Articoli marcati con tag ‘chi fung ho’

TTXGP USA Miller : La Motoczysz domina il week end ma la Brammo vince il campionato!

venerdì, 16 settembre 2011

da: http://motoelettriche.wordpress.com/

L’ultima tappa del campionato nazionale americano TTXGP ha visto tutte le big a stelle e strisce concorrere sul Circuito del Miller Motorsport Park (eccezion fatta per la Mission Motors assente)e spiccare il dominio della Motoczysz; dietro di lei si sono classificate con ritardi rilevanti in ordine l’ormai eterna seconda Lightning e terza la Brammo che grazie al podio si aggiudica anche la serie.

Le novità in gara non sono mancate : la Motoczysz ha fatto il suo primo debutto in pista con alla guida un pilota professionista come il veterano Shane Turpin , la Lightning è riuscita finalmente a far scendere in pista la seconda moto apparentemente identica alla prima ma con un diverso pacco batteria limitato a 7.5 kWh per rientrare nella categoria TTX75 mentre la Brammo ha confermato l’aggiornamento introdotto dall’appuntamento di Laguna Seca con un potenziamento del suo pacco batteria portato a oltre 13 kWh.

Conclusioni.

Le prestazioni della Motoczysz non hanno lasciato spiragli di fiducia agli avversari sin dalle prime libere il dominio è stato schiacciane sue infatti le libere , la Pole , la vittoria e il giro veloce ; i tempi di Shane Turpin attorno al 1.36 alto hanno battuto gli stessi fatti registrare dalle 600 cc. durante il week end segno di un‘incredibile competitività che sicuramente avrà lasciato qualche rimpianto al Boss Michael Czysz ripensando alla gara di Laguna Seca dove peccando di superbia ha ritardato il debutto di un pilota professionista sulla EPC1 risultando secondo al traguardo dietro alla Mission R che aveva già affrontato questa scelta.                                                                      La Lightning torna in pista dopo il record di velocità segnato sul lago salato di Bonneville orfana del suo pilota Barnes sostituito da Tim Hunt e fa debuttare proprio all’ultimo appuntamento la seconda moto riservata alla categoria TTX75 riconoscibile per una livrea completamente Black con ottimi riscontri dal punto di vista delle prestazioni visto il sorpasso con disinvoltura effettuato sul rettilineo ai danni della Brammo (vedi il video sottostante) .                                 La Brammo Empulse RR guidata da Stave Atlas è la nuova regina del campionato TTXGP USA pur avendo delle prestazioni inferiori rispetto a moto come la Motoczysz la sua costanza di partecipazione alle gare ha pagato nei punteggi finali mentre seconda in classifica si conferma ancora una volta la Moto Electra di Thad Wolff che pur essendo costruita completamente con pezzi commerciali era in lizza per la vittoria finale sino a quest‘ultimo appuntamento.

Classifica al traguardo:

Num.     Pilota                    team                      giro record

1)       Shane Turpin              Motoczysz           1:31.533
2)       Tim Hunt                   Lightning             1:39.604
3)       Steve Atlas                 Brammo              1:42.331
4)       Thad Wolff                  MotoElectra       1:45.472
5)       Ely Schless                  ProtoMoto          1:58.375
6)       Ted Rich                     Lightning            Rit

  • Share/Bookmark

Finale TTXGP / UEM 2010 -Albacete : Himmelman vince …ma che fatica!TTXGP FINAL / UEM 2010 – Albacete, Spain:Himmelman win in a great race!

lunedì, 25 ottobre 2010

Che gara ragazzi… la finale di Albacete per il campionato mondiale delle moto elettriche ha riservato davvero molte emozioni e anche qualche sorpresa.

In primo luogo finalmente una griglia di partenza a livello della motoGP con 14 iscritti e 12 partenti al via con purtroppo la diserzione pressochè totale dei team americani… e fino a quando non interverranno meccanismi di distribuzione bonus piu consistenti senz’altro il problema si ripresenterà.

