti gli altri team debuttanti oltre che a parecchi team piu esperti…

In qualifica sfortunatamente si son visti due crash… uno da parte di Alexander Ivanov su Mavizen della SMP racing che ha danneggiato uno dei due motori nella caduta ma che dovrebbe essere pronto per la gara ed un altro a carico della pilotessa Annie Seel del team svedese Morris che ha avuto un inconveniente all’avantreno durante una frenata ed avrà del bel da fare per rimettere a posto tutto per la gara.

Russ Licence dell MRB Racing si era ritirato durante il Warm Up per un problema ad un freno , sembra avere brillantemente risolto il problema dopo la sostituzione dello stesso.

Jim Lovell pilota dela Tork India rientra in questa gara dopo la rottura di un piede e benchè il passo mostrato in prova non sia entusiasmante , Jim confida che la propria sorte se la potrà giocare in caso di gara bagnata. in ogni caso il team Tork ha in serbo alcune novità che intende portare in gara.

Lo scenario come ieri è davvero interessante…con 8 moto in 5 secondi e 14 partecipanti in pista di buon livello c’è da supporre che ne vedremo delle belle.permettetemi un momento da tifoso… Forza Alessandro! sei tutti noi!

After a mainly dry morning session the teams prepared for a wet qualifying session. All 14 that took part in the morning practice lined up to decide the staring grid for tomorrow’s two races. The European teams led the way again with Campus Francorchamps this time getting the better of CRP Racing, qualifying a blistering 1.835 seconds ahead of the Italian outfit.

Managing to complete a full session Jenny Tinmouth (Team Agni) was the first of the UK teams and qualifies third. James McBride of ManTTX Racing set the fourth fastest time again and will start just behind Jenny.

After setting the quickest time this morning, Matthias Himmelmnan of Munch Racing could only manage 5th in the wet. But being new to the track and learning more every session, Munch Racing are confident of a strong result tomorrow.

Eventually retiring with a technical issue, Team Z still managed to set the 6th quickest time of the session despite being a new team to the series.

The session unfortunately saw 2 crashes. The first of which was Alexey Ivanov of SMP Racing who low sided at Clearways. The bike has sustained minor damage to the rearset and motor and should be repaired in time for tomorrow. Alexey is fine and uninjured. The second was Annie Seel of Morris Motorcycles Racing Team who lost the front end under braking going into Paddock Hill Bend. Annie is fine but the team have a lot of work to do to make it to the start line tomorrow.

Russ Licence of MRB Racing retired after his warm-up lap, having suspected a warped brake disc. The team have now changed the disc and the bike is fine.

Jim Lovell returns to racing after breaking his foot, still limping and unable to move freely on the bike yet. Jim is also new to Brands Hatch, so is finding it challenging, especially in the wet and with the changes to the Tork India bike. Tork intend to make some changes that should see them with some improved performance for the races tomorrow.

With the top 8 teams still covered by only 5 seconds, despite what the weather forecast is predicting, tomorrow should be an exciting day of racing

  • Share/Bookmark