Articoli marcati con tag ‘giro’

TTXGP Karlskoga:con eCRP assente Himmelman su Munch vince tutto

giovedì, 22 settembre 2011

Weekend decisamente gioiso per il plotone tedesco della Munch in una gara però funestata da un parco partenti un pò ridotto. C’erano infatti le due Munch , Le Zhongshen e due presenze nordeuropee: la Karlshoga che di fatto è una Mavizen privata e la Berix , una bella creazione poco performante , pertanto il livello di competitività di queste ultime costituisce un problema per nessuno , almeno per ora.

La gara: la gara vera e propria l’hanno fatta Himmelman su Munch e Ho su Zhongshen che fin dai primi tre giri hanno subito preso il largo dal resto dello schieramento… Ho ha fatto di tutto per cercare di avvicinare la moto tedesca , ma probabilmente Himmelman stava tenendo da parte un pò del proprio vantaggio reale , in quanto dal terzo giro in poi ha iniziato ad allungare anche su Ho , così da condurre il resto della gara praticamente in solitario.

A fine gara in merito alla assenza di CRP Himmelman a dichiarato:

“Mi sono sentito solo in gara, e ‘una disfatta che CRP non poteva essere qui,  mi piacerebbe correre contro di loro, ma capisco che hanno problemi motori!”
La risposta di CRP non si è fatta attendere:

Salve a tutti, giusto una precisazione ad onor del vero: CRP Racing non ha avuto alcun problema ai motori, semplicemente non ha proprio partecipato alla gara, ed era a più di 2000km dalla svezia. Avevamo anche in precedenza dichiarato che non avremmo partecipato alla Svezia, per diversi motivi, tra cui la totale inutilità dell’ennesima gara a migliaia di km di distanza dal nostro quartier generale, senza alcun feedback marketing e commerciale… E molti altri motivi…
Un campionato cosí organizzato non ha purtroppo alcun appeal per gli sponsor, quindi abbiamo preferito concentrarci su altri obiettivi, e sullo sviluppo della stradale che presenteremo ad EICMA il prossimo 8-13 Novembre.
Partecipiamo a Le Mans perchè crediamo al contrario che sia un evento mediatico importante, significativo e quindi imperdibile allo scopo di promuovere la conoscenza dei veicoli elettrici.
Vi aspettiamo a Milano, EICMA 8-13 Novembre 2011!
Quindi da una parte vi è una presa di distanze nei confronti degli attuali assetti organizzativi della TTXGP (ricordiamo che CRP partecipa anche al campionato e-power, come la Munch dal resto) e dall’altra si rimarca la reale necessità di concentrarsi sul prodotto commerciale che verrà presentato all’EICMA.

questo il risultato finale:

POS Nm. Pilota Team Totale Tempo Giri Rit. Miglior giro
1 49 Matthias Himmelman Muench 16:08.143 13 1:12.844
2 59 Ho Chi Fung Zongshen 16:32.177 13 24.034 1:14.142
3 26 Tang Yu Zongshen 16:26.935 12 1 lap 1:20.360
4 53 Mikael Nilsson Karlskoga 16:43.867 12 1 lap 1:21.345
5 93 Peter Linden Berix 17:03.414 12 1 lap 1:21.472

  • Share/Bookmark

Incredibile ma vero… Superbike elettrica umilia Superbike e Superstock twin a benzina!

lunedì, 10 gennaio 2011


Non mi nascondo dietro ad un dito… non ero tra i proseliti di Chip Yates e dopo aver visto le evoluzioni tecniche della sua pachidermica “creatura”. non avrei scommesso un cent sulle sue possibilità e non perchè non creda nell’elettrico ma perche non credevo granchè nel suo approccio “gigantistico” che per certi aspetti è un pò alla base della cultura motoristica yankee con cui ha affrontato la realizzazione della propria moto, che ricordiamoci ha visto la luce oltre un anno dopo l’annunciato debutto. … dal resto anche i continui mutamenti di rotta tecnici non è che facessero sperare granchè sulle possibilità di questo pachiderma da 260 kg guidata da un folle che è dimagrito di quasi 20 kg per poter correre nella categoria WERA destinata ai bolidi superbike e superstock bicilindrici , dopo aver incassato il rifiuto dei campionati TTXGP ed ePower …

