Articoli marcati con tag ‘agni’

TTXGP USA Miller : La Motoczysz domina il week end ma la Brammo vince il campionato!

venerdì, 16 settembre 2011

da: http://motoelettriche.wordpress.com/

L’ultima tappa del campionato nazionale americano TTXGP ha visto tutte le big a stelle e strisce concorrere sul Circuito del Miller Motorsport Park (eccezion fatta per la Mission Motors assente)e spiccare il dominio della Motoczysz; dietro di lei si sono classificate con ritardi rilevanti in ordine l’ormai eterna seconda Lightning e terza la Brammo che grazie al podio si aggiudica anche la serie.

Le novità in gara non sono mancate : la Motoczysz ha fatto il suo primo debutto in pista con alla guida un pilota professionista come il veterano Shane Turpin , la Lightning è riuscita finalmente a far scendere in pista la seconda moto apparentemente identica alla prima ma con un diverso pacco batteria limitato a 7.5 kWh per rientrare nella categoria TTX75 mentre la Brammo ha confermato l’aggiornamento introdotto dall’appuntamento di Laguna Seca con un potenziamento del suo pacco batteria portato a oltre 13 kWh.

Conclusioni.

Le prestazioni della Motoczysz non hanno lasciato spiragli di fiducia agli avversari sin dalle prime libere il dominio è stato schiacciane sue infatti le libere , la Pole , la vittoria e il giro veloce ; i tempi di Shane Turpin attorno al 1.36 alto hanno battuto gli stessi fatti registrare dalle 600 cc. durante il week end segno di un‘incredibile competitività che sicuramente avrà lasciato qualche rimpianto al Boss Michael Czysz ripensando alla gara di Laguna Seca dove peccando di superbia ha ritardato il debutto di un pilota professionista sulla EPC1 risultando secondo al traguardo dietro alla Mission R che aveva già affrontato questa scelta.                                                                      La Lightning torna in pista dopo il record di velocità segnato sul lago salato di Bonneville orfana del suo pilota Barnes sostituito da Tim Hunt e fa debuttare proprio all’ultimo appuntamento la seconda moto riservata alla categoria TTX75 riconoscibile per una livrea completamente Black con ottimi riscontri dal punto di vista delle prestazioni visto il sorpasso con disinvoltura effettuato sul rettilineo ai danni della Brammo (vedi il video sottostante) .                                 La Brammo Empulse RR guidata da Stave Atlas è la nuova regina del campionato TTXGP USA pur avendo delle prestazioni inferiori rispetto a moto come la Motoczysz la sua costanza di partecipazione alle gare ha pagato nei punteggi finali mentre seconda in classifica si conferma ancora una volta la Moto Electra di Thad Wolff che pur essendo costruita completamente con pezzi commerciali era in lizza per la vittoria finale sino a quest‘ultimo appuntamento.

Classifica al traguardo:

Num.     Pilota                    team                      giro record

1)       Shane Turpin              Motoczysz           1:31.533
2)       Tim Hunt                   Lightning             1:39.604
3)       Steve Atlas                 Brammo              1:42.331
4)       Thad Wolff                  MotoElectra       1:45.472
5)       Ely Schless                  ProtoMoto          1:58.375
6)       Ted Rich                     Lightning            Rit

  • Share/Bookmark

Doppietta per eCRP al primo round del TTXGPeCRP wins twice at the first round of TTXGP