Ad ogni modo la gara ha visto un livello di competitività notevole…pressoche tutti i team hanno corso con tempi sul giro al di sotto dei due minuti .

Himmelman, questo pilota antidivo un pò d’altri tempi che non si contraddistinque certo per il “fisique du role” ma che è sicuramente todato di intelligenza tatttica, grinta ed una notevole capacità di portare al limite le doti della sua Munch , ha pienamente meritato il risultato. la sua Munch , da considerare un pò copme la ducati della situazione , è velocissima ma nervosa ed anche un pò pesante e quindi va guidata con forza. cosa che ad Albacete gli è riuscita benissimo.

I principali contendenti di Himmelman sono stati Brannetti e la Tinmouth in quanto gli stessi si sono alternati nelle loro posizioni in un incalzante susseguirsi di sorpassi.

Brannetti infatti avendo a disposizione una potenza inferiore a vantagggio di agilità e leggerezza (nelle moto elettriche è la batteria che determina la potenza a disposozione) ha giocato tutta la propria gara sulla proprie doti di “staccatore” ed ha quindi rimontato dal sorpasso subito dalla Tinmouth in partenza ed ha poi battagliato con Himmelman per tutta la gara , fino a quando quest’ultimo , ormai certo del risultato , ha preso il largo amministrando saggiamente la potenza delle batterie. ad ogni modo per il team italiano portare a casa un secondo posto mondiale quando fino a novembre dello scorso anno eravamo rassegnati all’idea che nessun team italiano sarebbe stato della partita, mi sembra un ottimo risultato. a questo punto l’evoluzione della moto sarà la chiave del risultato. alla CRP dovranno scegliere se puntare sempre sulla strada della leggerezza affinando ulteriormente la ciclistica o se concedere qualcosa di piu alla potenza massima magari con un motore made in italy… vedremo che cosa ne uscira e soprattutto vederemo se altri team italiani decideranno di farsi sotto.

Quarto posto per il sorprendente Chi Fung HO su Zhongshen , gentelmen driver cinese di una certa esperienza , che ha messo in serissime difficoltà Pete Ward della Hussar racing , il team dell’esercito inglese che schiera una Mavizen privata che ha quindi agguantato il quinto posto.

La cinese Zongshen sa quindi di avere a disposizione una ottima base su per costruire la propria moto 100% made in china con cui correrà il prossimo anno.

Tra i protagonisti mancati la belga Campus con la propria Yamaha R6 elettrificata affidata a Gregory Fastre , che dopo una partenza fulminante ha subito un problema meccanico ad uno dei due motori  al 7-giro che lo ha fortemente ritardato e che gli ha permesso di portare a casa  soltanto un misero 9 posto.

Altro team che ha sofferto costantemente di pannes elettriche è stata la Tork India . team questo che dopo aver vinto la gara d’esordio del campionato inglese, non è piu riuscito a conquistare il proprio stato di grazia.

Buon risultato in raffronto alla media di quanto ottenuto finora , per il team Morris che porta a casa un 6 posto, mentre invece non si puo dire soddisfacente il risultato di Rob Moon che agguanta un 7 posto con una delle moto piu competitive del campionato.

8 posto per la seconda Munch che però pensiamo non possieda gli stessi aggiornamenti tecnici di quella di Himmelman in quanto chiunque abbia guidato la seconda Munch finora non ha ricavato granchè. Senza commento la gara di Ivanov sulla seconda CRP funenstata da pannes tecniche sia in prova che in gara.All teams break sub 2 minutes per lap.

Incredible riding from Himmelmann and Brannetti pushing the edge every lap.

Turn by turn action with a thrilling climax and a 00:00.228 seconds difference to decide the champion

Electric Racing has a new world champion, Matthias Himmelmann wins the top crown for Munch Racing Team from Germany, beating of stiff competition from teams from Italy, UK, USA, Belgium, India, and China winning the zero carbon crown, making history and setting a high bar for any challengers in 2011. Despite beginning in pole and ending in first with the zero carbon powered Münch machine, but he was able to just hold off Alessandro Brannetti on the twin-Agni powered eCRP. While second place was a disappointment to the eCRP team, it was a miracle they even started, given the problems they’d had all weekend with the controllers on both bikes. Rounding off the podium was the TTXGP UK Champion, Jenny Tinmouth.