Sta di fatto che la moto di “capatosta” Chip benchè per certi aspetti ricordi un pò la prima Toleman Hart di Rory Byrn soprannominata “flying pig” (porco volante) , vuoi per la cocciutaggine del team , vuoi per il manico del pilota , vuoi perchè la moto di fatto sia sicuramente piu valida di quanto non sembri , di fatto è arrivato un risultato a dir poco incredibile!!!  la 747 di Chip  partita non troppo avanti anche per la totale assenza di collaudi se si eccettua qualche giro fatto ad Infineon con tutte le batterie collocate sulla coda , di fatto già in prova si era contraddistinta per punte velocistiche entusiasmanti intorno alle 154 miglia orarie , ed ha poi dimostrato in gara un potenziale spaventoso.  Guardate il filmato ed osservate  in che modo il pilota Chip Yates rimonta su quei puntini collocati all’orizzonte che sono le moto che lo precedono!!! e che dire del SOUND!!! davvero ha ragione chi l’ha soprannominata 747…. sembra proprio il rumore di un boeing!!! ed in effetti il sibilo del grosso motore elettrico che ricordiamocelo  raggiunge gli 8000 giri al minuto per erogare 190 e passa cavalli , ricorda un pò una moto a “turbina” per certi aspetti… e guardate con che frequenza impenna!!! sicuramente il buon Chip per portare in giro in questo modo una moto da 260 kg con tutto quel popò di roba collocato sulla coda merita comunque una mezione d’onore. la moto si vede che non è un fuscello e che si muove con una certa inerzia ma è stabile e non si scompone mai e  accidenti il motore in quanto ad erogazione e progressione non ha proprio eguali!  il manico e la precisione della parte ciclistica fanno il resto… alla fine il risultato ha dell’incredibile. 3 posto assoluto nella categoria superbike e Secondo posto assoluto nella categoria superstock. e questa moto ancora non si avvale del KERS sulla ruota anteriore ne tantomeno dell’upgrade motoristico che dovrebbe veder crescere la potenza di un altro 20%… ditemi … non siete curiosi anche voi di vedere come va a finire? certo …su un circuito piu “guidato” come spa francorchamp forse il boeing avrebbe qualche difficoltà in piu ma il risultato è comunque epocale. chip yates checchè se ne sia detto in passato e se ne dica nel presente sta facendo la storia …

  • Share/Bookmark

Qualificazioni TTXGP ad Albacete: 1°Himmelman(MUNCH) 2°Brannetti (CRP) 3° Chi Fung (Zongshen)

sabato, 23 ottobre 2010

Abbiamo trovato su facebook grazie al team Morris in anteprima i risultati delle qualificazioni ad Albacete. sempre velocissimo Himmelman su Muche , a seguire Brannetti che ormai ci ha viziato per costanza dei risultati e per la sua bravura, terzo il sorprendente pilota cinese Chi Fung Ho alla guida della moto dell’unico costruttore ufficiale di motociclette presente ovvero il team Zongshen , solo quinta Jenny TinMouth con una Agni che sembra ver perso terreno di recente o forse è semplicemente rimasta al palo mentre gli altri crescevano.. prima delle mavizen pete Ward del team Hussar e deludente il risultato della seconda CRP di Ivanov che di fatto non ha completato un giro..