giovedì, 23 giugno 2011

I due alfieri di CRP Racing hanno messo a segno una doppietta strepitosa a Silverstone, per la prima gara del TTXGP. Dopo un weekend dal tempo piuttosto avverso e i problemi tecnici riscontrati il giorno delle prove, il team CRP Racing ha lavorato sodo per mettere a punto i mezzi per la gara, che hanno dato risultati strepitosi.Il “Branna” è giunto primo al traguardo con 20 sec dal suo compagno di squadra Alex Battistini, sceso in pista per la prima volta in sella alla eCRP 1.4 con un grande esordio.
Dopo aver lavorato fino a tarda notte del sabato i tecnici di CRP Racing, hanno deciso di attuare una strategia conservativa e di mantenere bassa la potenza. La scelta è stata vincente.
La gara di Silverstone è stata dominata dalla scuderia italiana: Brannetti ha registrato il giro più veloce di 1:11.065 seguito dal suo compagno Battistini.
Al terzo posto si è classificato David Hallet di Agni Motors Racing, seguito da Welsh di Arc EV e infine il giapponese Kishimoto del team Prozza. La Muench non ha partecipato alla gara per cause tecniche riscontrate il sabato.
Alessandro Brannetti dichiara: “Sono molto felice di questo risultato, inizialmente la mia idea era quella di risparmiare potenza così sono partito piano e alla fine ho spinto negli ultimi due giri e sono riuscito a guadagnare secondi importanti. Spero di continuare in questa direzione e di dare il giusto apporto ai tecnici che hanno lavorato sodo per mettere a punto la moto.”
Alex Battistini: “ Questa per me è la prima gara con una moto elettrica e sono orgoglioso di averla potuta fare proprio con la eCRP. E’ stato un weekend veramente emozionante e non pensavo di riuscire ad arrivare secondo al traguardo, è stata una bella esperienza.”
Prossimo appuntamento in pista con la eCRP è previsto il 1 e 2 luglio in Belgio sul circuito di Spa per la seconda gara del TTXGP. L’obiettivo del team anche per la prossima gara è quello di andare in pista, testare la moto e raccogliere tutti i dati da poter convogliare sui progetti di mobilità sostenibile in fase di studio.

The two riders of CRP Racing have scored a sensational double win at Silverstone for the first race of TTXGP. After a weekend of bad weather and some technical problems on practice day, CRP Racing team worked hard to set the motorcycles for the race, which gave excellent results. “Branna” came first to the finish line with 20 seconds from his team mate Alex Battistini, who raced for the first with the eCRP 1.4 and he did a great debut.
On Saturday after working until late CRP Racing’s technicians have decided to follow a conservative strategy and to maintain low power. The choice was winning.
The Silverstone race has been dominated by the Italian team: Brannetti recorded the fastest lap of 1:11.065, followed by his mate Battistini.
The third place went to David Hallet of Agni Motors Racing, followed by Welsh of Arc EV and finally the Japanese Kishimoto of Prozza. The Muench did not participate in the competition for technical reasons occurred on Saturday.
Alessandro Brannetti declared: ” I’am really happy with this result. I wanted to save the batteries so I started slower and then really pushed for the next two laps to move away. After that, I tried to always do the same pace for all the race. “
Alex Battistini said: “This is the first race for me with an electric motorbike and I am proud to ride the eCRP. The weekend was really exciting and I did not think to be on podium with the second place, it was a great experience. “
Next meeting on track with the eCRP is planned July 1 and 2 on the circuit of Spa in Belgium for the second round of TTXGP. The team’s goal for the next race is to go on the track, test the motorbike and collect all the data that are useful to help designing sustainable mobility projects.

  • Share/Bookmark

Amarok presenta la prima TTXGP Formula 75 superleggera e con soluzioni rivoluzionarie

venerdì, 29 aprile 2011

Come ricorderete, la formula 75 è la nuova classe propedeutica inaugurata quest’anno con il fine di allargare la base dei partecipanti alla categoria permettendo ai nuovi team di misurarsi sulla base di un parametro unitario, ovvero la capacità della batteria fissata a  7,5 Kilovattora ed un peso massimo di 250Kg.

Ebbene , il neocostruttore canadese Amarok ha deciso di costruire un veicolo progettato all’insegna della leggerezza estrema dotato di una serie di soluzioni in parte totalmente inedite ed in parte già viste , ma che danno come risultato finale qualcosa di sbalorditivo… il rapporto peso potenza di questa bestiola è pari ad una GP250 da gran premio dato che il peso è di soli 147 kg e la potenza è quella fornita da una coppia di ben conosciuti Agni 95R DC , la cui posizione però non è quella ormai classica inaugurata dal Team Agni stesso ovvero ai fianchi davanti alle pedaliere , ma bensi sotto la sella e collegato attraverso un doppio giro di catene e mentre il raffreddamento è assicurato da un sistema di canalizzazione forzato dell’aria.

Davvero innovativo il telaio monoscocca che funge anche da contenitore della batteria integrandosi con un traliccio tubolare che va poi a collegarsi al canotto di sterzo , dove in luogo della classica forcella tradizionale , trova posto una sospensione anteriore che è un pò un mix tra lo schema Hossack ed il Saxon , entrambi utilizzati con profitto sulla produzione di serie BMW fino alla serie scorsa.