The differences in power, both in volts and kw/hrs between the three bikes was significant, yet this is also what has made this series so exciting. Teams have had the liberty to try practically whatever they can in order to win. Although the eCRP had much less power than the Münch, Brannetti was able to overtake Jenny Tinmouth after she passed him on the first lap. By lap 6, Branetti was leading, with Himmelmann gaining on him each time down the front straight, only to be denied on the entry to T1 by Brannetti’s late braking ability.

In the final lap, Himmelmann was able to draft Brannetti before the start/finish line for an easier lead down the front straight, creating a gap that Brannetti could not close before the end of the race.

The first Chinese factory team, Team Zongshen put in an impressive fourth and have set themselves up to be part of TTXGP 2011 with a strong platform to build from. Chi Fung Ho, a veteran racer from China showed tremendous skill in keeping Pete Ward and the Electric Hussars to a 5th place.

Morris Motorcycles followed the Mavizen of the Electric Hussars and came in 6th with Peter Linden showing the strongest ever finish for Morris. Morris have committed to return for 2011 with a brand new package and team to build from the success of 2010.

Rob Moon/Team Agni, Thomas Schurict/Münch Racing filled in 7th and 8th respectively.

Campus Francorchamps after a strong start, with the third fastest lap, suffered a mechanical failure in lap 7. With a motor blow out, Fastre came into the pits and essentially went out and finished the race on half power.

Jennifer Bromme of Team Werkstatt from the North American Championship finished 10th. She showed great improvement and went sub 2-minutes in lap 3.

Another team that suffered constant technical problems was Tork India. Despite winning the first ever round of the TTXGP UK Championship, they never really found their form. Antonio Maeso, started well with the 6th fastest laptime.

Alexey Ivanov from SMP Racing also suffered from an early technical failure during the warm ups and could not start.

The final results are:

TTXGP Final/UEM 2010 World Series Final (24/Oct/2010)

Albacete, Spain

Track length: 3593 meters

01…………..Münch Racing/Matthias Himmelmann

TTXGP WORLD CHAMPION 2010

Best Lap: 01:43.871

Average speed over complete race: 120.8 km/h

02…………..CRP Racing/Alessandro Brannetti

01:44.100

120.71

03…………..Team Agni/Jenny Tinmouth

01.45.337

118.00

04…………..Team Zongshen/Chi-Fung Ho

01:47.710

116.14

05…………..Electric Hussar/Pete Ward

01:48.726

115.96

06…………..Morris Motorcycles Racing Team/Peter Lindén

01:50.450

110.99

07…………..Team Agni/Rob Moon

01:55.057

108.90

08…………..Münch Racing/Thomas Schuricht

01:55.278

108.14

09…………..Campus Francorchamps/Gregory Fastre

01:45.301

105.88 (minus 1 lap)

10…………..Werkstatt/Jennifer Bromme

1:57.835

103.35 (minus 1 lap)

11…………..Tork/Antonio Maeso

01:50.107

102.34 (minus 1 lap)

12…………..SMP Racing /Alexey Ivanov

DNS (retirement due to mechanical failure)

This was an incredible race to end an incredible first season for TTXGP.

As well as completing the TTXGP 2010 season, all our teams now become part shareholders in the TTXGP series as they are now invited to join the TTXGP TEO (trust.egrandprix.org/) the main representative body for TTXGP teams.

TTXGP 2011 is underway and with 110 teams registered for interest, the future looks bright.

Over the next few weeks we’ll be annoucing new tracks, the rules and calender for 2011. Stay tuned.

We reboot again for 2011 to continue bulding the next generation of motorsport.

  • Share/Bookmark