  • Share/Bookmark

TTXGP EURO Moto elettriche ad Assen Gara 1:Brannetti è secondo. vince Michael WeynandTTXGP EURO CHAMPIONSHIP 2010 ROUND 1 RACE REPORT

domenica, 26 settembre 2010

Davvero Combattuta la prima gara del campionato TTXGP-Euro ad Assen. la lotta per la vittoria si è chiusa tra due soli contendenti: Alessandro Brannetti sulla italiana CRP e Michael Weynand sulla moto belga Campus strettamente derivata da una Yamaha R6.  quest’ultima nelle prove aveva sofferto di problemi alle spazzole (la stragrande maggioranza dei motori impiegati nella categoria è del tipo a spazzole per ragioni di costi, di semplicità della gestione elettronica di potenza e recupero energetico) ma in gara i problemi sono stati riosolti e quindi la moto, benchè al debutto, si è dimostrata ben bilanciata e ottimamente guidata dal suo conduttore.

Alla partenza e nei primi giri Alessandro sembrava avere avuto la meglio mentre Michael manteneva il proprio ritmo , ma dal quarto giro in poi Michael ha sferrato la zampata vincente , amministrando e mantenendo il vantaggio fino alla fine benchè il record sul giro rimanesse nelle mani di Alessandro.

La battaglia per il terzo e quarto posto invece è un afffare tra Rob Moon su Agni (Agni Suzuki 600 con carene di colore blu nelle foto) e Pete Ward(Mavizen KTM con carene di colore rosso) e nonostante Rob ci abbia provato fino all’ultima curva , pete è riuscito ad agguantare il terzo posto , lasciando quindi a Rob solo il magro bottino di un quarto  posto, magro considerando la competitività della moto.

Fanalino di coda il debuttante russo Ivanov che inizia proprio qui la sua carriera di pilota nello sport motoristico della nuova generazione.

The TTXGP EURO Championship gets off to a great start at the Assen TT Circuit as history was made.

Tension in the paddock was high as it appeared it could be anyone’s race. The lights went green and Pete Ward on the Mavizen TTX02 got another fantastic launch off the line to lead the pack into the first corner, with Michael Waynand and Alessandro Brannetti, of Campus Francorchamps and eCRP respectively, following close behind.

The race then settled into a two man competition between Michael and Alessandro with the eCRP bike taking the early lead and pulling away. This continued for the first few laps as Alessandro set a blistering pace, setting the fastest time of 2:03.767 on the second lap. However, his pace was short lived and he began to drop off as the race progressed, giving Campus a chance for the win. Michael did not pass up this opportunity and was able to maintain his speed, setting his fastest lap, a 2:04.315 on the fifth lap, having passed Alessandro for the lead on lap 4. For the rest of the race he managed to keep a determined Alessandro behind him to win, with Alessandro 2.8 seconds behind.

The battle for third was fought between Pete and Rob Moon on the Agni machine. In the early stages it appeared as if the Mavizen had the edge on the straights, being able to keep Rob comfortably at bay but Rob was pushing hard to keep up through the corners. However, the power of the Mavizen bike proved too much, Pete taking the final podium place in third with a gap of 6.990 seconds to Rob.

Alexey Ivanov from Russia, riding for SMP Racing finished in 5th place. A promising start to his career in the next generation of motorsport.

The prize ceremony was presented by Mr. Wim van de Camp, MEP from the CDA delegation of the European Parliament.

TTXGP Euro Championship 2010. Round 1

TT Circuit Assen: 4.542km (7 Laps)

1 Michael Weynand/Campus Automobile 14:42.968

2 Alessandro Brannetti/eCRP Racing 14:45.778

3 Pete Ward/Electric Hussars 15:29.284

4 Rob Moon/Agni Motors 15:36.274

5 Ivanov Alexey/SMP Racing 14:49.259 (6 laps)

Onwards to Race 2, set for 1830Hrs local, later today.

Due to track operations, race pictures will be added to the gallery at a later stage.