Il risultato finale è una motocicletta molto bassa e profilata , apparentemente assai tradizionale, ma che in realtà cela assai bene i suoi segreti. Non sappiamo quanto afollata sarà la Formula 75 , ma riteniamo che questa moto sulla carta abbia buone possibilità di emergere , a patto che il team non ammattisca nella messa a punto di fronte a così tante innovazioni messe insieme.

  • Share/Bookmark

Nuovo sito dedicato alla eCRP

mercoledì, 12 gennaio 2011


CRP Racing dedica alla sua moto elettrica da competizione un intero sito, per raccogliere tutte le informazioni e i contenuti multimediali del manifesto della nuova generazione del motociclismo da competizione.

12/01/2011 – E’ ufficialmente online dal 1 gennaio 2011 il nuovo sito eCRP, dedicato al progetto del motociclismo ecosostenibile di CRP Racing: www.ecrp.eu
CRP Racing dedica alla sua moto elettrica da competizione, la eCRP, una nuova vetrina sul web, suddivisa in sei categorie: Progetto la Moto Elettrica, eCRP 1.4 (l’ammiraglia della stagione 2011), Servizi in Pista, Prenota Ora, Campionati Moto Elettriche, eCRP World (area dedicata a tutto il mondo eCRP con foto, video e molto altro ancora).Per vedere nel dettaglio la tecnologia green applicata alle due ruote, non rimane altro che visitare il sito della moto elettrica italiana Vice Campione del Mondo 2010 e Campione d’Europa 2010 del Campionato TTXGP.

  • Share/Bookmark

Mission Motors presenta ufficialmente la Mission R per le gare TTXGP – E-PowerMission Motors Shows Off New Electric Racing Bike

mercoledì, 22 dicembre 2010

Dopo diversi teaser mostrati su facebook e all’interno del proprio sito , la Mission ha iniziato a far circolare le prime vere e proprie foto della Mission R , l’arma che la casa americana ha intenzione di mettere a disposizione dei piloti privati per i campionati 2011 TTXGP e, volendo visto che i regolamenti si sovrappongono , anche per il poco popolato campionato E-power FIM.

Le prestazioni sulla carta sono molto vicine a quelle di una supersport 600 a benzina , con circa 141 cavalli e una coppia di 115 ft/lbs , e dal resto la R  con la sua coda corta e le forme agili e snelle,  dà un taglio netto con la One che era tozza, squadrata e pesante e che faceva uso di un telaio di origine KTM LC8.

Il peso della R è abbastanza al di sotto dei 250 kg di peso massimo anche se è obbiettivamente lontana dai 180 kg della Crp, ma fa anche conto su una potenza massima decisamente piu elevata , in virtù di un motore ad induzione anzichè a spazzole e di un pacco batterie di dimensioni piu generose in virtù della collocazione del motore al di sotto del telaietto reggisella.

In merito a questa soluzione và detto che non è una novità assoluta in quanto già adottata in ambito fuoristradistico sulla motocicletta italiana E-volt mentre incuriosisce alquanto la collocazione dell’ammortizzatore posteriore inclinato all’indietro. si ritiene comunque che queste soluzioni abbiano permesso una buona centratura delle masse ed una collocazione pressochè ideale del vano batterie. poi bisogna vedere se tutto questo dalla carta alla strada si concretizza in un effettivo vantaggio.

Tornando alla scelta motoristica , senz’altro la scelta di un motore asincrono a corrente alternata comporta un maggiore sforzo progettuale ed una maggiore difficoltà di gestione rispetto ad una soluzione brushed ottimizzata come nel caso del motore Agni che fa uso di un’elettronica decisamente piu semplice, tuttavia la contropartita dovrebbe essere una maggiore efficienza globale e quindi piu cv a disposizione. tutto sta poi a vedere quanto cv si riescono effetivamente a mettere per terra con un buon livello di guidabilità. bisogna poi capire se effettivamente qualche privato si azzarderà a compiere il passo di correre con la R o se dovrà essere la Mission stessa a dover partecipare con una propria moto per vincere la difidenza del mercato.

[nggallery id=107]Despite Mission Motor’s delays of its Mission One high-performance electric motorcycle, the company is unveiling a new racing version of its electric super bike the Mission R. The company plans to race the bike, which has 141 horsepower, 115 ft-lbs of torque and speeds of 160 mph, in early 2011.

The Mission R is the product of Mission Motors’ newly announced powertrain business, the MissionEVT, which is a direction that Mission Motors has been moving toward for much of this year. Back in May, CEO Jit Bhattacharya revealed that the company was looking to generate initial revenue through licensing or sales of its core powertrain tech to industry giants (a common strategy among tech-focused EV startups).

Based in San Francisco and originally called Hum Cycles, Mission Motors has raised $4.7 million in debt and equity since its inception in 2007. The company will need more capital in order to transition from the development phase to actually producing the 50 planned $68,000 Mission One superbikes, Bhattacharya told us in an interview last month. With tech startups, that challenge is commonly known as crossing the valley of death, and according to Bhattacharya, Mission Motors hopes to raise a new round of financing by mid-to-late 2011.

source: http://gigaom.com/cleantech/mission-motors-shows-off-new-electric-racing-bike/

  • Share/Bookmark

Mission Motors presenta R , la risposta americana a Mavizen e CRPMission Motors teases with racy silhouette of Mission R

giovedì, 4 novembre 2010


Era da un pò che non si sentiva parlare della Mission Motors… dopo un anno sabbatico lonbtano dalle competizioni , l’ultima volta che avevamo sentito parlare della Mission era in occasione di un imminente accordo con la Zongshen , costruttore cinese di motociclette già ormai da tempo impegnato nell’affermare il proprio marchio attraverso una partecipazione alle competizioni sportive, e a sugellare l’accordo erano state circolare foto di una avvenente modella cinese a cavallo di una Mission One…

Allo stato attuale non sappiamo quale sia lo stato delle trattative tra i due marchi , ma il fatto che la Zongshen si sia iscritta al motomondiale TTXGP con Suzuki Agni anzichè di una Mission one aggiornata a nostro avviso la dice lunga su come è andata a finire… anche se non è detto.

A far pensare ad un abbandono del campo moto è stato anche un recentissimo comunicato stampa (due giorni fa)  dove Mission presentava al pubbloico un innovativo powertrain caratterizzato da un modernissimo motore AC raffreddato a liquido,  batterie al litio  e  un controller su misura con potenze “automobilistiche”…ed invece Mision che ti combina? ecco sbucare questo intrigante teaser che la dice lunga sulle intenzioni di Mission in merito alla volontà di sotterrare l’ascia di guerra… non si tratterebbe però di una moto ufficiale , ma di una moto clienti destinata ad essere cavalcata da privati esattamente come avvenuto con CRP e Mavizen.

Le linee sono molto intriganti e colpiscono la curiosa inclinazione all’indietro dell’ammortizzatore posteriore e le forme snelle che fanno pensare ad una motocicletta assai piu leggera della monumentale One realizzata su base telaistica KTMLC8 dello scorso anno. potrebbe addirittura trattarsi di una Formula 75 ovvero di una TTXGP “junior”… tutto quello che si sa è che il motore è prodotto da Mission stessa ed è raffreddato a liquido ,


If you were worried that the recent announcement by Mission Motors of a new drivetrain division meant an end to the company’s future motorcycle plans, the release of a new teaser image should calm you down. Appearing on their freshly revised website, a silhouette of the “Mission R” shows an electric bike that’s clearly not designed for cruising the boulevard.

The company is all “mum’s the word” about the performance-oriented machine (despite our best Jedi mind trickery) beyond that it’s “…what’s next on the moto side, the Mission R.” But the image does tell us something. It’s not the Mission One in either street or Bonneville Salt Flat guise. The fairing, seating and tailstock are quite different, as are the wheels and the angle of the rear shock. Considering the components that Mission is now selling, it also very likely features a liquid-cooled AC motor and controller.

The “R” in motorcycle nomenclature typically stands for “race” so we’ll crawl out on that limb and say this bike is meant for the track. Whether the Mission Motors team will race it themselves or offer it up for others à la the Mavizen and CRP Racing model is unknown, but if they want to make some sales, they’re going to have to demonstrate that the Mission R is superior to the current offerings from those companies.

Source:www.autobloggreen.com

  • Share/Bookmark

Qualificazioni TTXGP ad Albacete: 1°Himmelman(MUNCH) 2°Brannetti (CRP) 3° Chi Fung (Zongshen)

sabato, 23 ottobre 2010

Abbiamo trovato su facebook grazie al team Morris in anteprima i risultati delle qualificazioni ad Albacete. sempre velocissimo Himmelman su Muche , a seguire Brannetti che ormai ci ha viziato per costanza dei risultati e per la sua bravura, terzo il sorprendente pilota cinese Chi Fung Ho alla guida della moto dell’unico costruttore ufficiale di motociclette presente ovvero il team Zongshen , solo quinta Jenny TinMouth con una Agni che sembra ver perso terreno di recente o forse è semplicemente rimasta al palo mentre gli altri crescevano.. prima delle mavizen pete Ward del team Hussar e deludente il risultato della seconda CRP di Ivanov che di fatto non ha completato un giro..