  • Share/Bookmark

Brammo Empulse ora anche carenata in versione RR: nuovi dettagli da Hell for Leather

sabato, 14 agosto 2010

brammo-empulserr-girl-630Vi avevamo parlato tempo fa della Brammo Empulse Naked e delle sue formidabili caratteristiche, ma a Laguna seca in occasione della gara iridata del campionato e-power, è stata presentata anche la versione RR che vedete in questa fotografia. benchè la moto sembri fatta per correre , non vi  intenzione almeno per ora da parte della Brammo di schierare il proprio mezzo sui blocchi di partenza con continuità in quanto l’azienda è concentrata al 100% sui veicoli di produzione … ma intanto emerge un dettaglio importantissimo. il motore raffreddato a liquido utilizzato da questo nuovo modello è stato realizzato dalla vincitrice del TT e della gara di Laguna Seca stessa, ovvero dalla  CZYSZ… emerge quindi un dettaglio di notevole importanza ovvero in primis che il motore di cui vi parliamo è opera della CZYSZ stessa che invece all’esordio aveva fatto uso di una terna di ETEK a spazzole collegati da un giro di catene , ed in seconda analisi che le qualità tecniche e di affidabilità di questo motore sembrano essere alla base delle formidabili prestazioni messe in evidenza dalla CZYSZ .

Peculiarità principale di questo motore sembra essere quella di poter lavorare in regime continuo per lunghi periodi . tuttavia l’esemplare schierato a Laguna Seca e messo nelle mani di Aaron Gobert ha subito un inconveniente tecnico dovuto ad un componente fabbricato in esterno che ha ceduto e quindi non e stato possibile schierare la motocicletta in gara… ma Brammo garantisce che rivedremo in pista la moto entro l’anno.

fonte: hellforleather.com

[nggallery id=89]

  • Share/Bookmark

Ricomincio da TRIAL : All’ EICMA rinasce la Ossa.

mercoledì, 28 ottobre 2009
la Ossa Pluma del 1969 con il caratteristico serbatoio monoscocca

la Ossa Pluma del 1969 con il caratteristico serbatoio monoscocca

Martedì 10 Novembre in occasione dell’ apertura dell’ EICMA , sarà presentato alla stampa il prototipo della nuova TR 280 , annunciata come macchina  rivoluzionaria all’interno dell’ambito del Trial. i piu giovani tra noi infatti ignorano che la casa spagnola di proprietà della famiglia Giro era davvero una pietra miliare della storia del trial e lo e rimasta fino al momento  di chiudere i battenti nel lontano 1984.

Oggi il marchio rinasce con un modello tutto nuovo pieno di innovazioni tecnologiche che promette di rinverdire la tradizione della gloriosa casa spagnola. Motorcafè e stato invitato e quindi saremo li a documentare l’evento.

  • Share/Bookmark

Motorcafe a quota 500 iscritti su Facebook!

mercoledì, 28 ottobre 2009
motorcafe su facebook

motorcafe su facebook

Questa settimana Motorcafè ha superato la quota di 500 amicizie raccolte su facebook . l’account MOTORCAFE ITALIA e stato creato solo pochi mesi fa  in sostituzione del poco efficace “gruppo” motorcafe , ed era stato inaugurato con l’intento di far conoscere meglio motorcafe e di stabilire un contatto diretto con i lettori. da allora grazie all’applicativo WORDBOOK che in pratica pubblica su facebook tutto ciò che l’amministratore pubblica sul sito , moltissimi tra i frequentatori del famoso social network  hanno avuto modo di conoscerci ed una parte di essi sono diventati nuovi collaboratori. diverso invece e il ruolo di Twitter la cui funzione e principalmente quella di tenere in contatto motorcafe con gli organi di stampa stranieri , i costruttori di veicoli elettrici ed i vari blogger sparsi in giro per il mondo.

Un grazie di cuore da Giuliano Campagnola e da tutto lo staff dei collaboratori.

  • Share/Bookmark