  • Share/Bookmark

Svelato il segreto del misterioso team Z a Bransh Hatch. si tratta del costruttore cinese ZongshenEnveled the secret of the Team Z : was the Zonghen team that debut secretly in Brands Hatch

venerdì, 8 ottobre 2010

Come vi avevamo accennato , a Bransh Hatch ha preso il via un team dal nome misterioso: Team Z il team si è messo in luce per buone prestazioni fin da subito nonostante l’inesperienza del pilota cinese Chi Fung Ho…ebbene in occasione dell’intermot l’identità del team è stat svelata: si tratta del gruppo cinese ZongShen uno dei piu grossi costruttori di motori e di motocicli del continente asiatico , che recentemente aveva fatto parlare di se per l’intenzione di acquistare la MISSION MOTORS , cosa che davamo già per scontata ma che alla luce di questi eventi non sembra piu un evento così sicuro. la ragione di tanta competitività immediata che ci aveva fatto urlare ingenuamente al miracolo,  è presto spiegata: il team ha acquistato e schierato una Agni Suzuki mettendoci sopra il pur valido Chi Fung Ho… a naso la moto ci sembra quella di Barber del 2009 ma potrebbe essere benissimo una delle moto di ques’anno noleggiata dal team stesso. . dal resto la Zongshen non è nuova ad operazioni di questo tipo: corsero già anni fa in SBK schierando una Yamaha R1 con a bordo piloti cinesi emergenti e anche in Moto GP 250 nel 2008 fecero la stessa cosa schierando una Aprilia 250GP il tutto con l’intenzione di fare esperienza nell’ambito felle corse ed apprendere il piu possibile… nel 2009 il team zongshen ha partecipato al campionato asiatico GP con un team interamente cinese , dai piloti ai tecnici fino ai meccanici e agli addetti stampa con la ciliegina finale della partecipazione al campionato TTXGP giusto in tempo per la ffinale di Albacete. Il team specifica che però la scelta di correre con questa moto è provvisoria e che nel 2011 il team ha intenzione di patecipare mcon un una propria moto. solo allora sapremo se si tratterà del frutto della collaborazione con Mission Motors o di un progetto totalmente autonomo…fatto sta che la Zongshen crede nella moto elettrica che è un settore importantissimo del mercato consumer cinese (oltre il 90% degli scooter in cina sono elettrici per le forti normative antinquinamento ) e per farsi conoscere in occidente oltre che per accumulare esperienza, ha intuito l’importanza di dover essere nelle competizioni. tutto questo costituisce sicuramente un altro importante traguardo raggiunto dalla organizzazione di Hussein in vista di un allargamento dei partecipanti e della presenza di sponsor capaci di finanziare nuovi eventi.

At the Intermot show in Cologne, Germany, TTXGP proudly announced the participation of our first fully-fledged factory team from Chinese Motorcycle manufacturer and racing team, China Zongshen Motorcycle Racing Team. Zongshen have a tremendous pedigree in top-flight motorcycle racing and join the TTXGP series in a hope to develop new, clean technology on the track and use the lessons learnt with TTXGP in their manufacturing facility in China.

China Zongshen Motorcycle Racing Team was formed in 1999 and was the first team from China to compete in the MotoGP World Championship and has also participated in the Asian Nations Cup.

The joining of Zongshen has been warmly welcomed by TTXGP. The mission of Zongshen Motorcycles to “provide clean, convenient and safe transportation tools for human beings and improve their life quality” is a goal that TTXGP are happy to be a part of and support wholeheartedly.

The team has been granted a wildcard entry to the TTXGP World Final/UEM in Albacete, Spain on the 23-24 October this year, where they will be using a temporary bike to run with the pack and gain vital experience before designing their own bike for the 2011 season.

Zongshen will have one of their factory team riders piloting the bike, Chi-Fung Ho, who has been with the team for the last 8 years, so he will be calling on all of his experience with the team, to get used to electric motorcycle racing as quickly as possible in a field of experienced competitors. Ho has a vast history of racing across many different classes, so should be the ideal rider to take the team from China into the next generation of motorsport.

source:ttxgp.com

  • Share/Bookmark